Ricette di Natale: 2 menų di carne Cena di natale e Pranzo di Natale

Antipasti, primi e secondi a base di carne per la cena della Vigilia e il pranzo di Natale 2016. Cosa preparare di veloce e gustoso

Ricette di Natale: 2 menų di carne Cena

Menų cena viglia pranzo Natale carne



E’ vero che solitamente la cena della vigilia di Natale del 24 dicembre è a base di pesce, ma non tutti amano il pesce e ciò significa che sulle tavole natalizie, sia per la cena della Vigilia che per il pranzo del 25 si prepareranno menù a base di carne. Qui di seguito ne proponiamo due che potrebbero essere davvero apprezzati, gustosi e anche semplici da realizzare

Ricette di Natale primo menù a base di carne

Ad aprire cena e pranzo certamente ci saranno aperitivi e antipasti che potrebbero spaziare da tradizionali rustici, a pizze fatte in casa farcite con formaggio e prosciutto o zucchine e formaggi, o, ancora,  scamorza e speck; a involtini di prosciutto e formaggio cremoso. Passando ai primi piatti, come alternative alle classiche lasagne al ragù, sempre molto apprezzate, si potrebbero preparare le lasagne carciofi e salsiccia: per la preparazione di questo piatto servono 250 gr di lasagne fresche all'uovo, 12 carciofi, 100 gr di parmigiano grattugiato, 4 salsicce macinate, 1/2 bicchiere di vino, 500 ml di besciamella, 1 limone, olio, sale e pepe, 400 g mozzarelle fiordilatte. Per la preparazione, bisogna innanzitutto pulire i carciofi e tagliarli a fettine, man mano che li tagliate, immergeteli in acqua acidulata con succo di limone per non farli annerire, sgocciolateli e cuoceteli con tre cucchiai di olio in una padella, aggiustando con sale e pepe. Aprite le salsicce e cuocete il macinato in padella senza aggiungere olio; poi sbollentate le lasagne per due minuti in acqua bollente salata e scolatele passatele in acqua fredda e asciugatele su un panno pulito.

Oleate bene una pirofila, e rivestitela con un primo strato di lasagne, aggiungete i carciofi, la salsiccia, il parmigiano grattugiato, la besciamella e la mozzarella fatta a pezzetti. Completate il primo strato ricoprendo con altri fogli di lasagna e procedete in questo modo fino ad esaurimento degli ingredienti. Terminate coprendo la superficie della lasagna solo con besciamella, mozzarella e parmigiano grattugiato. Cuocete in forno a 200 gradi per 30 minuti. Passando ai secondi, un classico sulle tavole natalizie è, appunto, il tacchino di Natale, un classico su molte tavole. Per preparare questa ricetta servono 600 gr di petto di tacchino, 600 gr di spinaci lessati, 1 cipolla, 2 carote, 2 spicchi di aglio, 200 gr di salsiccia di maiale, 1 fetta di pancetta affumicata spessa, 20 gr di burro, una foglia di alloro, 50ml di olio extra vergine di oliva, 200 ml di brodo di carne, 1 foglia di salvia, un rametto di rosmarino, noce moscata, 250 ml di vino bianco, farina, sale e pepe nero quanto basta. Bisogna innanzitutto fare insaporire gli spinaci in un tegame con il burro, la noce moscata, sale e pepe; pulite la cipolla, l'aglio, le carote e il sedano e tagliateli a pezzi con la pancetta; si battete poi la carne, che deve essere salata e pepata; quindi bisogna distribuire gli spinaci sopra la carne in uno strato uniforme e collocate al centro degli spinaci il cotechino o la salsiccia spellata.

Si arrotola poi la fetta di tacchino e si lega con uno spago da cucina. Si rosola poi il rotolo un una teglia con l'olio, unire le verdure e le erbe, pepe, pancetta, alloro 1dl di vino bianco e infornare il tutto per 10 minuti a 180 gradi. Quando il vino sarà evaporato, abbassare a 150°C e cuocere per un'ora, bagnando ogni tanto con il brodo, 1,5 dl di vino e il fondo di cottura. Una volta cotto, togliete il tacchino dalla teglia e sgrassate il fondo di cottura, sfumatelo con il vino rimasto poi unite un pò di brodo e filtrate la salsa ottenuta.


Ricette di Natale secondo menù di carne

Come antipasti per un secondo menù di carne, si possono preparare semplici cestini di patate, molto gustosi, ripieni di una morbida mousse di mortadella, ma si potrebbe proporre anche un vitello tonnato, sempre molto gradito. Passando ai primi, invece della solita pasta al forno o della solita lasagna, per chi volesse cambiare e fare qualcosa di diverso dal tradizionale, si potrebbe preparare un ottimo risotto zucca e speck. Gli Ingredienti per 4 persone prevedono 800 g di zucca, 360 g di riso arborio, 140 g di speck tagliato a fette sottili, ½ cipolla, 4 cucchiai di olio extravergine di oliva, 60 g di burro, 50 g di parmigiano grattugiato, sale, pepe, brodo vegetale, prezzemolo tritato.

Per preparare il risotto zucca e speck, iniziate eliminando la buccia alla zucca e tagliatela a cubetti di medie dimensioni. Tagliate poi le fette di speck a listarelle e nel frattempo fate sciogliere 20 g di burro insieme all’olio in un tegame, aggiungetevi quindi lo speck e fatelo rosolare a fuoco basso per 2-3 minuti, girandolo spesso. Appena colorito, scolatelo e tenetelo da parte. Nello stesso fondo di cottura, fate rosolare la cipolla tritata finemente, poi unitevi la zucca, salatela e lasciatela insaporire per un minuto o due, mescolandola spesso. Bagnatela con un mestolo di brodo vegetale e lasciatela cuocere coperta a fiamma moderata per 8-10 minuti, finché non sarà tenera e inizierà a sfaldarsi.

A questo punto si può aggiungere il riso, che dovrà tostare per qualche minuti. Alzate quindi la fiamma e sfumate con un altro po’ di brodo, cuocete il risotto zucca e speck per circa 15-18 minuti, mescolandolo spesso e aggiungendo altro brodo caldo poco a poco ogni volta che quello precedente si è assorbito. Trascorso il tempo di cottura, assaggiatelo e, se serve, aggiustate di sale. Mantecatelo quindi con il resto del burro, mescolando sempre per farlo assorbire. Spegnete il fuoco e aggiungete infine il parmigiano e lo speck. Servite il risotto zucca e speck guarnito con un pò di prezzemolo fresco tritato e le striscioline di speck. Passando ad un gustosissimo secondo, si potrebbe preparare un buon polpettone di carne in crosta di pancetta ripieno di formaggio e funghi, e chi volesse potrebbe aggiungervi anche il prosciutto.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il