BusinessOnline - Il portale per i decision maker


CartaSi entra nel credito al consumo: carte revolving, cessione quinto di stipendio, prestiti

CartaSi, ha desiso di lanciarsi nel mercato dei prestiti e delle assicurazioni creando una società ad hoc aperta a collaborazioni, capitali e acquiston di quote da parte di banche e partner industriali.



CartaSi, ha desiso di lanciarsi nel mercato dei prestiti e delle assicurazioni creando una società ad hoc aperta a collaborazioni, capitali e acquiston di quote da parte di banche e partner industriali.

La nuova società, di cui non si conosce ancora il nome, cercherà di rispondere con nuove offerte alle attuali esigenze del mercato del credito al consumo: carte revolving, cessione del quinto di stipendio e prestiti personali.

Le nuove soluzioni sarano vendute attraverso alcune banche che aderiranno all'offerta o direttamente alla clientela interessata attraverso un contact center e su Internet, sul proprio sito web.

Le nuove soluzioni di credito al consumo saranno lanciate nel gennaio del 2008 e nella fase iniziale saranno offerte direttamente da CartaSi.

Dal secondo trimestre del 2008 la newco sarà pienamente operativa e gestirà i rapporti con la clientela, lo sviluppo dei prodotti di credito al consumo e il relativo rischio di credito.

L'obbiettivo è che entro 5 anni, un quarto del fatturato del Gruppo derivi dalle attività di credito al consumo e di servizi assicurativi

Anche l'esercizio 2007 si chiuderà con ottimi risultati: +141,5% di Ebit, corrispondente a un valore atteso di 38,4 milioni di euro rispetto ai 15,9 milioni di euro realizzati nel 2006. Gli utili ante imposte saranno di circa 25 milioni di euro, praticamente doppi rispetto all'anno scorso.

I migliori Prestiti personali senza busta paga e finanziamenti DICEMBRE 2016. In questo articolo proponiamo i migliori finanziamenti senza bisogno di presentare la busta paga e senza garanzie, ma anche prestiti personali, finanziamenti per attività e liberi professionisti con bassi tassi d'interesse.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il