Forze dell'ordine 2017, polizia, corpo forestale, militari: al via riordino 2017 con problemi mobilità e aumenti stipendi

Sono tante le incertezze e le questioni da risolvere per le forze dell'ordine in seguito alla riforma della pubblica amministrazione.

Forze dell'ordine 2017, polizia, cor

Statali problemi mobilità e no aumento stipendi



AGGIORNAMENTO  Aumento stipendi, problemi mobilità, riordino forze dell'ordine, miltari, polizia, corpo forestale 2017: Uno dei problemi principali riguarda il corpo forestale che è il principale protagonista del riordino che sta iniziando e dove non mancano problemi sia in termini operativi e organizzativi concreti, ma anche di alcune lacune decisionanli lasciate ancora. E poi c'è il discorso stipendi che vale per tutti.

AGGIORNAMENTO  Aumento stipendi, problemi mobilità, riordino forze dell'ordine, miltari, polizia, corpo forestale 2017: La riforma della Pubblica Amministrazione sta introducendo una serie di cambiamenti che è difficile seguire in maniera costante. Potete farlo leggendo questo articolo aggiornato sui problemi mobilità e sul perchè del no all'aumento degli stipendi per forze dell'ordine, militari, polizia, corpo forestale.

Sarà un anno di importanti novità per le forze dell'ordine, come dimostrato dall'ultimo ammainabandiera per il Corpo forestale dello Stato. Si tratta del simbolo più evidente delle conseguenze della riforma della pubblica amministrazione. Tanto per essere precisi, le cerimonie si sono svolte nella storica scuola di Cittaducale, fondata nel 1905, e in quella di Sabaudia, inaugurata nel 1962. I forestali confluiranno per la maggior parte nell'Arma dei Carabinieri indossandone la divisa, mentre alcuni, circa 120, andranno nei Vigili del Fuoco e altrettanti nella Polizia, una trentina verranno assorbiti dalla Guardia di Finanza. Si tratta di un passaggio epocale che vede un corpo civile di settemila uomini assumere lo status militare.

Più precisamente, il nuovo Corpo si chiamerà Comando Unità per la Tutela Forestale, Ambientale e Agroalimentare dei Carabinieri, sarà alle dipendenze del capo di Stato Maggiore della Difesa per i compiti militari, dal ministro dell'Interno per i compiti di tutela dell'ordine e della sicurezza pubblica, dal Ministero delle Politiche agricole per le materie che riguardano la sicurezza e la tutela agroalimentare e forestale. In merito alle funzioni, il solo cambiamento è il trasferimento del contrasto agli incendi boschivi ai Vigili del Fuoco. Tutto tranquillo? Solo fino a un certo punto considerando le denunce delle organizzazioni sindacali in merito alla procedure di mobilità e di trasferimento.

E a proposito di relazioni sindacali, la Uilpa Polizia Penitenziaria, contesta "la mancata proroga di quello che viene impropriamente definito bonus di 80 euro per gli operatori del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico". Si ricorda che lo scorso anno a beneficiare di questo surplus in busta paga, che non inciderà a livello fiscale, saranno gli appartenenti a Polizia di Stato; Carabinieri; Guardia di Finanza; Corpo Forestale; Polizia penitenziaria; Vigili del Fuoco; Aeronautica Militare; Esercito Italiano; Marina Militare; Corpo militare volontario della Croce Rossa Italiana; Corpo delle Infermiere Volontarie della Croce Rossa Italiana; Corpo Militare dell'Esercito Italiano del Sovrano Militare Ordine di Malta; Capitanerie di Porto.

E attenzione perché anche la norma relativa alla proroga sino al 31 dicembre 2017 delle graduatorie dei concorsi banditi a decorrere dal primo gennaio 2012 per la Polizia Penitenziaria "sembra incompleta e bisognevole come minimo di integrazioni in fase di conversione del decreto legge". Stando alle intenzioni della maggioranza, terminato l'iter legislativo l'amministrazione penitenziaria potrà così utilizzare queste graduatorie per avviare le procedure finalizzate all'assunzione nel corso del prossimo anno fino a 900 donne e uomini che andranno a colmare in parte il vuoto in organico del corpo di polpen.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il
Puoi Approfondire