Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 41, quota 100 cosa attendersi da Gentiloni e Governo

Cosa aspettarsi dal nuovo governo Gentiloni e prospettive per eventuali novità per le pensioni ulteriori o miglioramenti: prossime tappe

Pensioni ultime notizie mini pensioni, q

Pensioni aspettative novità governo Gentiloni ministri



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:47):  Nel suo primo discorso Gentiloni ha spiegato che verranno sviluppati alcuni punti che erano già del precedente esecutivo ma ne ha sottolineati altri, in modo importate quello dell'aiuto a chi ha più bisogno. Ora occorre capire cosa intende con questa, se magari novità sulle pensioni sulla falsa riga di quelle bfatte finora o almeno portarle avanti visti i tanti ostacoli che le ultime notizie e ultimissime stanno presentando proprio per esse e non solo

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:47): Per far partire le mini pensioni, il cui debutto come principale novità per le pensioni è previsto in maggio, il Governo Gentiloni dovrà definire in tempi brevi le convenzioni con gli istituto di credito e le assicurazioni che, continuano a ricordare le ultime e ultimissime notizie, parteciperanno all'attivazione di questo strumento.

All’indomani delle ultime notizie sul nuovo incarico dato dal Presidente della Repubblica a Paolo Gentiloni per la costituzione del nuovo governo che dovrebbe rimanere in carica fino alle prossime elezioni che ancora non si sa quando si terranno, ci si chiede cosa aspettarsi per le novità per le pensioni. Molto dipenderà chiaramente dai nuovi ministri che saranno nominati. E’ possibile che tra i ministri che resteranno in carica probabilmente, stando alle ultime notizie, ci saranno Maria Elena Boschi, ai rapporti col Parlamento e per le Pari opportunità; Maurizio Martina all’Agricoltura, mentre si avviano ad essere sostituita la Marianna Madia alla Pubblica Amministrazione, e il responsabile del Dicastero dell’Occupazione Giuliano Poletti e al suo posto potrebbero arrivare Tommaso Nannicini o Teresa Bellanova.

E se dovessero arrivare nuovi ministri come Nanninici o Bellanova, ma soprattuto Nanncini, potremmo attendere miglioramenti per le novità per le pensioni, considerando le posizioni di entrambe da sempre favorevoli a importanti cambiamenti pensionistici, o una fase di studio per le novità per le pensioni più avanzate, cioè mini pensioni e quota 41 per cui si attendono ulteriori definizioni ufficiali, o anche correttivi maggiori più profondi, a partire dalla revisione di quel meccanismo sulle aspettative di vita. E si tratta di una novità per le pensioni ulteriori che potremmo aspettarci con un’eventuale nomina di Nannicini al Dicastero dell’Occupazionem, considerando che è stato proprio lui, come riportano le ultime notizie, ad annunciare questa modifica per un secondo momento di impegni sulle novità per le pensioni.

Bisognerà comunque attendere per ulteriori sviluppi di capire quanto tempo resterà in carica il nuovo governo Gentiloni, se fino a fine legislatura o se saranno davvero anticipate le elezioni alla prossima primavera piuttosto che attendere il 2018. E, come abbiamo già spiegato, anticipare le urne potrebbe essere davvero l’interessante svolta tanto attesa per le novità per le pensioni. Se queste ultime notizie sono ancora incerte, di certo c’è che le aspettative ufficiali sulle novità per le pensioni sarebbero due: il Milleproroghe di gennaio e gli attesi Dpcm che dovranno definire le regole ufficiali di funzionamento di mini pensione e quota 41. Stando alle ultime notizie, infatti, è possibile che i miglioramenti proposti dal Comitato ristretto, che ci si aspettava venissero discussi e approvati con l’arrivo del testo unico a Palazzo Madama, possano essere ripresi proprio il Milleproroghe.

Dunque, dopo l’introduzione di maestre d'asilo ed educatori di asilo nido nella lista delle professioni faticose che potranno accedere alla mini pensione senza oneri e alla quota 41, con 12 mesi di contribuzione maturati entro il 19esimo anno di età; dopo l’approvazione del cumulo gratuito dei propri contributi previdenziali per tutti i lavoratori; e dopo la proroga del contributivo donna fino al 31 luglio 2016 anche per le nate dell’ultimo trimestre del 1958, con il Milleproroghe si potrebbe tornare a discutere della richiesta di un aumento dei tempi di malattia e di non occupazione, rispettivamente fissati ora sui sei mesi e i tre mesi, per l’accesso alla mini pensione senza oneri; della richiesta di ampliamento delle professioni da considerare faticose per la richiesta di mini pensione senza oneri e quota 41; e della richiesta di riduzione degli anni contributivi necessari per la richiesta di mini pensione senza oneri per coloro che svolgono occupazioni pesanti e faticose, fissati al momento a 36 anni ma da abbassare a 35.

Insieme al Milleproroghe, tra i prossimi passaggi attesi per l’iter per mini pensione e quota 41 ci saranno i Dpcm, che dovrebbero arrivare a febbraio, cioè entro 60 giorni dall’approvazione del provvedimento, e che dovrebbero essere tre in particolare, per mini pensione e quota 41, per definire tassi di interesse sulla mini pensione; condizioni per le polizze assicurative; ed eventuali criteri di priorità per la richiesta di accesso a mini pensione senza oneri e quota 41.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il
Puoi Approfondire