Pensioni ultime notizie rating in calo BBB negativo Ape Social, Ape Volontaria, Opzione Donna, Quota 41

Sono negative le prospettive sulle novità per le pensioni in seguito alla perdita dell'ultima A. Più difficile chiedere un prestito.

Pensioni ultime notizie rating in calo B

Novità per le pensioni negative



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 16:03):  Riprendendo, invece, il secondo motivo perchè i tassi in rialzo non convengono affato in un ottica generale bisogna calcolare che in questo modo anche lo Stato dovrà pagare di più sui Btp e sul debito pregresso e questo chiaramente non permetterà i risparmi che abbiamo visto fare nelle ultime notizie e ultimissime allo Stato Italiano compromettendo anche in parte, volontà a parte si intende sempre, le novità per le pensioni ulteriori.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:01): Il primo motivo per cui il calo del rating è nagativo è che il costo del denaro sarà più alto e, quindi, gli isitituti per le novità per le pensioni dovrebbero aumentare i tassi di interesse per cui dovrebbe concedere per le novità per le pensioni dell'Ape Social e l'Ape Volontaria nelle trattative che si attendono sempre più nelle ultime notizie e ultimissime. Trattative che devono ancora iniziare. Poi chiaramente conterrà molto la volontà, visto che i tassi dovrebbero, comunque, proprio perchè si tratta di darli per le novità per le pensioni, calmierati.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:38):  Almeno sotto due aspetti è negativo l'abbassamento del ranking dell'Italia per le novità per le pensioni sia nel breve termine, che nel medio-lungo periodo. E' solo chiaramente un fattore, ma, probabilmente è meno considerato nelle ultime notizie e ultissime rispetto a quanto meriterebbe con un occhio anche alla visione generale come detto più di ampio respiro.

L'Italia retrocede ufficialmente in serie B e le conseguenze sulle novità per le pensioni non possono che essere negative. Ma prima di capire il motivo e quali sono le prospettive per un cambio di marcia, occorre chiarire cosa si intende per rating BBB. Con il giudizio di Dbrs, l'unica agenzia di rating che ancora lasciava il nostro Paese nella classe di merito più alta, il debito sovrano italiano ha perso l'ultima A rimastagli e le banche italiane rischiano di uscire dal gruppo di quelle che danno in pegno il meno possibile per ottenere finanziamenti dalla Banca centrale europea. L'agenzia canadese ha declassato optato il rating dell'Italia portandolo da A a BBB. Il primo impatto è l'aumento del costo del denaro e qui entra in gioco il prestito concesso da banche e assicurazioni per consentire l'uscita anticipata nel quadro dell'Ape volontaria.

La perdita dell'ultima A comporta infatti la perdita della prima classe anche nei rapporti con la Bce. Chiedendo un prestito a Francoforte, gli istituti di credito devono infatti fornire garanzie. Valutando la richiesta, la Bce calcola la rischiosità degli asset che le banche danno in garanzia in base al rating più alto assegnato dalle quattro principali agenzie di rating.

Novità per le pensioni negative con il rating BBB

In attesa che governo e banche si mettano d'accordo sui tassi di interesse applicati per consentire ai lavoratori di uscire prima con lo strumento dell'Ape volontaria, lo scenario attuale non è dunque dei più incoraggianti. In ogni caso, i decreti attuativi chiamati a mettere nero su bianco le ultime decisioni sui nodi ancora non sciolti, tra cui appunto quello sui tassi di interesse, le novità che arrivano dal fronte europeo non possono di certo definirsi positive né per quota 41 ovvero quella novità per le pensioni pensata per i lavoratori precoci che, avendo iniziato a occuparsi da giovanissimi, possono congedarsi con 41 anni di contributi versati senza tenere conto dell'età anagrafica, e per l'opzione donna. Si tratta di un beneficio che permette alle lavoratrici di ottenere la pensione di anzianità con requisiti anagrafici più favorevoli rispetto a quelli attuali, ma solo per chi ha maturato le condizioni richieste tra il primo gennaio 2008 e il 31 dicembre 2015.

Ultime notizie pensioni legate alle banche

Gli istituti bancari italiani, che nel programma delle novità per le pensioni occupano un ruolo ancora più centrale, dovranno adesso pagare di più per accedere alle risorse di finanziamento messe in campo dall'Eurotower. Gli effetti sono facili a dirsi e in un ottica di miglioramento del quadro delle pensioni sono negative. In prima battuta le anche dovranno portare in Banca centrale europea più titoli pubblici di circa 5 miliardi di euro oppure avranno meno soldi in cambio. Sul mercato secondario, il Btp decennale (titolo di Stato) rende appena l'1,91% ovvero un rendimento che si azzera per i titoli del debito triennale. E a proposito di spread, altra variabile che ha in passato condizionato i programmi di riforma, anche relativi alla novità per le pensioni, lo scarto tra i Btp e i Bund tedeschi è sceso fino a 156 punti base. Ma molti operatori prevedono un allargamento fino a 200 già nel 2017.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il