BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutui Febbraio 2017: migliori offerte tassi interessi più bassi, condizioni, spese. Confronto. Da Marzo rischio aumento tassi

Andamento tassi mutui, ultime notizie su economia italiana e le migliori offerte di questo mese di febbraio 2017: quali sono e quale scegliere


Mutui migliori offerte gennaio 2017

Migliori proposte gennaio 2017 mutui tassi



La decisione dell'agenzia canadese Dbrs di abbassare il rating dell'Italia portandolo da A a BBB se, come riportano le ultime notizie, non dovrebbe avere particolari conseguenze sui titoli di Stato italiani, potrebbe avere un impatto, seppur lieve, sui Bot a breve termine, ma anche su prestiti e mutui. Con il declassamento rating, i prestiti, secondo le stime, costeranno di più alle banche, così come i mutui anche se, sempre secondo le stime, gli aumenti dovrebbero essere al momento ancora molto contenuti.

Certo è, comunque, che per evitare spiacevoli sorprese futuro, la tendenza attuale, alla luce di un graduale aumento dei tassi che potrà verificarsi a partire dal prossimo marzo 2017 per continuare certamente nel 2018, a meno di importanti cambiamenti dell’andamento economico sia italiano che europeo in generale, potrebbe essere quella di preferire il mutuo a tasso fisso.
Pur implicando tassi al momento leggermente maggiori rispetto a quelli del mutuo a tasso variabile e un pagamento della rata mensile più elevato, si tratta pur sempre della tipologia di mutuo che permette ai mutuatari di dormire sonni tranquilli perché indipendentemente da oscillazioni di mercato o volatilità, le condizioni stipulate al momento dell’accensione del mutuo resteranno sempre le stesse.

Chi, invece, sceglie un mutuo a tasso variabile potrà andare incontro a variazioni, probabilmente anche importanti, delle condizioni e dei tassi definiti al momento della stipula del mutuo, visto che il tasso variabile dipende molto dall’andamento del mercato. Tra le ultime notizie di cambiamento relative ai mutui cè, inoltre, da considerare che le banche, da questo mese di febbraio 2017, sono pronte ad aumentare gli spread bancari.

Offerta mutui di questo mese di gennaio 2017 da Ubi Banca

Tra le migliori offerte di mutui troviamo quella Ubi Banca per questo mese di febbraio 2017 propone il mutuo variabile Mutuo Sempre Light che per un mutuo da 100.000 euro, di durata 20ennale, 50% del valore della casa, prevede il pagamento di una rata mensile da 457,66 euro, con tan dello 0.95% e taeg dell'1,06% e uno spread all'1,25%.

Offerta mutuo gennaio 2017 da Webank

Per questo mese di febbraio 2017, Webank propone il Mutuo Fisso Acquisto, mutuo pensato per persone residenti in Italia da almeno tre anni, che prevede un importo finanziabile minimo di 50.000 euro e fino ad un massimo di 1.000.000 euro; prevede un importo finanziabile massimo 80% del minore tra importo di compravendita e valore di perizia, e prevede tempi di rimborso da 10, 15, 20, 25 e 30 anni.
Questo mutuo non prevede alcuna spesa, nessuna spesa di istruttoria, perizia, assicurazione casa e spese correnti. Per esempio, per la richiesta di un mutuo di 140mila euro, per un immobile di importo da 220mila euro, e di durata di 25 anni, è previsto il pagamento di una rata mensile di 617,89 euro con un taeg del 2,84%.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Gennaio 2017 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il