BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 100, quota 41 regali di Natale e Feste

L’anno sta volgendo al termine e le ultime notizie confermano ancora un nulla di fatto importante e concreto sulle novità per le pensioni


Pensioni ultime notizie Natale

Pensioni novità regali babbo Natale aspettative



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 10:33): Per queste feste, subito dopo Natale, e sempre come regali di Natale nel brevissimo e nelle ultime notizie e ultimissime sulle pensioni ci si potrebbe attendere come doni graditi sepppu non rivoluzionari sicuramente la nomina di Nanicini come vice del Dicastero e almeno un delinearsi qualche novità per le pensioni semiufficiale nel Milleproroghe.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:15): Se si andasse alle urne, infatti, come abbiamo ripetuto più volte si potrebbero davvero avere delle novità per le pensioni decise e profonde. Non ci si può aspettare una cancellazione dell'attuale sistema per mettere le cose subito in chiaro, ma un netto miglioramento con l'inserimento, ad esempio, di quota 100 che praticamente tutti gli esponenti nelle ultime notizie e ultimissime era disposti a sottoscrìvere potrebbe diventare realtà. Ma on c'è solo questo


Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 13:12): Andando oltre i regali fattibili alcuni dei quali dipendono soprattutto dalla volontà e dalla vogia di fare come sempre e non sono sicuramente dei voli pindarici e ne abbiamo già parlato nelle ultime notizie, è interessante vedere quali potrebbe essere le novità per le pensioni davvero, come le abbiao definite, regaloni, ma solo per dire che sarebbero quelle più vere e non certamente come già spiegati regali. E condizioni essenziale per la lista che abbiamo fatto sono comunque le elezioni e le urne. 

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:10): Cosa può portare Babbo Natale come regali di Natale per tutti coloro che si impegnano o semplicemente vorrebbero novità per le pensioni? Abbiamo fatto una breve letterina o lista dei desideri dividendola tra quelle novità per le pensioni più fattibili nelle ultime notizie e ultimissime riguardanti decisioni attese e quelle più nel lungo termine che sarebbero davvero una svolta, ma sarebbero davvero dei veri regali per le pensioni.

Ci si avvicina ormai alla fine dell’anno e anche questo si chiuderà con un nulla di fatto importante e concreto sulle novità per le pensioni. Sono rientrate, infatti, nel nuovo testo unico solo le novità per le pensioni di mini pensione e quota 41, limitate e ristrette, nulla di più importante come novità per le pensioni di quota 100 o quota 41 per tutti. Nessun regalo, dunque, da Babbo Natale per chi attendeva ulteriori modifiche delle attuali norme pensionistiche che assolutamente continuano a non piacere, soprattutto per il coinvolgimento degli istituti di credito che, come sottolineano anche le ultime notizie, sarebbero gli unici favoriti. Nonostante l’anno stia per volgere al termine senza alcuna particolare novità per le pensioni, potremmo ancora sperare in qualche regalo di Natale relativamente da subito.

Certo, poi vi sono dei Regali di Natale che sono davvero dei Regali di Natale, come in ordine sparso:

- un ritorno di quota 100
- un ritorno a quota 41 o anche quota 40 per chi ha iniziato presto o ha fatto occupazioni faticose senza condizionamenti
- pensione a 62 anni per tutti con
- pernsioni e agevolazioni per il mondo femminile
- l'assegno universale per chi rimane senza lavoro
- rivedere completamente le pensioni dei disabili
- cancellare le pensioni più alte degli esponenti politici o ridurle drasticamente
- rivedere o eliminare completamente la norma attuale
- migliori pensioni per vedove

Novità per le pensioni di Natale

Non si tratterebbe certo di un regalo imminente e nel breve periodo, ma, teoricamente, potrebbe già arrivare. C’è, infatti, chi auspica elezioni anticipate il prima possibile e l’annuncio di nuove elezioni sarebbe, stando alle ultime e ultimissime notizie, l’occasione ideale di rilancio di novità per le pensioni più importanti. E’ stato già ripetuto diverse volte e siccome le diverse forze politiche si giocheranno il loro futuro, per conquistare consensi e fiducia dagli italiani, certamente punteranno su novità per le pensioni decisamente più profonde rispetto alle attuali mini pensioni e quota 41. Nel frattempo, però, un buon regalo di Natale sarebbe la certezza di portare a termine le novità per le pensioni in itinere, e cioè concludere gli accordi con istituti di credito e assicurazioni per la definizione dei Dpcm che dovranno ufficializzare tempi di entrata in vigore e regole di funzionamento delle stesse mini pensioni e quota 41, in modo da dare il via, come anticipato in questi giorni, a invio delle domande per mini pensione e quota 41 dal prossimo mese di maggio 2017. Nel mezzo, il Milleproroghe: le ultime notizie riferiscono che con il Milleproroghe potrebbero tornare in discussione anche i miglioramenti richiesti dal Comitato ristretto per le pensioni come l’estensione della lista dei mestieri considerati faticosi, una riduzione degli anni contributivi, da 36 a 35, per l’accesso a mini pensione senza oneri e quota 41 per chi è impiegato in attività faticose, e un aumento dei tempi di malattia e non occupazione, sempre per la mini pensione senza oneri e quota 41. E se questi miglioramenti venissero approvati, potremmo parlare di un regalo di Babbo Natale in ritardo, considerando che erano attesi per l’approdo del testo unico a Palazzo Madama qualche settimana fa, approvato con poi con la fiducia, e quindi senza alcun miglioramento.

Novità per le pensioni con Nannicini al Dicastero dell’Occupazione

Un altro regalo di Natale, per le novità per le pensioni, potrebbe essere quello dell’annuncio di Nannicini al Dicastero dell’Occupazione: se fino a qualche giorno fa si attendeva il suo arrivo come vice responsabile del Dicastero dell’Occupazione, all’indomani delle ultime notizie sulle dichiarazioni da parte dell’attuale responsabile, è possibile che entro la fine di quest’anno Nannicini possa diventare il nuovo responsabile dicastero. E la sua nomina farebbe ben sperare in un proseguimento dei lavori sulle novità per le pensioni, sia attuali, cioè con l’ufficializzazione dei Dpcm per mini pensione e quota 41, sia di una seconda fase che dovrebbe partire dalla revisione delle aspettative di vita. Questo cambiamento sarebbe davvero importante, considerando che modificherebbe il principio fondante delle attuali norme pensionistiche. Secondo quanto attualmente previsto, infatti, l’età pensionabile aumenta di tre, quattro mesi, ogni due anni, per adeguamento all’aspettativa di vita Istat. Il prossimo scatto dovrebbe verificarsi a gennaio del 2019. Modificando questo meccanismo, dunque, si bloccherebbero gli scatti dell’età pensionabile, che non salirebbe più. O almeno non ogni due anni. In tal senso, le richieste sono state quelle di eventuali aumenti non ogni due ma ogni cinque anni. Bisognerà vedere come eventualmente si avrà intenzione di procedere su questo provvedimento, se gradualmente in base alle categorie di lavoratori, partendo da chi svolge occupazioni faticose e chi è entrato giovanissimo nel mondo occupazionale, a 14-15 anni, o per tutti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il