Forze dell'Ordine 2017, polizia penitenziaria, forestale,esercito: ordini riordino,assunzioni 2017,bonus 80 euro,rinnovo contratti

Sono ancora tanti i fronti che fanno discutere intorno alle forze dell'ordine come la mancata erogazione del bonus di 80 euro a gennaio.

Forze dell'Ordine 2017, polizia penitenz

Bonus 80 euro forze dell'ordine



AGGIORNAMENTO: Il bonus di 80 euro, assicura il Governo, arriverà e sarà retroattivo per il mese di gennaio dopo le polemiche per la mancata assegnazione in busta paga. A oggi, tuttavia, il decreto attuativo, che ricalca quello dello scorso anno e dunque non presenta particolari complicazioni, non è stato ancora emanato. Da febbraio in poi, stando alle intenzioni della maggioranza, la situazione dovrebbe normalizzarsi.

AGGIORNAMENTO: Anche se non è stata inserita una voce specifica nella manovra, la maggioranza ha stanziato il budget sufficiente per finanziare il bonus di 80 euro alle forze dell'ordine per il solo 2017. Tuttavia a gennaio il personale delle forze dell'ordine è rimasto a bocca asciutta, scatenando la protesta dei comparti di categoria delle forze sociali e la conseguente contro risposta di Palazzo Chigi. 

Non c'è dubbio che ad aver catturato le maggiori intenzioni negli ultimi giorni sia stata l'assenza del bonus di 80 euro nelle buste paga delle forze dell'ordine. Una vicenda che accomuna polizia, forestale, adesso confluita nei carabinieri, polizia penitenziaria ed esercito. Il tutto mentre appunto la razionalizzazione e il riordino delle stesse forze dell'ordine continua a rimanere un pallino dell'attuale dicastero e le ultime voci riferiscono di un possibile interessante del Corpo della polizia penitenziaria. L'impressione è che in seguito all'accordo con le forze sociali del 30 novembre sul rinnovo del contratto degli statali, all'approvazione della manovra contenente il bonus di 80 euro per le forze dell'ordine e a possibili nuovi concorsi, la macchina amministrativa dello Stato si sia bloccata.

Bonus 80 euro forze dell'ordine: cosa succede

Anche se non è stata inserita una voce specifica nella manovra, la maggioranza ha stanziato il budget sufficiente per finanziare il bonus di 80 euro alle forze dell'ordine per il solo 2017. Tuttavia nel mese di gennaio il personale delle forze dell'ordine è rimasto a bocca asciutta, scatenando la protesta dei comparti di categoria delle forze sociali e la conseguente contro risposta di Palazzo Chigi. Il bonus di 80 euro, assicura, arriverà e sarà retroattivo per il mese di gennaio. A oggi, tuttavia, il decreto attuativo, che ricalca quello dello scorso anno e dunque non presenta particolari complicazioni, non è stato emanato. Dal mese di febbraio in poi, stando alle intenzioni della maggioranza, la situazione dovrebbe normalizzarsi.

E intanto arriva il rinnovo dei vertici delle forze dell'ordine

Vertici dell'Arma, della Difesa e dell'Esercito nel segno della continuità. Il Consiglio dei ministri su proposta del ministro della Difesa Roberta Pinotti ha prorogato l'incarico per il comandante generale dei Carabinieri Tullio Del Sette, il capo di Stato Maggiore della Difesa, Claudio Graziano e dell'Esercito, Danilo Errico. Una scelta annunciata, compresa la riconferma di Del Sette nonostante il suo nome sia finito nell'inchiesta Consip, la stessa che ha coinvolto anche il ministro Luca Lotti. La riconferma forse sarebbe già arrivata nel Consiglio dei ministri di fine anno se proprio il giorno prima non si fosse saputo delle indagini in atto.

Forza Italia applaude mentre il Movimento 5 Stelle alza la voce e si chiede come sia possibile "che a un soggetto in pensione, non più in possesso dei requisiti previsti dalla legge e per di più indagato venga prorogata la nomina" e ne chiede immediatamente la revoca. La sua riconferma da parte del governo al vertice dell'Arma è un atto di fiducia che in una certa misura lo blinda. Restano al loro posto anche Graziano ed Errico. Entrambi torinesi, classe 1953, Graziano ha comandato la Brigata Multinazionale Kabul in Afghanistan e ricoperto l'incarico di Force Commander missione Unifil in Libano. Errico il 20 febbraio 2015 era stato nominato Capo di Stato Maggiore dell'Esercito ed è stato confermato.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il