BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie quota 100, mini pensioni, quota 41 iniziano le operazioni per elezioni

Le posizioni dei diversi schieramenti politici in vista delle prossime elezioni, ultime notizie su programmi e intenzioni e conseguenze per le novitÓ per le pensioni


Pensioni ultime notizie elezioni

Pensioni novitÓ primi movimenti elezioni



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 11:33): Le attenzioni sono sempre puntate sull'Alta Corte. E non solo per via della scelta di ieri di dare il via libera a una doppia consultazione popolare. Ma anche per l'appuntamento del 24 gennaio con la legge elettorale. E come analizzato dalle ultime e ultimissime notizie, anche a questa seconda scelta sono appese le correzione alle novità per le pensioni.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:08): Vi sono stati incontri nelle ultime notizie e ultimissime un po' in tutti gli schieramenti anche se molto in sordina e pochi come quelli del nuovo centro sinistra sono venuti fuori allo scoperto, ma guarda caso nel programma come, per gli altri, le novità per le pensioni sarebbe tra i primi punti. La parola d'ordine per tutti sembra quella di attendere il verdetto del 24 gennaio sul sistema elettorale e poi decidere il da farsi. 

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:45):  Non si capisce ancora quando ci potranno essere le elezioni ma è sicuro che si stanno riprendendo i movimenti nei singoli schieramenti per prepararsi al meglio come si evince nelle ultime notizie e ultimissime. Elezioni in cui saranno fondamentali alcuni temi, tra cui con grande probabilità, e vi sono anche dei primi segnali, le novità per le pensioni.

Iniziano i primi movimenti in vista delle prossime elezioni: nonostante le ultime notizie decisamente incerte su quando si terranno effettivamente le nuove elezioni, tra chi continua a chiedere di anticiparle, chi, invece, a causa delle difficoltà interne allo stesso schieramento, le vorrebbe anticipare ma non subito, e la posizione del presidente della Repubblica che ha espresso solo poco tempo fa grande fiducia nel nuovo esecutivo, lasciando chiaramente far capire di voler andare alle elezioni alla naturale scandenza della legislatura. Se ne riparlerebbe, dunque, nel 2018. Qualsiasi sia la data che si deciderà, la certezza è che le nuove elezioni, come spesso già ripetuto, potrebbero rappresentare l'ideale occasione di rilancio delle novità per le pensioni.  

Primi movimenti per le prossime elezioni nel centro sinistra

Inizia a riorganizzarsi il centro sinistra che potrebbe diventare uno schieramento allargato con l'ex sindaco di Milano Pisapia che, stando alle ultime notizie, che sarebbe pronto a guidare una forza avversaria all'ex premier alle prossime primarie. E insieme allo stesso Pisapia, per le prossime primarie, in questo caso, come riportano le ultime e ultimissime notizie, si farebbero anche i nomi dell'attuale presidente della Camera e dell'attuale sindaco di Cagliari. L'ex sindaco di Milano, nel processo di riorganizzazione del centro sinistra, punta ad avvicinare quella opposizione interna scontenta dall'operato dell'ex premier e che ha mostrato questo malcontento ripetutamente e in ogni momento negli ultimi mesi del vecchio esecutivo. Il progetto è quello di costituire una forza capace di rispondere alle richieste non solo dello schieramento politico che si avvierebbe a costituirsi ma anche e soprattutto dei cittadini, cambiando del tutto quello che l’ex premier ha fatto finora, partendo dalla necessità di ascoltare i reali bisogni della gente, da quelle novità per le pensioni ben più importanti delle attuali mini pensioni e quota 41 e che potrebbero modificare le attuali norme pensionistiche in maniera più profonda. Ma se da una parte c’è l’intenzione di dare vita ad un centro sinistra allargato e alternativo a quello del segretario centro sinistra, dall’altra, ci sarebbe proprio lui, pronto a rimettersi al lavoro per ripresentarsi alle prossime elezioni, partendo da un rinnovamento della segreteria, dando più spazio ai giovani, ai sindaci e agli intellettuali, quelle stesse categorie su cui aveva puntato per il voto dello scorso dicembre. Ora l'intento dell'ex premier, stando a quanto emerso dalle ultime notizie, è quello di rimettere in piedi la sua squadra politica pronta alle nuove elezioni.

L’organizzazione del M5S in vista delle prossime elezioni

Sempre più protagonista della scena politica il Movimento 5 Stelle: respinta la richiesta del Movimento di cambiare partito nel Parlamento europeo, terzo gruppo più grande del Parlamento (Alde), il leader, stando a quanto riportano le ultime e ultimissime notizie, ha chiaramente spiegato come questa conclusione renderà certamente meno semplice l'attuazione del programma disposto dallo stesso Movimento. E forse ad essere penalizzate saranno anche le novità per le pensioni. Considerando la linea seguita dal gruppo Alde, decisamente meno austera rispetto agli altri gruppi comunitari, entrandovi a far parte, il M5S avrebbe trovato terreno decisamente fertile per riproporre le proprie idee di cambiamento delle attuali norme pensionistiche in Italia, abbassando l'età pensionabile per tutti e rilanciando la quota 41 per tutti senza penalità e indipendentemente dall'età anagrafica nonchè di introduzione dell'assegno universale. In vista di prossime elezioni, è però necessario che il M5S inizi a ristabilire una sorta di ordine interno, all’indomani del caos di Roma e dello scandalo firme false. E a tal proposito, le ultime notizie riportano una sorta di invito da parte della Lega a tutti coloro che si sentono traditi dal M5S e che potrebbero pensare ad entrare a far parte del Carrroccio.

Centrodestra e novità in vista di nuove elezioni

Anche il centro destra sta riorganizzandosi in vista di prossime elezioni: dopo l’annuncio da parte dell’ex candidato sindaco di Milano deluso alle scorse elezioni di voler costituire una grande forza moderata con l’intento di riunire tutte le forze del centro destra in un unico schieramento, ripartendo dalle necessità espresse dai cittadini e dalle esigenze sociali, sembra che all'interno del centro destra si voglia prendere tempo per le prossime elezioni. E a prendere questa posizione sarebbe proprio quel leader di Forza Italia che da sempre chiarisce come sia innanzitutto necessario definire un nuovo sistema di voto prima di andare al voto. E l'auspicio è quello di definire un meccanismo di voto che possa permettergli di mantenere l'autonoma di Forza Italia senza dover fare alleanze con la Lega. Non c’è più alcuna convergenza tra Forza Italia e Lega se non quella strettamente legata ad alcuni contenuti, dalle misure sociali alla richiesta di novità per le pensioni che vadano oltre le attuali mini pensioni e quota 41, che continuano, tra l’altro, a non piacere.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il