BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie quota 100, mini pensioni, quota 41 crescono truffe e sprechi su tutti i livelli

Continuano sprechi e truffe come dimostrano le ultime notizie e continuano ad essere sottratti soldi per l’attuazione di importanti novità per le pensioni


Pensioni ultime notizie sprechi

Pensioni novità sprechi truffe aumentano



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 10:10): Il secondo punto riguarda più in generale le novità per le pensioni che con queste truffe anche nel settore proprio delle pensioni che sono sempre più evidenziate nelle ultime notizie e ultimissime a tutti i livelli erodono budget per un vero rilancio delle novità per le pensioni stesse.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:01): Non a caso la corruzione viene definita come una piaga del nostro Paese con un valore superiore ai 100 miliardi, ma in queste ultime notizie e ultimissime si nota come sia dilagata praticamente dappertutto e sia tipica anche del singolo cittadino (senza fare di tutta un'erba un fascio ovviamente). Si diceva che colpisce le novità per le pensioni, almeno su due fronti. Il primo riguarda che dalle statistiche delle ultime notizie e ultimissime risulta una vasta e ampia corruzione per la disabilità in generale e per le pensioni sia quelle di disabilità e affini. E sono delle vere e proprie truffe e furti che non permettono di avere le giuste pensioni a quelli che davvero si trovano in queste situazioni che si devono accontentare di misere prestazioni. Ma non è finita

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:30):  In ogni ambito dal singolo privato cittadino all'ente pubblico o schieramento continuano senza sosta a provenire ultime notizie e ultimissime di truffe e sprechi a danno della collettività che interessano anche le pensioni almeno su due fronti riguardano le novità per le pensioni stesse.

Sprechi e truffe aumentano sempre più, piuttosto che diminuire, sottraendo sempre più risorse alla possibilità di attuare importanti novità per le pensioni, che sarebbero davvero importanti per i cittadini italiani. Il grande problema è che insieme alle spese sicuramente elevate e mal gestite a livello di comuni, apparati statali, e i benefici a vantaggio dei funzionari, e degli enti locali, vi sono anche quelli dei cittadini che fanno i furbi. Stando alle ultime notizie, infatti, non solo si spendono milioni per le erogazioni delle cosiddette pensioni più elevate degli alti esponenti istituzionali, ma sprechi milionari si registrano da Nord a Sud a causa di truffe da parte degli stessi cittadini, a partire da chi, ricorrendo alla legge 104, chiede falsi certificati per farsi attestare disabilità e inabilità che, praticamente, si traducono in una serie di benefici e vantaggi sia economici che fiscali, per arrivare ai lavoratori del settore sanitario di Roma.

Secondo le ultime notizie, la Capitale registra la più alta percentuale dei cosiddetti prescritti, lavoratori del Servizio sanitario pubblico, esonerati da turni, guardie e contatti con i malati, cui si aggiungono permessi, o assenze per patologie o congedi parentali. Si tratta di lavoratori che, nonostante le proteste e le polemiche da parte di chi è impegnato in prima linea nella cura dei malati, percepiscono comunque buoni stipendi e il risultato, ad oggi, è che il costo a carico del Servizio sanitario del Lazio è di oltre 250 milioni di euro, un ingente impiego di risorse che ha bloccato il turnover imposto dal Piano di rientro dal deficit sanitario. A questa situazione che chiaramente mette in evidenza come i soldi pubblici ci siano ma vengano male impiegati, si aggiungono casi di truffe come quello dei 270 netturbini di Palermo che hanno esibito un certificato medico che vieta loro di spazzare le strade; quello di Firenze, dove il 40% dei vigili urbani passa più tempo in ufficio che in strada; quello della regione Calabria, dove oltre la metà del personale sanitario riesce ad ottenere un impiego di uffici e il 50% dei dipendenti della protezione civile lavora al centralino; quello di Pescara, dove 50 infermieri e operatori socio-sanitari svolgono mansioni solo amministrative.

Quello che più colpisce, tendenza che secondo le ultime notizie è diffusa in tutta Italia ma soprattutto al Sud, è l’abbondanza di falsi certificati di invalidità ma anche di congedi che permettono ad una alta percentuale di cittadini di usufruire di benefici che in realtà non dovrebbero essere concessi e che portano solo ad uno spreco di soldi importanti che potrebbero essere impiegati per l’attuazione di provvedimenti decisamente più importanti, a partire proprio da quelle novità per le pensioni tanto richieste ma ancora rimaste nell’angolo, nonostante le ultime notizie delle novità per le pensioni di mini pensione e quota 41 inserite nel nuovo testo unico.  

E si tratta di un ingente spreco che si affianca al problema della mancata revisione reale e profonda della spesa pubblica, che sembra praticamente bloccata e che, quando fatta, risulta comunque errata, tanto sui tagli non attuati realmente, quanto sul controllo sbagliato delle truffe per le pensioni. Del resto, basterebbe solo tagliare gli sprechi e ridurre le spese pubbliche, nella maggior parte dei casi superflui, comprese le stesse ricche pensioni degli alti esponenti istituzionali, per riuscire a recuperare quelle risorse economiche necessarie per l’attuazione di importanti novità per le pensioni come la quota 100. Si tratta di una novità che è stata ancora rimandata perché troppo costosa. Secondo le stime, confermate anche dalle ultime notizie, per la novità per le pensioni di quota 100 servirebbe una cifra compresa tra i 7 e i 10 miliardi di euro, ma si tratta di soldi che si potrebbero risparmiare se solo si attuasse una reale revisione della spesa pubblica.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il