Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 41: richieste di miglioramenti sempre più ufficiali

Ulteriori richieste di miglioramenti per le novità per le pensioni già approvate e ultime notizie su possibili modifiche

Pensioni ultime notizie mini pensioni, q

Pensioni novità richieste ufficiali miglioramenti



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 11:20): Nonostante l'inevitabile rallentamento della macchina politica per via del cambio di guida della maggioranza, il confronto sui principali temi in agenda, tra cui quello delle novità per le pensioni, potrebbe presto trovare nuove vigore. Le prime risposte alle rinnovate istanze sociali e politiche, come da ultime e ultimissime notizie, arriveranno già nelle prime settimane del prossimo anno.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:01): Non si può di certo dire conclusa la partita delle novità per le pensioni. Anche se i recenti fatti politici hanno portato a un rallentamento sia del dibattito generale e sia del confronto all'interno della maggioranza, sono adesso le ultime e ultimissime notizie a ricordare come tanti decisivi dettagli verranno fuori dai prossimi decreti della presidenza del Consiglio dei ministri.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:27): Se finora le richieste di miglioramenti per le novità per le pensioni che si devono concludere erano soprattutto riprese dalla seconda parte dell'iter interrotto bruscamente, ora, nelle ultime notizie e ultimissime oltre a una serie di indiscrezioni, arrivano anche delle richieste ufficiali sia su cosa fare per migliorare davvero mini pensioni con oneri e senza oneri che quota 41, ma anche richieste di confronti e riunioni.

Dopo l'approvazione del testo unico a Palazzo Madama con la fiducia e nessun miglioramento, le ultime notizie tornano a parlare delle richieste di miglioramenti per le novità per le pensioni. Come già spiegato, è possibile che il Milleproroghe rappresenti una nuova occasione per tornare a discutere dei miglioramenti alle novità per le pensioni proposti dal Comitato ristretto per le pensioni, miglioramenti che si sperava venissero approvati già a Palazzo Madama, ma poi saltati.

Tra le richieste di miglioramento alle novità per le pensioni già approvati ricordiamo la proroga del contributivo femminile al 31 luglio 2016 (e non al 2018 come era stato richiesto) esteso anche alle nate dell’ultimo trimestre del 1958; il cumulo gratuito dei contributi a tutti i lavoratori, non solo dunque quelli collegati alle gestioni previdenziali dell’Istituto di Previdenza ma anche agli iscritti alle casse previdenziali private, cioè lavoratori autonomi e liberi professionisti; e la possibilità, come riportato dall’ultima circolare dell’Istituto di Previdenza, di andare in pensione a 64 anni per tutti i lavoratori dipendenti del settore privato che abbiano maturato almeno 36 anni di contributi maturati o a 61 anni di età con 35 di contributi, entro il 31 dicembre 2012, e tutte le lavoratrici dipendenti del settore privato 60 anni di età e 20 anni di contributi, sempre entro il 31 dicembre 2012, anche se28 dicembre 2011 non risultassero regolarmente impiegati in una occupazione dipendente nel settore privato.

Richieste di miglioramenti delle novità per le pensioni dal Comitato ristretto

Le richieste del Comitato ristretto prevedono un aumento dei tempi di malattia e non occupazione per mini pensione senza oneri e quota 41; un allargamento della lista delle attività da considerare faticose, sempre per la richiesta di mini pensione e quota 41; una riduzione degli anni contributivi da 36 a 35 per mini pensione senza oneri e quota 41 per coloro che sono impegnati in occupazioni faticose e pesanti. E potrebbe tornare ad essere discussa, stando a quanto riportano le ultime e ultimissime notizie, anche la richiesta di abbassamento della percentuale di invalidità, dal 75 al 60%, oggi prevista per mini pensione senza oneri e quota 41, proposta che sarebbe già stata respinta.

Nuove richieste di miglioramento per le novità per le pensioni di mini pensione e quota 41

Ma, stando alle ultime notizie, dallo stesso Comitato ristretto per le pensioni sarebbero arrivate ulteriori richieste di miglioramento per le novità per le pensioni di mini pensione e quota 41: l'ultima riguarderebbe la richiesta di non considerare necessariamente continuativi i sei anni di impiego in attività faticose per la richiesta della mini pensione senza oneri. Inoltre, u’ ulteriore richiesta è quella di considerare utili ai fini del raggiungimento dei requisiti pensionistici stabiliti tutti i contributi versati e non solo da quelli da lavoro dipendente del settore privato. Secondo il presidente del Comitato ristretto per le pensioni, per la pensione dei nati nel 1952 dovrebbe essere eliminato la regole che esclude dal calcolo dei contributi utili (35 o 36 per gli uomini e 20 per le donne) i contributi figurativi come quelli da riscatto, maternità o servizio militare, cioè tutti i contributi esterni al contratto di lavoro da dipendenti del settore privato.

Richieste di miglioramenti per le novità per le pensioni dalla Confederazione autonoma lavoratori europei

Oltre al presidente del Comitato ristretto per le pensioni, a chiedere ulteriori miglioramenti per le novità per le pensioni di mini pensione e quota 41 inserite nel nuovo testo unico, anche il presidente della Confederazione autonoma lavoratori europei, che, come riportano le ultime e ultimissime notizie, avrebbe chiesto al nuovo esecutivo la riapertura del confronto sulla questione pensionistica, ponendo come principali questioni da affrontare turnover a lavoro, sblocco della perequazione automatica delle pensioni, e soprattutto la richiesta di modifiche della novità per le pensioni di quota 41. Secondo il presidente della Confederazione, infatti, per questa categoria di lavoratori non sarebbe stato fatto nulla di importante, considerando limiti e paletti posti per poter usufruire della quota 41 così come attualmente modulata. La richiesta sarebbe quella di una revisione del meccanismo previsto con un ampliamento della possibilità di andare in pensione prima con la quota 41 a tutti.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il
Puoi Approfondire