Pensioni ultime notizie attivazione DCPM conferme e smentite Ape Social, Opzione Donna, Quota 41, Ape Volontaria

Si riaprono le attività nelle Aule, ultime notizie su prossime impegni ma ancora nulla sui Dpcm di ufficializzazione delle ultime novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie attivazione DCPM

Pensioni novità ancora nulla attivazione Dpcm



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 13:52): Intorno alla vicenda dei DCPM e delle novità per le pensioni da attivare come Ape Social, Quota 41, Opzione Donna, Ape Volontaria vi sono, però, nelle ultime notizie e ultimissime delle smentite riguardo al fatto che non si stia facendo nulla. O meglio finora non si è fatto nulla, ma lo stesso gruppo di tecnici che se ne è occupato lo prenderà in mano a brevissimo da quanto si apprende al momento da una sola fonte. I problemi, comunque, rimangono sui tempi, sui chiarimenti da fare su tanti punti e su tanti punti e trattative come già scritto ancora da fare. Se anche si inizia ora è una vera e propria corsa contro il tempo.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 11:22): E ancora prima o in simultanea ai DCPM occorre che vi siano le trattative per queste novità per le pensioni con la definizione delle polizze con l'assicurazione e gli interessi e le condizioni agevolate con un tetto massimo per gli istituti bancari. E anche su questo due punti non ci sono, purtroppo, ultime notizie e ultimissime

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:13): E chi si doveva occupare dell'attivazione dei DCPM per le novità per le pensioni non è più presente e la sua squadra di tecnici al momento è in scadenza. Rimane, dunque, il Dicastero dedicato ma che non aveva seguito strettamente le mini pensioni con oneri  e mini pensioni senza oltre quota 41, ma proprio a lui toccherà agire per definire tutti i punti insieme al Gruppo a Montecitorio e Palazzo Madama che, però, dovrebbe tecnicamente solo avere un ruolo di confronto, non di attuazione delle condizioni.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:45): Molti degli attori che si occupano delle novità per le pensioni sembrano preoccuparsi più del futuro che della stretta attualità nelle ultime notizie e ultimissime. E lo si può capire visto che le mini pensioni e quota 41 sono un sistema per pochi e da capire se sarà ancora vantaggiosa. Ma sono, comunque, da concludere assolutamente, almeno per dare un inizio alle stesse novità per le pensioni. E non arrivano ultime notizie e ultimissime positive nemmeno su questo fronte.

Dal nuovo decreto omnibus, alle nuove norme per i lavoratori autonomi: si riaprono le attività parlamentari per arrivare alla chiusura di alcuni temi importanti ancora da concludere. All’indomani del primo pronunciamento della Consulta sulla norme per l’occupazione del precedente esecutivo, il prossimo 24 gennaio si attende la nuova sentenza sul sistema di voto con le motivazioni attese per il prossimo 24 febbraio ed entro la fine di febbraio l’esecutivo dovrebbe fissare la data del voto sulla consultazione sulla norma occupazione dichiarata ammissibile dall’Alta Corte, che dovrebbe essere fissato una domenica qualsiasi compresa fra il 15 aprile e il 15 giugno.
 

Ancora nulla sui Dpcm sulle ultime novità per le pensioni

Sembra, però, che al momento, stando alle ultime notizie, nessuno si stia realmente occupazione della definizione dei Dpcm che, secondo quanto stabilito, dovrebbero essere attivati il primo marzo. Il Gruppo Occupazione al momento si sta occupando dei buoni attività e dello statuto professionisti, ma nulla ancora sui Dpcm mentre il tempo stringe sia per i Dpcm con le relative regole di funzionamento delle ultime novità per le pensioni di mini pensione e quota 41, sia per le trattative con l’associazione degli istituti di credito per la definizione delle entità dei tassi di interesse per la mini pensione, sempre da fare entro marzo. Tra l'altro sono riprese le attività ma chi si dovrebbe occupare delle novità per le pensioni e dei DCPM e anche degli stessi miglioramenti, non si è ancora radunato come Comitato per le novità per le pensioni, ma in formato più largo, per l'Occupazione e nelle riunioni si è confrontato e si è occupato delle nuove regole per i professionisti e dei buoni attività

Nulla ancora sui Dpcm e i dubbi aumentano

Al posto di arrivare, dunque, chiarimenti su come effettivamente funzioneranno le novità di mini pensione e quota 41 e conferme sui tempi di entrata in vigore (stando alle ultime notizie le domande per la mini pensione si potranno inoltrare dal prossimo primo maggio), crescono invece dubbi e incertezze. A partire dal funzionamento del meccanismo delle speranze di vita. Per chiedere la mini pensione volontaria bisognerà aver maturato 20 anni di contributi, che salgono a 30 per chi è rimasto senza occupazione e a 36 per chi è impegnato in attività faticose, mentre il requisito anagrafico di pensionamento di 63 anni ci si chiede se sarà o meno legato al meccanismo della speranza di vita. Si tratta del principio base delle attuali regole pensionistiche che stabilisce che all’aumentare dell’aspettativa di vita debba corrispondere un aumento dell’età pensionabile. Ed effettivamente secondo quanto stabilito dalle attuali norme previdenziali, ogni due anni l’età pensionabile sale di tre, quattro mesi. Al momento è fissata a 66 anni e sette mesi che dal 2019 salirà ancora. Considerando che la mini pensione permette di anticipare l’età pensionabile di 3 anni al massimo, ci si chiede come ci si comporterà e se aumentando l’età pensionabile aumenteranno anche gli anni del piano di rimborso 20ennale al momento definito. E incertezze riguardano anche la lista delle professioni cosiddette faticose che è stato chiesto di ampliare, nonché eventuali criteri di priorità di accesso alla mini pensione. Alla luce delle risorse stanziate, ci si chiede, infatti, se saranno stabiliti criteri per definire priorità di accesso alle ultime novità per le pensioni o se si procederà secondo il criterio del chi prima arriva meglio alloggia.

Ulteriori novità per le pensioni possibili con decreto omnibus

E’ possibile, però, che nell’attesa dei Dpcm, ulteriori novità per le pensioni possano tornare in discussione con la ripresa del decreto omnibus che ha previsto misure più urgenti in un primo momento ma che potrebbe essere ampliato. E in tal caso si tornerebbe a parlare di quei miglioramenti alle novità per le pensioni di mini pensione e quota 41 già proposti dal Comitato ristretto per le pensioni e cioè richiesta di estensione della lista delle professione faticose, riduzione da 36 a 35 anni degli anni contributivi necessari per la mini pensione senza oneri di chi svolge occupazioni faticose, aumento dei tempi di malattia e non occupazione e potrebbe tornare in ballo anche la richiesta di riduzione della percentuale di invalidità (dal 75% al 60%) per l’accesso alla mini pensione senza oneri e alla quota 41.  

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il