Consumi in Italia: a settembre rallentano con il dato più basso degli ultimi due anni. Motivazioni

La causa della frenata dei consumi starebbe nell'aumento dei prezzi, a volte incontrollato e speculativo, e nel crescente indebitamento delle famiglie.



A comunicarlo è la Confcommercio, secondo cui la ripresa è sfumata (0,1% a settembre, il dato più basso degli due anni) per tutti i beni e i servizi, compresa la mobilità (-0,4%). A reggere, secondo i principali risultati che emergono dall'Indicatore Consumi e Prezzi di Confcommercio, sarebbero solo il comparto delle comunicazioni (+8,7%) e quello della cura della persona (+4,2%). Nei primi nove mesi dell'anno l'aumento delle quantità acquistate è stato di appena lo 0,7% rispetto all'1,7% dell'analogo periodo del 2006.

Inoltre, nella media del periodo gennaio-settembre le quantità acquistate hanno registrato un aumento, in termini tendenziali dello 0,7%, valore decisamente inferiore all'1,7% registrato dall'indicatore nell'analogo periodo del 2006. "La contenuta evoluzione della domanda delle famiglie rilevata dall'indicatore - si legge nel comunicato di Confcommercio - si inserisce in un contesto economico caratterizzato da molti elementi di incertezza come confermano il progressivo ridimensionamento del clima di fiducia delle famiglie e gli andamenti più recenti di produzione industriale ed ordinativi che segnalano nel mese di agosto una ripresa dei livelli di attività (+1,3% la variazione congiunturale) a cui si contrappone un ridimensionamento degli ordinativi (-0,8% congiunturale)".

Per l'Adoc la causa della frenata dei consumi sta nell'aumento dei prezzi, a volte incontrollato e speculativo, e nel crescente indebitamento delle famiglie.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il