Iscrizione Scuola online su Internet elementari, medie-superiori 2017-2018 e Rinnovo Isee 2017: al via da lunedì 16 gennaio domani

A pochi giorni dell'avvio delle domande per l'iscrizione a scuola e per il rinnovo dell'Isee, ecco cosa c'è da sapere.

Iscrizione Scuola online su Internet ele

Iscrizione anno scolastico 2017-2018



AGGIORNAMENTO: Per l'iscrizione alle classi prime delle scuole primarie o secondarie e ai corsi di istruzione e formazione professionale presso i centri di formazione professionale delle regioni, ricordando come l'intera procedura si svolge online. Il rinnovo dell'Isee è in corso la fase della registrazione, necessaria per procedere all'iscrizione vera e propria, possibile dalle ore otto del sedici gennaio alle ore venti del sei febbraio 2017. 

Quella del 16 gennaio è una data importante da segnare sul calendario perché è il lunedì dell'avvio delle iscrizioni al prossimo anno scolastico 2017-2018 così come quel rinnovo dell'Isee. Facciamo il punto della situazione invitando a cliccare sui link indicati per approfondimenti sulle specifiche questioni ovvero su come fare domanda, istruzioni, regole e le scadenze a cui stare attenti.

Iscrizione scuola 2017-2018

Innanzitutto date e orari per procedere all'iscrizione dei propri figli alle classi prime delle scuole primarie o secondarie e ai corsi di istruzione e formazione professionale presso i Centri di formazione professionale delle regioni, ricordando come l'intera procedura si svolge online. Innanzitutto è adesso in corso la fase della registrazione, necessaria per procedere all'iscrizione vera e propria, possibile dalle ore 8 del 16 gennaio alle ore 20 del 6 febbraio 2017. E allora, per la registrazione occorre compilare un modulo raggiungibile all'indirizzo iscrizioni.istruzione.it, avendo con sé indirizzo di posta elettronica e un documento di riconoscimento. Il passaggio è duplice:

  1. l'ottenimento delle credenziali di accesso per accedere al sistema ovvero nome utente e password)
  2. il completamento dell'abilitazione al servizio Iscrizioni on line

Nella pagina Registrati viene chiesto di inserire il codice fiscale e selezionare la casella di sicurezza Non sono un robot. Quindi occorre compilare la scheda con i dati richiesti ovvero quelli anagrafici e l'indirizzo di posta elettronica. Se tutto è andato a buon fine, gli utenti ricevono una mail in cui è riportato un link sul quale cliccare per confermare la registrazione. A quel punto sarà ricevuta una seconda mail con le credenziali per accedere al servizio Iscrizioni on line. Quindi è possibile procedere all'iscrizione vera e propria cliccando sul pulsante Accedi al Servizio in alto a destra dello schermo, dove occorre digitare le proprie credenziali negli appositi box. Solo al primo accesso viene chuesto di confermare o integrare i dati di registrazione. Una volta inseriti e confermati i dati, il processo che porta all'iscrizione va in discesa.

Rinnovo Isee 2017

L'Isee è l'Indicatore della situazione economica equivalente ovvero è lo strumento di valutazione della situazione economica di coloro che richiedono prestazioni sociali agevolate che possono essere:

  1. di natura sociosanitaria;
  2. rivolte a minorenni, in presenza di genitori non conviventi;
  3. per il diritto allo studio universitario;
  4. Isee corrente.

Occorre sottolineare come la data dal 16 gennaio 2017 non sia casuale poiché l'Isee è valido dalla data di presentazione della Dse (Dichiarazione sostitutiva unica) fino al 15 gennaio dell'anno successivo. Le informazioni contenute nella Dsu indispensabili per il calcolo dell'Isee sono in parte acquisite direttamente dall'Agenzia delle entrate e dell'Inps e in parte autodichiarate. In quest'ultime rientrano:

  1. i dati anagrafici relativi alla composizione del nucleo familiare;
  2. i dati relativi alla casa di abitazione;
  3. i dati relativi al patrimonio mobiliare;
  4. i dati relativi al patrimonio immobiliare;
  5. i redditi assoggettati a imposta sostitutiva o a ritenuta a titolo d'imposta, i redditi esenti da imposta, i proventi agrari da dichiarazione Irap, i redditi fondiari di beni non locati soggetti alla disciplina Imu, i trattamenti assistenziali, previdenziali e indennitari non soggetti a Irpef e non erogati da Inps, i redditi da lavoro o fondiari prodotti all'estero;
  6. gli assegni periodici percepiti e corrisposti per il mantenimento dei figli;
  7. gli autoveicoli e altri beni durevoli posseduti alla data di presentazione della Dsu.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il