BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ricongiunzioni, opzione donna, cumulo domanda, regole e come funzionano ufficiale in circolare INPS in arrivo

A breve saranno emanati i dettagli definitivi relativi al cumulo e all'opzione donna 2017 nel contesto delle novità per le pensioni e con molti dubbi da chiarire.


Ultime notizie pensioni opzione donna

Novità per le pensioni e cumulo



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:50): Sono tante le aspettative sul cumulo dei contributi che vale anche per smettere anzitempo e per le Casse dei professionisti. Ma in contempo sono tanti i dubbi relativi a questa parte delle novità per le pensioni da combinare con l'opzione donna e cui tardano ad arrivare chiarimenti definitivi, come confermato anche dalle ultime e ultimissime notizie.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:30): Che il quadro delle novità per le pensioni non sia ancora completato è dimostrato dalle ulteriori novità in arrivo. Tra le più interessanti, così come ampiamente spiegata dalle ultime e ultimissime notizie, c'è quella relativa alla combinazione tra cumulo e opzioni donna, utile per le lavoratrici autonome e dipendenti che vedono accorciarsi i tempi del taglio del traguardo della pensione.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:30): E' stata annunciata a breve, brevissimo la circolare dell'INPS, o meglio alcune circolari dell'INPS che daranno il via libera per fare la domanda a Opzione donna 2017, alle ricongiunzioni e al cumulo 2017 modificato come nelle ultime notizie e ultimissime. Saranno queste le prime novità per le pensioni a diventare leggi ufficiali

Si entra nel vivo delle operazioni che condurranno all'implementazione delle nuove regole e dei metodi inediti delle novità per le pensioni. Tra le tante questioni ancora aperte, ad esempio, ce ne sono ancora tre. Sono ferme sulla carta, approvate ma non ancora introdotte. E non ci riferiamo alle mini pensioni bensì alle norme relative al cumulo, rispetto a cui c'è da chiarire fino in fondo se e in che modo sarà gratis, e all'opzione donna 2017, compresa la parte relativa al contatore. Stando alle ultime notizie pensioni, i tempi sono ormai maturi per l'emanazione delle decisive circolari dell'Inps, attese nei prossimi giorni se non già in questa settimana.

Novità per le pensioni e cumulo dei contributi: cos'è e come funziona

L'obiettivo con la norma del cumulo gratis nel quadro delle novità per le pensioni è di valorizzare i contributi versati in più gestioni per raggiungere la pensione di vecchiaia o smettere anzitempo. Sono destinatari tutti i lavoratori, anche coloro che prima del di quest'anno hanno presentato domanda di totalizzazione, a patto che rinuncino alla domanda stessa e che il relativo procedimento non sia ancora concluso. Ma attenzione, non è oggetto di recesso la ricongiunzione che ha dato luogo alla liquidazione di una pensione, anche se su questa gravano trattenute a titolo di rate d'onere di ricongiunzione. E allo stesso tempo non è consentito il recesso dalla ricongiunzione per ottenere la restituzione di quanto versato e accedere al pensionamento in cumulo se l'onere è stato tutto pagato. Ogni gestione calcola la pensione con le sue regole e paga la relativa quota di assegno. I dipendenti pubblici che si avvalgono di questo metodo, incassano l'indennità di fine servizio al compimento dell'età per la pensione di vecchiaia e si vedono applicati tutte le disposizioni normative vigenti.

Ultime notizie pensioni opzione donna

Si va allora verso la conclusione della sperimentazione che consente di andare in pensione a 57 o 58 anni di età. Si tratta appunto della cosiddetta opzione donna, una delle novità per le pensioni più attesa. In buona sostanza il cambiamento consiste nella mancata applicazione al requisito anagrafico non si applica dell'adeguamento di tre mesi alla speranza di vita. Beneficiarie sono le donne nate nell'ultimo trimestre del 1957 o 1958, rimaste escluse perché nel 2015 erano richiesti 57 anni e 3 mesi di età o 58 e 3 mesi. La pensione viene calcolata con il contributivo, meno vantaggioso dal punto di vista economico rispetto a quello misto e, dettaglio importante, chi ha i requisiti può usare l'opzione se e quando vuole.

L'assegno di anzianità viene staccato alla lavoratrice dopo 12 mesi se lavoratrice dipendente (18 mesi se autonoma) dalla data di maturazione dei requisiti previsti. In pratica la decorrenza della pensione è differita rispetto alla maturazione dei requisiti. Le lavoratrici dipendenti nate nell'ultimo trimestre del 1958 (ultimo trimestre del 1957, se autonome) devono aspettare altri 4 mesi per via degli incrementi della aspettative di vita del 2016.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il