BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie quota 100, mini pensioni, quota 41 chiesti da Comunità 3 miliardi ancora

Ancora richieste di impegno economico per questioni aperte e ultime notizie su andamento discussioni per le novità per le pensioni


Pensioni ultime notizie ulteriori soldi

Pensioni novità chiesti ulteriori tre miliardi



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 8:36): La risposta, comunque, dell'Italia è stata quella di spiegare che l'extra deficit è dovuto al sisma e all'immigrazion nelle ultime notizie e ultimissime e che non c'è ragione di toccare nulla. Perfino il Capo Dello Stato ha chiesto un ugual trattamento per chi non rispetta i numeri e le regole sull'immigrazione e chi, di poco, i principali contabili. La partita è ancora molto aperta, ma non ci dovrebbero essere ricadute sulle novità per le pensioni nel breve.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:30): Questa richiesta della Comunità anche per le ultime notizie e ultimissime emerse di finalmente uno smuovesi delle novità per le pensioni che devono finire il proprio iter, non dorvebbe incidere per le novità per le pensioni stesse, tranne che forse dei miglioramenti ipotizzati, che, comunque, paradossalmente, non modificherebbero nulla a livello di budget. Quello che preoccupa di più senza dubbio è il futuro per tutti i temi visto già una manovra che lascia più problemi che soluzioni.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:01): Ci sono difficoltà economiche nei conti pubblici che rendono sempre più nebulose le prospettive sulle novità per le pensioni. La correzione da 3,4 miliardi di euro nella parte della manovra relativa al pubblico compiego, emersa dalle ultime e ultimissime notizie, rappresenta un duro colpo alle ipotesi di miglioramento e di correzione.

Con le discussioni delle ultime novità per le pensioni e non solo, emergono sempre più problemi economici per il nostro esecutivo, considerando che rispetto al bilancio approvato, come riportano le ultime notizie, emergono chiari problemi di attuazione delle ultime novità, a partire, per esempio, dalla richiesta della Comunità di ulteriori correzioni da 3,4 miliardi di euro al bilancio, alla questione aumenti degli stipendi per i dipendenti pubblici della Pubblica Amministrazione, per cui mancherebbero 3 miliardi, e si tratta di un ulteriore impegno chiesto. Questo budget si somma alla cospicua cifra che servirebbe, ben 19,5 miliardi di euro, per coprire le clausole di salvaguardia, eredità lasciata dal precedente esecutivo. A questi nuovi impegni economici, si aggiunge anche la difficoltà nel portare a compimento definitivo i Dpcm necessari per la definizione delle regole ufficiali per le ultime novità per le pensioni di mini pensione e quota 41.   

Difficoltà nella definizione dei Dpcm per le ultime novità per le pensioni
 

Secondo le ultime notizie, mentre si discute di altre questioni, come il decreto omnibus, tutto tace ancora sulla definizione dei Dpcm che servono per dare il via libera ufficiale alle ultime novità per le pensioni di mini pensione e quota 41. Il tempo stringe, considerando che la loro attivazione sarebbe in programma per il primo marzo, ma ancora nulla si sa sulle trattative avviate per la definizione degli accordi sull’entità dei tassi di interessi che dovranno essere applicati sulla mini pensione, sulle condizioni delle polizze assicurative, e su eventuali criteri di priorità per le richieste di accesso alla mini pensione. E i dubbi aumentano, considerando che, stando alle ultime e ultimissime notizie, lo stesso Gruppo Occupazione piuttosto che riprendere i Dpcm si sta concentrando soprattutto sulle questioni buoni lavoro e novità occupazionali per i liberi professionisti.

Secondo quanto assicurato, però, le novità per le pensioni, nonostante problemi di soldi e budget ristretto, non dovrebbero essere toccate, anche se i Dpcm ancora in alto mare fanno temere, e non poco, che tutto in merito possa bloccarsi. E questi rischi potrebbero rendere sempre più difficile la situazione nel nostro Paese che, come riportato dalle ultime notizie, potrebbe rischiare anche commissariamento e la Troika, sistema di controllo finanziario ed economico europeo da parte rappresentanti della Commissione europea, della Banca centrale europea e del Fondo monetario internazionale, meccanismo che qualche tempo fa è stato avviato già in Grecia.

Nulla su Dpcm ma nuove speranze da ripresa delle discussioni sul decreto omnibus

Se ci sono timori che le trattative sui Dpcm si blocchino e sulla difficile situazione dei miglioramenti sulle novità per le pensioni che avrebbero dovuto essere messi a punto ma saltati finora, da un lato il rischio è che tutto resti esattamente come definito finora, ma dall’altra, con il ritorno in discussione del decreto omnibus, si aprono nuove speranze di ripresa dei miglioramenti per le novità per le pensioni, miglioramenti che, come confermano le ultime notizie, sarebbero quelli presentati dal Comitato ristretto per le pensioni, e vale a dire estensione della lista delle attività da considerare faticose per la mini pensione senza oneri; riduzione da 36 a 35 anni degli anni contributivi necessari per la mini pensione senza oneri di chi svolge occupazioni faticose; aumento dei tempi di malattia e non occupazione; e probabilmente anche la richiesta di riduzione della percentuale di invalidità dal 75% al 60% per la mini pensione senza oneri e la quota 41.  

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il