Pensioni ultime notizie su mini pensioni, quota 100, quota 41 da Cuperlo, Bellanova, Nannicini

Nuove possibilità per Cuperlo, Nannicini e Bellanova nel nuovo esecutivo e quali effetti potrebbero avere su ulteriori novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie su mini pensioni

Pensioni novità Gianni Cuperlo modifiche



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:01): Una delusione sui Ministri e con anche il problema di Nanninici che da Ministro rischia di non esere nemmeno più presente con ovvi limiti per le novità per le pensioni che doveva portare avanti, ma anche quelle che doveva concludere. E neppure Bellanova o il più difficile Cuperlo che si era ipotizzati nelle ultime notizie e ultimissime ce l'hanno fatta

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:04): Un tassello importante per le prospettive nel breve periodo sulle novità per le pensioni passa dalla scelta della nuova guida del dicastero dell'occupazione che, stando alle ultime e ultimissime notizie, sarà Teresa Bellanova. Ex esponente delle forze sociali, ha sempre seguito da vicino i temi della previdenza, con particolare attenzione ai lavoratori che esercitano attività faticosi.

Avrebbe voluto, come sperato, miglioramenti delle novità per le pensioni a Palazzo Madama in sede di discussione delle misure del testo unico, approvato alla fine con la fiducia e senza alcun miglioramento; ha rifiutato la proposta di diventare guida del Ministero dell'Istruzione per impegnarsi esclusivamente nella ridefinizione delle linee guida dello schieramento politico di cui fa parte: Gianni Cuperlo, che secondo le indiscrezioni difficilmente avrebbe potuto accettare una carica di ministro in quanto di una opposizione interna ben ferma, sembra avere le idee abbastanza chiare, stando a quanto riportano le ultime notizie, sul da farsi. All'indomani delle dimissioni dell'ex premier e del nuovo incarico dato dal Presidente della Repubblica a Paolo Gentiloni, Cuperlo torna ad immergersi nel suo sudato lavoro di ricostituzione di una sinistra che ultimamente sembrava essersi persa. Tra i punti di ripartenza, questione sociale e bisogni della gente, per cercare di rispondere alle loro richieste e alle loro esigenza in maniera concreta.

E proprio Cuperlo sarebbe tra coloro che vorrebbe assolutamente modifiche alle novità per le pensioni: secondo lui, infatti, le attuali mini pensioni e quota 41 limitate, a fronte della quota 41 per tutti e senza oneri o di novità per le pensioni certamente più importanti,rischiano di rivelarsi inefficaci e un inutile spreco di denaro, sia per quanto riguarda il rilancio dell’occupazione giovanile, sia per quanto riguarda la possibilità dei lavoratori più anziani, e più stanchi, di collocarsi finalmente a riposo. Lo stesso Cuperlo, l’anno scorso, fu l’unico senatore a muoversi realmente con un documento scritto per un rilancio di novità per le pensioni a Palazzo Madama, in occasione sempre della discussione del testo unico, poi, però, messo da parte.

Tra i ministri che il nuovo premier dovrebbe sostituire anche l’attuale responsabile del Dicastero dell’Occupazione e per occupare il suo posto circolano i nomi di Tommaso Nannicini o Teresa Bellanova. Si tratta di personalità che potrebbero avere importanti effetti sulle novità per le pensioni sia come studio in itinere, sia per la conferma di mini pensioni e quota 41 e relativi cambiamenti e una svolta importante potrebbe essere rappresentata dalla nomina di Nannicini. Lui, consigliere economico di Palazzo Chigi, voluto dallo stesso Renzi nella sua squadra di governo, è sempre stato favorevole alle novità per le pensioni, favorevole a cambiamenti peggiorativi per recuperare soldi da investire in conseguenti novità per le pensioni positive per tutti, favorevole alla divisione tra spesa assistenziale e spesa prettamente pensionistica, e che avrebbe già annunciato nuovi impegni per novità per le pensioni più importanti rispetto alle attuali mini pensioni e quota 41.

E’ lui, tra l’altro, che si sta occupando degli accordi con l’associazione degli istituti di credito e l’associazione delle polizze assicurative, per cui potrebbe contribuire a portare avanti quanto meno le attuali novità per le pensioni che non rischierebbero così di bloccarsi, come trapelato da alcune ultime notizie. Ma Nannicini è colui che ha anche annunciato una revisione del meccanismo delle aspettative di vita di un secondo momento di lavoro sulle novità per le pensioni e che nel caso di un nuovo incarico di ministro potrebbe certamente portare avanti. Come Nannicini, anche la Bellanova potrebbe rappresentare una buona scelta alla guida del Dicastero dell’Occupazione per avere effetti positivi di cambiamento per le novità per le pensioni. Ex sindacalista della Cgil, sosterrebbe certamente le novità pensioni, più importanti rispetto alle attuali quota 41 e mini pensione limitate, perché collegate al rilancio dell’occupazione giovanile, così come anche la questione di un allungamento dei tempi del contributivo femminile, prorogato al momento sì ma solo fino al prossimo mese di luglio e non fino al 2018 come era stato richiesto, in base anche alla disponibilità di risorse economiche appositamente stanziate. Probabilmente entro domani, comunque, saranno sciolte le riserve sui nomi ufficiali dei prossimi ministri e in base alle scelte potremo capire come si evolveranno le attuali situazioni ancora in sospeso.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il