Pensioni ultime notizie su quota 100, quota 41, mini pensioni da Paolo Grossi, Verdini, Berlusconi

Le ultime affermazioni di Verdini, Berlusconi, Paolo Grossi e ultime notizie su nuovi scenari politici e prospettive di rilancio delle novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie su quota 100, qu

Pensioni novità posizioni nuovo esecutivo Berlusconi elezioni



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:01) Tutto ruota per le novità per le pensioni nel medio termine sulle prossime elezioni e quando ci saranno. Poi chiaramente anche per le novità per le pensioni attuali si analizzano le ultime notizie e ultimissime su quando ci saranno le prossime elezioni perchè c'è un processo da concludere con numerosi e difficoltosi passaggi. E sicuramente la decisione dell'Alta Corte sul metodo per il voto presieduto da Paolo Grossi avrà effetti molto importanti, perchè a quel punto l'esecutivo si troverà da subito in acque molte agitate.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:01): L'impressione stando a queste primissime mosse della nuova maggioranza è di una polarizzazione delle posizioni ovvero con una opposizione ancora più ferma sulle sue posizioni, comprese quelle relative alle novità per le pensioni, in attesa della prossima chiamata al voto. La variabile, come da ultime e ultimissime notizie, è legata alle future decisioni del gruppo di Verdini.

Il nuovo contesto politico venutosi a creare all’indomani della nomina del nuovo premier e della sostituzione di alcuni ministri sembra che stia dando vita ad un nuovo equilibrio che dovrebbe ripartire dalla maggioranza e dal tentativo di superare i contrasti e le tensioni interne con l’opposizione interna. E la decisione del neo premier di assegnare alcuni Ministeri a determinate personalità è stata espressione della volontà di questo nuovo tentativo di ricompattamento della stessa maggioranza, con il contestuale allontanamento di ipotetiche alleanze che, post Renzi, avrebbero potuto rimanere in piedi, come quella con Ala Di Verdini. Le ultime notizie, però, confermano che il quadro sta decisamente cambiamento tinte. E ogni cambiamento andrà certamente ad influenzare il cammino dei provvedimenti che si stanno portando avanti e che dovranno essere messi a punto, novità per le pensioni comprese.

Pensioni novità incerte con la strategia di Verdini 

Denis Verdini è tra i primi grandi delusi di questo nuovo esecutivo: dopo il suo avvicinamento all’ex premier, sperava, visto il sostegno dato alla maggioranza, che le ultime notizie per lui e il suo schieramento fossero diverse, ma il nuovo capo dell’esecutivo ha deciso di allontanarlo, di mantenere le distanze con colui che sembrava potesse invece diventare una sorta di nuovo perno per la tenuta di questa maggioranza. Aspettative deluse anche per quanto assegnazione di Ministeri e incarichi. Ma del resto Verdini ha annunciato, come riportano le ultime e ultimissime notizie, di non voler partecipare nè all’esecutivo nè alla maggioranza che lo sostiene, parlando dell’esecutivo appena costituito come di un esecutivo ‘fotocopia’ e affermando di non avere intenzione di votare la fiducia ad un esecutivo che si sarebbe potuto comprendere se fosse stato un Renzi bis. Secondo molti si tratta di una posizione presa proprio per l’esclusione di membri di Ala dalla nuova lista dei ministri; per altri si tratta di una presa di posizione che potrebbe essere stata annunciata d’accordo proprio con Renzi, cosa si potrebbe evincere dalle ultime notizie che riportano una sorta di messaggio dello stesso Verdini all’ormai ex premier, in cui parla di fragilità del nuovo esecutivo, condizione che potrebbe portare lo stesso nuovo premier a cambiare rotta in occasione delle prossime elezioni, che, stando alle ultime notizie, potrebbero svolgersi il prossimo giugno.

Secondo Verdini, dunque, potrebbe essere proprio lui ‘a staccare la spina’ al nuovo esecutivo, ma sempre d’accordo con l’ex premier. L'obiettivo di Verdini, che sembrerebbe dunque in accordo con Renzi, sarebbe non solo quello di impedire al nuovo esecutivo di arrivare a fine legislatura, andando quindi ad elezioni prima del 2018, ma anche di bloccare i tentativi di modifica del sistema di voto, con un eventuale ritorno al proporzionale. I prossimi mesi, dunque, saranno davvero cruciali. Ma in un meccanismo di rilancio dell’ex premier, anche dall’alleanza con Verdini, centrali saranno le questioni che saranno rilanciate, a partire dalle novità per le pensioni particolarmente importanti per i cittadini.

Pensioni ultime notizie positive solo nel lungo termine con Berlusconi

Decisamente meno ‘forte’ la posizione di Silvio Berlusconi fermo sulla volontà di andare alle elezioni, anche se senza fretta. Ma con Berlusconi potrebbero aprirsi diversi scenari che coinvolgerebbero anche lo stesso ex premier: se, infatti, stando alle anticipazioni delle ultime notizie, l’ex premier fosse costretto a lasciare il suo schieramento politico potrebbe essere il fautore del rilancio del Partito della Nazione e potrebbe cercare nuove larghe intese e un nuovo accordo anche con Berlusconi. Obiettivo di Berlusconi è arrivare alle elezioni con il Consultellum, proporzionale senza alcun premio di maggioranza, che gli permetterebbe di andare al voto da solo, senza alcuna alleanza, per poi costituire un esecutivo di larghe intese con l’attuale maggioranza. E in questo contesto, particolare importanza avrebbero quelle questioni sociali, tornate al centro degli interessi della maggioranza, da sempre a cuore allo stesso Berlusconi, comprese le novità per le pensioni. Molto, però, dipenderà dal pronunciamento della Consulta. E si tratta di una tappa importante e al momento incerta.

Novità pensioni condizionate dalla decisione Alta Corte presieduta da Paolo Grossi

Stando alle ultime notizie, lo stesso presidente dell’Alta Corte Paolo Grossi ha parlato di un momento difficile per l’Italia e per il ruolo della stessa Alta Corte. Il momento che l’Italia sta vivendo è decisamente delicato ma certamente all’indomani dell’atteso pronunciamento della Consulta ci sarà una richiesta fortissima di andare subito alle elezioni e se così fosse si tratterebbe, come detto già da tempo, dell’occasione ideale di rilancio delle novità per le pensioni che potrebbero diventare, per la loro importanza, tema centrale su cui giocarsi le stesse urne.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il