Ristrutturazione casa 2017 detrazioni, bonus mobili 2017, elettrodomestici, incentivi fiscali edilizia: regole ufficiali

Ci sono alcune novità di rilievo nel campo delle detrazioni fiscali per le ristrutturazioni casa nei 12 mesi del 2017.

Ristrutturazione casa 2017 detrazioni, b

Bonus mobili ed elettrodomestici 2017



AGGIORNAMENTO: Il bonus Ristrutturazione casa può essere chiesto per spese sostenute per interventi di manutenzione straordinaria, per le opere di restauro e risanamento conservativo e per i lavori di ristrutturazione edilizia efettuati sulle singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria catastale.

AGGIORNAMENTO: Chi sostiene spese per lavori di ristrutturazione edilizia potrà usufruire, fino al 31 dicembre 2017, di una detrazione Irpef del cinquanta per cento. Possono usufruire del bonus tutti i contribuenti assoggettati all’Irpef fino a un tetto di spesa massimo di 96.000 euro. La detrazione sarà ripartita in 10 quote annuali di pari importo.

Con l'approvazione della legge di bilancio, è diventato ufficiale il rinnovo per il 2017 delle detrazioni fiscali Irpef e Ires per gli interventi di riqualificazione energetica, i cosiddetti ecobonus. Stando alle norme prorogate e parzialmente riviste, l'agevolazione è pari al 65% delle spese effettuate fino al 31 dicembre 2017 che si affianca a quella del 50% sulle ristrutturazioni edilizie, sui mobili e sui grandi elettrodomestici fino a un massimo di 10.000 euro di spesa. Da segnalare che per i lavori di riqualificazione energetica relativi a parti comuni degli edifici condominiali, la detrazione al 65% è prorogata di cinque anni. Lo sconto fiscale aumenta al 70% nel caso di interventi sull'involucro del palazzo e al 75% nel caso di interventi finalizzati a migliorare la prestazione energetica.

Bonus ristrutturazioni

Chi sostiene spese per i lavori di ristrutturazione edilizia, può usufruire, fino al 31 dicembre del 2017, di una detrazione Irpef del 50 per cento fino a un tetto di spesa massimo di 96.000 euro. La detrazione sarà ripartita in 10 quote annuali di pari importo. Possono usufruire del bonus tutti i contribuenti assoggettati all’Irpef: proprietari o nudi proprietari; titolari di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie); locatari o comodatari; soci di cooperative divise e indivise; imprenditori individuali, per gli immobili non rientranti fra i beni strumentali; società.

Il bonus può essere chiesto per le spese sostenute per interventi di manutenzione straordinaria, per le opere di restauro e risanamento conservativo e per i lavori di ristrutturazione edilizia efettuati sulle singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria catastale. Tra i lavori che godono della detrazione, anche quelli per prevenire atti illeciti e l'installazione di impianti finalizzati all'impiego delle fonti rinnovabili di energia. Gli interventi di manutenzione ordinaria sono ammessi solo se riguardano parti comuni di edifici residenziali.

Bonus mobili ed elettrodomestici

Per il 2017 è previsto uno sconto fiscale del 50% per chi acquista mobili e grandi elettrodomestici di classe energetica non inferiore alla A+ (A per i forni). Il tetto massimo di spesa è pari a 10.000 euro. La detrazione sarà ripartita in 10 quote annuali di pari importo. Per il bonus mobili 2017, i contribuenti devono aver già utilizzato il bonus ristrutturazioni che prevede uno sconto Irpef del 50%. Per usufruire dello sconto, quindi, bisogna necessariamente fare prima lavori di recupero edilizio in casa. A titolo esemplificativo, rientrano tra i mobili agevolabili letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, nonché i materassi e gli apparecchi di illuminazione che costituiscono un necessario completamento dell'arredo dell'immobile oggetto di ristrutturazione. Per quel che riguarda i grandi elettrodomestici rientrano, ad esempio, frigoriferi, congelatori, lavatrici, asciugatrici, lavastoviglie, apparecchi di cottura e apparecchi per il condizionamento.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il