Bollo auto e multe di notte 2017: chi paga, esenzioni, prescrizioni. Nuove regole ufficiali, cosa cambia

Se si commettono infrazioni di notte al Codice della strada, l'importo della multa è più alto di un terzo.

Bollo auto e multe di notte 2017: chi pa

Bollo auto 2017, chi non paga?



AGGIORNAMENTO: L'esenzione dal bollo auto spetta ad un solo veicolo con facoltà di scelta da parte dell'interessato che nella domanda di esenzione deve indicare la relativa targa. Inoltre è necessario che il veicolo abbia una cilindrata non superiore a 2.000 centimetri cubici, se a benzina, e a 2.800 centimetri cubici, se a gasolio.

Scatta la corsa al bollo auto 2017, da pagare entro la fine di questo mese di gennaio se si è andati a scadenza lo scorso anno. Per sapere cosa cambia ovvero quanto si paga, occorre fare riferimento alla normativa comunitaria sulle emissioni inquinanti riportata sulla carta di circolazione per determinare a quale direttiva sia conforme il veicolo e moltiplicare il corrispondente valore riportato nella tabella per ogni KW di potenza della vettura o CV, per le auto il cui libretto di circolazione riporta ancora la potenza massima espressa in CV. Per i veicoli di potenza superiore ai 100 KW o 136 CV il calcolo del bollo auto va effettuato aggiungendo all'importo base moltiplicato per 100 KW o 136 CV i singoli KW eccedenti i 100 o i CV eccedenti i 136 moltiplicati per l'importo unitario riportato nel rigo successivo.

Nel caso di pagamenti del bollo auto 2017 inferiori all'anno, occorre fare riferimento ai valori unitari riportati nelle colonne pagamenti frazionati e moltiplicarli per il numero di KW o CV , dividere il prodotto ottenuto per 12 e moltiplicare tale risultato per il numero di mesi che si intende pagare.

Bollo auto 2017, chi non paga? Esenzioni

Sono i disabili a fruire dell'esenzione permanente dal bollo auto 2017. Il veicolo deve essere intestato allo stesso disabile ovvero a un soggetto rispetto al quale è fiscalmente a carico. Hanno diritto all'esenzione quelli con limitazioni permanenti della capacità motoria e quelli con handicap psichico o mentale di gravità tale da aver determinato il riconoscimento dell’indennità di accompagnamento, gli invalidi con grave limitazione della capacità di deambulazione, i pluriamputati, i sordomuti, i non vedenti. L'esenzione spetta per un solo veicolo con facoltà di scelta da parte dell'interessato che nella domanda di esenzione deve indicare la relativa targa. Inoltre è necessario che il veicolo abbia una cilindrata non superiore a 2.000 centimetri cubici, se a benzina, e a 2.800 centimetri cubici, se a gasolio. Qualora il disabile rientri abbia limitazioni permanenti della capacità motoria, il veicolo deve essere stato adattato in funzione della condizione e le modifiche devono risultare dalla carta di circolazione.

Attenzione alle multe di notte

Secondo il Codice della strada 2017, se si commettono infrazioni di notte, l'importo della multa è più alto. Esattamente di un terzo rispetto alla somma che si pagherebbe nel caso in cui la stessa violazione avvenisse di giorno. Più esattamente, la fascia oraria da bollino rosso è quella tra le 22 e le 7. In particolare occorre stare attenti alla velocità con cui si procede, ricordando che è prevista

  1. una multa da 36 a 148 euro in caso di superamento del limite di velocità fino a 10 km/h;
  2. una multa da 148 a 594 euro e 5 punti patente in meno in caso di superamento del limite di velocità fra 10 e 40 km/h;
  3. una multa da 370 a 1.458 euro, 10 punti patente in meno e sospensione della patente da 1 a 3 mesi in caso di superamento del limite di velocità fra 40 e 60 km/h;
  4. una multa da 500 a 2.000 euro, 10 punti patente in meno, sospensione della patente da 6 a 12 mesi in caso di superamento del limite di velocità oltre i 60 km/h.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il