Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 41, quota 100 da Dicasteri Occupazione, Sviluppo, Tesoro

Le ultime nomine dei vice dei Dicasteri Sviluppo, Tesoro, Occupazione, ultime notizie su loro posizioni, e conseguenze per novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie mini pensioni, q

Pensioni novità nomine Dicasteri Sviluppo Tesoro Occupazione



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 12:14): L'impressione è che la nuova maggioranza (in realtà molto simile a quella precedente) voglia procedere con il freno a mano tirato sulle novità per le pensioni. Le priorità sono eventualmente altre e lo confermano le ultime e ultimissime notizie. Le stesse che, però, ricordano come ci siano in agenda importanti appuntamenti dai quali non si può prescindere.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:30): E vi sono giustamente preoccupazione almeno su due livelli e diversi ambiti per le decisioni che potrebbero prendere anche peggiorative per le novità per le pensioni da parte in modo particolare del Tesoro che ha avuto nelle ultime notizie e ultimissime un atteggiamento sempre freddo sulle mini pensioni e quota 41 più restrittivo ancora già delle stringenti condizioni.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:22):  Non può esserci ottimismo dopo le decisioni prese per i vari responsabili più operativi nei Dicasteri che si occupano delle novità per le pensioni. Sono andati via persone importanti, qualche spiraglio e speranza rimane, ma ci sono anche molti esponenti intrasigenti e che lo sono stati nelle ultime notizie e ultimissime per le pensioni.

Dopo le nomine dei ministri del nuovo esecutivo, tra conferme e  novità, così come era stato anticipato qualche giorno fa, sono arrivate anche le ultime notizie sulle nomine dei vice dei diversi Dicasteri. E l’attenzione è particolarmente puntata sulle nuove nomine ai Dicasteri dello Sviluppo Economico, del Tesoro e dell’Economia, i tre Dicasteri fondamentali in riferimento alla questione pensionistica e alle novità per le pensioni.

Nuove nomine al Dicastero dello Sviluppo

Confermato qualche settimana fa l’attuale ministro alla guida del Dicastero dello Sviluppo Economico, come vice responsabili sono stati nominati Teresa Bellanova, Antonio Gentile, Antonello Giacomelli, Ivan Scalfarotto. Questo Dicastero è importante per l’iter del Dl Sviluppo che contiene misure legate anche alle novità per le pensioni. Prevede, infatti, una norma per il prepensionamento di tutti i lavoratori iscritti ai fondi nel caso in cui si ritrovassero senza occupazione, avendo la possibilità di riscattare quanto versato nel proprio fondo prima del raggiungimento della normale età pensionabile. L’arrivo della Bellanova a questo Dicastero potrebbe rivelarsi importante per le novità per le pensioni, considerando che, come spiegano le ultime notizie, stiamo parlando di  una sindacalista della Cgil, che sostiene da sempre l’importanza delle novità pensioni, perché collegate al rilancio dell’occupazione giovanile, anche in vista di un rilancio economico generale. E più che le attuali novità per le pensioni di quota 41 e mini pensione inserite nel nuovo testo unico, il suo appoggio è per le novità per le pensioni più importanti come quota 100 e quota 41 per tutti.

Nuove nomine al Dicastero del Tesoro

Al Dicastero del Tesoro, tra conferme e novità, sono stati nominati vice  resposabili Pier Paolo Baretta, Luigi Casero, Paola De Micheli, Enrico Morando, tutte personalità che sostengono, di base, la necessità di attuazione di novità per le pensioni anche se, come ha spesso ribadito Morando, non rappresentano ancora una priorità per il nostro Paese. Si faranno, ha sempre dichiarato, ma in un secondo momento: ci si concentrerà sulle novità per le pensioni quando saranno chiuse le altre questioni che, a quanto pare, sono sempre più importanti e prioritarie rispetto alle stesse novità per le pensioni. D’accordo sulla necessità di novità per le pensioni anche Baretta che, però, nel corso dei mesi scorsi ha diverse volte cambiato posizione, sostenendone prima l’urgenza, tanto da rilanciare appassionatamente la quota 100 e la novità pensioni di quota 41 per tutti, poi facendo un passo indietro, affermando, sulla scorta di quanto sostenuto da Morando, che in fondo le novità per le pensioni non rappresentano una priorità per il nostro esecutivo ora. Sulla stessa scia anche il vice Casero. Anche il nome di Paola De Micheli al Dicastero dell’Economia potrebbe avere conseguenze importanti positive per le novità per le pensioni: la De Micheli, infatti, sostiene da sempre coloro che hanno iniziato a lavorare prestissimo ma che sono stati fortemente penalizzati dalle attuali norme e bloccati a lavoro e appoggia la quota 41 per tutti, che permetterebbe a tutti di lasciare il lavoro senza limiti anagrafici ma con 41 anni di contributi e senza oneri.

Nuove nomine al Dicastero dell’Occupazione

Deluse le aspettative di chi si aspettava l’arrivo al Dicastero dell’Occupazione del consigliere economico di Palazzo Chigi di cui si parlava fino a qualche giorno fa, come vice a questo Dicastero sono stati nominati Franca Biondelli, Luigi Bobba, Massimo Cassano. Bobba da sempre ritiene che sia importante intervenire sulle pensioni di reversibilità con misure a sostegno del coniuge superstite, ma sostiene anche novità per le pensioni in grado di rilanciare l’occupazione, soprattutto giovanile. Non è una posizione diversa quella di Massimo Cassano, che, come riportano le ultime notizie, dopo essersi limitato solo a spiegare in queste ultime settimane le novità per le pensioni mini pensioni e di quota 41, senza aggiungere nulla di nuovo, probabilmente temporeggia considerando la situazione economica italiana di perdurante crisi non permette ancora di rimettersi al lavoro su quelle novità per le pensioni che sarebbero davvero importanti, come quota 100 o quota 41 per tutti, anche se, se la volontà politica lo volesse davvero, al lavoro ci si potrebbe anche rimettere. E le sue uniche nuove affermazioni dirette hano interessato solo la richiesta di un rafforzamento del fondo indigenza. Dal canto suo. la Biondelli ha affermato di essere ben pronta a continuare il lavoro intrapreso con il precedente esecutivo, impegno che comprende, chiaramente, la definizione delle ultime norme ufficiali necessarie per l’entrata in vigore delle ultime novità per le pensioni di mini pensione e quota 41, per cui bisogna chiudere i Dpcm necessari.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il
Puoi Approfondire