BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Partita Iva 2017, Bonus Mobili Ristrutturazione casa detrazioni, Assegno Disoccupazione 2017: leggi ufficiali Legge

Le novità introdotte dalla Legge di Bilancio su detrazioni e sgravi fiscali sono tante. Ecco qualche informazione dettagliata su partite iva, bonus mobili e ristrutturazione casa, disoccupazione


bonus, detrazione, indennità, disoccupazione, incentivi fiscali

Una panoramica sui nuovi incentivi fiscali introdotti dalla Legge di Stabilità



AGGIORNAMENTO Bonus e detrazioni Partita Iva, ristrutturazione casa, mobili e assegno disoccupazione: Tra le novità più importanti che riguardano il Bonus Mobili, intrinsecamente collegato con le nuove regole sulla ristrutturazione casa è che, rispetto al passato, ad usufruire delle detrazioni saranno solo quelli che potranno dimostare di avere iniziato i lavori nel 2016. 

AGGIORNAMENTO Bonus e detrazini Partita Iva, ristrutturazione casa, mobili e assegno disoccupazione: La Legge di Bilancio2017 ha introdotto una serie di novità dal punto di vista delle agevolazioni fiscali e delle detrazioni per quanto riguarda Partita Iva, Bonus Mobili, Ristrutturazione casa e Assegno di disoccupazione. Se vuoi avere un quadro chiaro con tutte le novità e le leggi ufficiali leggi l'articolo fino in fondo.

La Legge di Bilancio varata dal Governo Renzi poco prima che il premier presentasse le dimissioni dopo la sconfitta al referendum dello scorso 4 dicembre e a Palazzo Chigi sedesse Paolo Gentiloni, ha introdotto novità importanti per quel che riguarda le detrazioni fiscali. Leggete fino in fondo questo articolo per avere una sorta di guida sulle ultime novità e le leggi ufficiali che riguardano la partita iva 2017, bonus e detrazioni su mobili e ristrutturazione casa, assegno di disoccupazione.

Partita Iva 2017 minimi, tradizionale partita iva forfettaria 2017

Una delle novità ufficiali più significative contenuta nella legge di Bilancio 2017 riguarda una riforma delle regole base che disciplinano il funzionamento della Partita Iva per commercianti, artigiani e liberi professionisti. Rispetto a quella tradizionale le regole e le novità che riguardano i minimi della partita iva che si avvale del regime forfettario presenta queste differenze: limite annuo di fatturato pari a 30 mila euro; contributi previdenziali Inps da versare nella gestione separata pari al 27,72%. Il regime dei minimi prevede la possibilità di scaricare completamente solo alcune spese; imposta sostitutiva dell’Irpef e delle addizionali pari al 5%. La legge di Stabilità ha superato il regime dei minimi con il nuovo forfettario il cui funzionamento è simile ma viene incontro sul piano della possibilità di computare i costi. Il nuovo sistema prevede la scomparsa del limite massimo di fatturato di 30 mila euro per tutti ma, in base al tipo di attività, cambia il limite per rientrare. Per ogni attività c’è una soglia ed un coefficiente di redditività. Per i professionisti questo limite è fissato a 30.000 euro. Le attività che rientrano nel forfettario possono scaricare costi di personale fino a 5.000 euro ed il limite di investimento in beni strumentali, precedentemente a 15.000 euro, ora sale a 20 mila euro

Ristrutturazione Casa detrazioni e Incentivi fiscali 2017

Sulla ristrutturazione casa per ottenere le detrazioni e gli incentivi previsti dalla legge bisogna conoscere le nuove regole. La detrazione Irpef del 50% delle spese sostenute fino al 31 dicembre 2017, fino ad un ammontare di 96mila euro al massimo, spetta per una serie di interventi ben precisi. Per esempio la manutenzione ordinaria, ricostruzione o ripristino degli immobili danneggiati dalle calamità naturali, a condizione che sia stato dichiarato lo stato di emergenza; acquisto e costruzione di box e posti auto pertinenziali ed altro. Prevista anche la possibilità di far rientrare nei parametri per le detrazioni del 50% dall’Irpef le spese per l’acquisto di appartamenti ristrutturati dalle imprese di costruzioni fino a un massimo di novantaseimila euro. La detrazione avviene con un rimborso ripartito in dieci rate annuali di pari importo.

Bonus Mobili 2017

Tra le novità del bonus mobili 2017 quella che le agevolazioni fiscali per chi deve acquistare mobili o elettrodomestici sono intrinsecamente collegate alle detrazioni sull’Irpef che varia dal cinquanta al sessantacinque per cento in base alla tipologia di intervento, previste per le ristrutturazioni entro il trentuno dicembre 2016. Questa detrazione spetta solo a quelli che devono acquistare nuovi mobili e hanno iniziato i lavori nel 2016. In questo caso l’agevolazione prevista è del cinquanta per cento per un tetto di spesa massimo che ammonta a diecimila euro. Una detrazione che, oltre a dover essere documentata dettagliatamente, non è cumulabile con gli altri bonus. Il bonus mobili 2017 vale sia per i lavori che per l’acquisto di arredi, elettrodomestici (frigorifero lavastoviglie ecc.). Anche l’acquisto di lavabi, lavandini da bagno, credenze e cose di questo genere, rientra nelle spese soggette a detrazioni. Il limite di spesa agevolabile è sempre fissato a diecimila euro.

Disoccupazione: assegno, indennità disoccupati 2017

Infine cerchiamo di capire cosa cambia per l’assegno e l’indennità di disoccupazione? Il sussidio di disoccupazione Naspi è rivolto a tutti i lavoratori legati ad un’azienda privata mediante un contratto di lavoro subordinato che hanno perso il lavoro per cause involontarie. Apprendisti, soci di cooperative che hanno un rapporto di lavoro subordinato, personale artistico con rapporto di lavoro subordinato, dipendenti delle pubbliche amministrazioni che abbiano un contratto di lavoro a tempo determinato sono le categorie che possono fare richiesta all’Inps. La grande novità è che l’indennità di disoccupazione spetta anche ai lavoratori licenziati che accettano l’offerta di conciliazione con l’azienda, alle lavoratrici che presentano le dimissioni durante il periodo di maternità, al lavoratore licenziato per motivi disciplinari, alle lavoratrici madri obbligate alle dimissioni durante il periodo di maternità. Le modalità per fare domanda all’Inps sono diverse. Si può scegliere di seguire il percorso online oppure usufruire del servizio di un ente abilitato.

Ristrutturazione Casa BONUS e DETRAZIONI. Vediamo quali sono i bonus, le detrazioni e le agevolazioni fiscali disponibili ora per la ristrutturazione di immobili di proprietà, in affitto e per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Luigi Mannini
pubblicato il