Ristrutturazione casa 2017 detrazioni, proroga valvole termostatiche, bonus mobili 2017: domande e risposte regole, come funziona

Come funzionano i bonus ristrutturazioni casa e mobili 2017 e novità per la proroga delle valvole termostatiche: ultimi chiarimenti

Ristrutturazione casa 2017 detrazioni, p

Risposte ristrutturazione casa bonus mobili valvole termostatiche



AGGIORNAMENTO: La tragica vicenda del terremoto che ha colpito il Centro Italia a più riprese ha spinto il Governo ad inserire un'altra novità prevista dal bonus ristrutturazione casa 2017. Si tratta del Sisma Bonus, ovvero di incentivi del 50% sul costo delle spese sostenute per adeguare la propria abitazione alle norme antisismiche attuali, beneficio valido anche per le seconde case o per gli edifici dedicati ad attività lavorative private.

AGGIORNAMENTO: Anche per quest’anno il bonus mobili prevede detrazioni del 50% sull’acquisto di mobili della propria abitazione, oggetto di ristrutturazione, su un limite di spesa da diecimila euro da suddividere in dieci rate annuali di pari importo. 

Tra bonus casa relativi ai lavori di ristrutturazione edilizia, bonus mobili prorogati anche per quest’anno 2017 e le ultime novità relative alla proroga delle valvole termostatiche, di seguito cercheremo di chiarire come funzioneranno anche per quest’anno i bonus casa e regole da seguire.

Cosa prevede il bonus 2017 ristrutturazione casa?

Il bonus 2017 di ristrutturazione degli immobili proroga ancora le detrazioni e agevolazioni fiscali sui lavori di ristrutturazione edilizia e di efficientamento energetico. Il bonus ristrutturazioni 2017 vale per un massimo di spesa di 96.000 euro ad unità immobiliare e il rimborso della spesa sostenuta avverrà a rate e per 10 anni. Il bonus ristrutturazioni 2017 prevede la proroga della detrazione Irpef al 50 e al 65%; per i lavori relativi a sostituzione o ammodernamento di impianti termici invernali il limite massimo di 30 mila euro; per l’adeguamento dell’involucro di edifici o per il montaggio di pannelli solari 60 mila euro o, 100 mila euro per il perfezionamento dei sistemi energetici generali. Previste, inoltre, agevolazioni per i condomini minimi; una quota maggiore di detrazione (Irpef e Ires) per gli interventi operati sugli edifici situati in zone sismiche e ad alta pericolosità; una detrazione Irpef per gli acquisti di immobili ristrutturati. Tra le novità previste dal bonus ristrutturazione casa 2017 anche il Sisma Bonus del 50% sul costo delle spese sostenute per adeguare la propria abitazione alle norme antisismiche attuali, beneficio valido anche per le seconde case o per gli edifici dedicati ad attività lavorative private.

Quali sono i lavori per cui vale il bonus ristrutturazioni 2017?

I lavori per cui si può richiedere il bonus ristrutturazioni casa prevedono interventi di manutenzione ordinari e straordinari, interventi di restauro e di risanamento conservativo e interventi di ristrutturazione edilizia.

Cosa prevede il bonus mobili 2017?

Anche per quest’anno il bonus mobili prevede detrazioni del 50% sull’acquisto di mobili della propria abitazione, oggetto di ristrutturazione, su un limite di spesa da 10mila euro da suddividere in dieci rate annuali di pari importo. Il bonus mobili 2017 può essere richiesto gli acquisti di letti, materassi, comodini, comò, armadi, cassettiere, tavoli, sedie, poltrone, divani, credenze, librerie e complementi di arredo come apparecchi di illuminazione. Il bonus mobili anche quest’anno vale per l’acquisto di elettrodomestici di classe A + o superiore, come frigoriferi, congelatori, lavastoviglie, forni a microonde, lavatrici, asciugatrici, ventilatori e stufe elettriche, apparecchi per il condizionamento.

Quali sono i documenti necessari per avere il bonus mobili 2017?

I documenti necessari per richiedere il bonus mobili 2017 sono soprattutto quelli che attestano l’avvenuto pagamento della spesa effettuata di mobili ed elettrodomestici, come ricevute di bonifici, di avvenuti pagamenti con carta di credito o bancomat, le fatture di acquisto con la quantità dei beni e dei servizi acquistati. Nel caso di pagamento con bonifico, bisognerà inserire la causale, Bonifico relativo a lavori edilizi che danno diritto alla detrazione prevista dall’articolo 16-bis del Dpr 917/1986; codice fiscale del destinatario della detrazione; numero di partita Iva o codice fiscale del destinatario del bonifico (rivenditore). Per i pagamenti con carta di credito o bancomat, sullo scontrino, devono essere riportati codice fiscale dell’acquirente e la natura dell’acquisto, la quantità e la qualità dei beni acquistati, e bisognerà ricordarsi di conservare la ricevuta di avvenuta transazione. Per chiedere il bonus mobili 2017 bisogna presentare domanda all’Agenzia delle Entrate.

Cosa prevede la proroga per le valvole termostatiche 2017?

E' stata approvata la proroga dal 31 dicembre al 30 giugno 2017 del termine entro il quale installare le valvole termostatiche. Ancora sei mesi di tempo, dunque, per i condimini di adeguarsi alla nuova norma ed evitare che scattino le salate sanzioni previste comprese tra i 500 e i 2.500 euro. I sei mesi in più a disposizione potranno consentire, ai tanti proprietari e amministratori condominiali in difficoltà per colpe non a loro addebitabili, di attivarsi fin d'ora per svolgere il complesso iter necessario per installare contatori o contabilizzatori di calore individuali per misurare il consumo individuale. In alcuni casi il conto per l’installazione delle valvole termostatiche, prendendo il caso di un appartamento di 80 mq situato a Milano dotato di 6 caloriferi il costo sarebbe di circa 1.055 euro di spesa.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il