BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni 2017: la vera svolta nelle elezioni con novità per mini pensioni Ape Social, Ape Volontaria, quota 41, quota 100

L’importanza di nuove elezioni nel processo di approvazione di importanti e profonde novità per le pensioni: cosa aspettarsi e prospettive


Pensioni ultime notizie nuove elezioni

Pensioni novità svolta elezioni dopo dimissioni Renzi



Nuovo esecutivo Renzi-bis, nuovo governo tecnico o elezioni anticipate: dalle ultime notizie risulterebbe che l’ipotesi al momento più accreditata è quella di arrivare alla costituzione di un nuovo governo entro lunedì prossimo, secondo quanto emerso dopo la seconda giornata di consultazioni apertesi dopo le dimissioni ufficiali da parte del premier Renzi. E proprio lui potrebbe essere nuovamente alla guida di un nuovo esecutivo nell’attesa di nuove elezioni che dovrebbero tenersi il prossimo giugno, anticipate, dunque, sì rispetto al 2018 ma non già al prossimo mese di febbraio. E’, infatti, necessario, secondo quanto riportano le ultime e ultimissime notizie, che l’esecutivo resti fino a maggio, soprattutto per rispondere a impegni internazionali già fissati. Anticipando le elezioni a giugno, queste ultime stesse potrebbero rappresentare la vera svolta per l’approvazione di importanti novità per le pensioni, perché le promesse elettorali, che dovranno diventare realtà stando alle attese dei cittadini, potrebbero essere le stesse misure, novità per le pensioni comprese, che saranno inserite nel prossimo nuovo iter economico che si andrà discutere poi nei prossimi  mesi di settembre e ottobre. E in tal caso, proprio le novità per le pensioni avrebbero ancor più importanza.

In vista di nuove elezioni, infatti, tutti gli schieramenti politici, per riconquistare fiducia, consensi ed elettori, punteranno certamente sui temi più cari ai cittadini, avendo tutto il tempo di poterli pianificare già da ora, e tra questi innanzitutto le novità per le pensioni. All’indomani delle forti critiche e delle forti delusioni da parte degli stessi cittadini per le ultime novità per le pensioni che sono state al momento inserite nel nuovo testo unico, vale a dire mini pensione e quota 41 molto limitate e non per tutti, per cui manca però ancora l’ufficialità di Dpcm che dovrebbero arrivare a febbraio ma che viste le ultime notizie potrebbero essere ancora rimandati o addirittura saltare, in vista di novità per le pensioni più importanti, sarà necessario fare infatti qualcosa di ben più profondo e concreto per le stesse pensioni. Nell’attesa di nuove elezioni che, come possiamo immaginare, si giocheranno sulla partita delle novità per le pensioni e di misure legate a questioni sociali, probabilmente, come a inizio pezzo riportato, sarà costituito, stando alle ultime e ultimissime notizie, un nuovo governo tecnico.

Questa novità potrebbe avere diverse effetti sulle novità per le pensioni: se, infatti, come ipotizzato in queste settimane, alla guida del nuovo governo dovesse essere confermato l’attuale ministro dell’Economia, difficilmente si potrà fare qualcosa di nuovo per le novità per le pensioni, nulla sulla revisione delle aspettative di vita, nulla per novità per le pensioni di quota 100 o novità per le pensioni di quota 41. Se, però, alla guida del nuovo governo dovesse l’attuale presidente di Palazzo Madama, tra i nomi papabili riportati dalle ultime notizie, potrebbero aprirsi nuove speranze di modifiche per le novità per le pensioni, considerando che il presidente di Palazzo Madama sostiene da sempre l’importanza di attuazione di novità per le pensioni, collegate al lavoro e al rilancio dell’occupazione giovanile, novità che si porrebbero anche come opportunità di contrasto dell’indigenza e di rilancio di produttività e consumi.

Altro nome papabile che potrebbe arrivare alla guida del nuovo governo, quello di Paolo Gentiloni, tra i fedelissimi dell'attuale premier dimissionario, che potrebbe portare avanti i lavori già avviati delle novità per le pensioni di mini pensione e quota 41 ristrette, continuando i lavori per la definizione degli accordi che dovranno essere contenuti nei prossimi Dpcm attesi, evitando che gli impegni si blocchino, facendo saltare tutto.   

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il