Pensioni ultime notizie Ape Social, Ape Volontaria, Quota 41 passaggi da quando domanda al rifiuto o accettazione INPS pensione

Qual è la procedura di invio della domanda per l’Ape, ultime notizie su modalità di richiesta e a chi rivolgersi

Pensioni ultime notizie Ape Social, Ape

Pensioni novità ape iter domanda inps modalità



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore XX:XX): Stando alle intenzioni, tra circa tre mesi entreranno in vigore Ape sociale e Ape volontaria ovvero le più importanti novità per le pensioni previste per questo 2017. Ma come abbiamo visto con le ultime e ultimissime notizie ci sono ancora tanti passaggi pratici su cui mancano le indicazioni. Spetta adesso all'Inps orientare i lavoratori che aspirano a smettere anzitempo.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:20): Pian pano tutte le tessere nel puzzle delle novità per le pensioni stanno trovando la giusta collocazione. Ma tra Ape Social, Quota 41 e Ape Volontaria, ci sono ancora alcuni snodi da affrontare e superare. L'impegno è su due livelli. A quello politico si aggiunge quello tecnico, come ricordato dalle ultime e ultimissime notizie sull'attivismo dell'Inps.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:30): Si va delineando la procedura anche proprio concreto per fare domanda per l'Ape Social, Quota 41 e Ape Volontaria. Si incomincia a capire quando si potrà fare domanda all'INPS, ma anche la gestione delle procedure e tutti i passaggi che vi saranno per avere o meno la pensione chiarite, se non proprio del tutto, dai tecnici e da diverse fonti, nelle ultime notizie e ultimissime, pur come detto, rimanendo alcuni dubbi che sono generati anche proprio dalle stesse affermazioni dei tecnici su alcuni passaggi.

Si attendono i Dpcm con le regole ufficiali di funzionamento delle ultime novità per le pensioni di ape social, volontaria e quota 41 e nell'attesa di conoscere le ultime notizie che riguarderanno requisiti, beneificari e tassi di interesse ufficiali che dovranno essere calcolati sull'ape, le incertezze e i dubbi di questi giorni riguardano l'iter della domanda di richiesta dell'ape. Come si farà, quali sono le modalità di presentazione della domanda e chi deciderà se approvarla o meno. Sono questi i quesiti che si chiedono i cittadini. cerchiamo di fare chiarezza.  

Ultime notizie sulla procedura da seguire per invio della domanda per l’ape

La procedura da seguire per inoltrare la domanda di richiesta di accesso all’ape, volontaria, sociale, e quota 41, prevede diversi passaggi, fino al momento dell’accettazione. I passaggi prevedono, in particolare:

•    Domanda Inps con procedura online
•    Domanda Inps tramite caf o patronati
•    Certificazione da parte dell'Inps
•    Scelta da parte del lavoratore di banche e assicurazioni cui rivolgersi
•    Accettazione o rifiuto dalla domanda


La domanda di richiesta dell’Ape potrà essere compilata e inoltrata direttamente online sul sito dell'Inps o attraverso Caf e patronati. Per quanto riguarda la procedura online sul sito Inps, sia per ape social che per Ape volontaria bisognerà accedere al sito e ogni lavoratore contribuente avrà una propria pagina interna dedicata ad ape volontaria, social e quota 41, che permetterà di seguire la procedura online. Una volta compilata e inviata la domanda, seguendo le modalità e regole riportate dall’Inps, toccherà all’Inps stesso confermare se il lavoratore soddisfa i requisiti richiesti per beneficiare dell’Ape e anticipare così la sua uscita dal lavoro. Nel momento in cui l’Inps invierà al lavoratore relativa certificazione di risposta alla sua domanda, toccherà al lavoratore stesso scegliere una banca a cui chiedere l'anticipo, provvedendo a fornire, sia a banche che ad assicurazioni, i documenti necessari richiesti insieme a certificazione dell'Inps. Le banche tra cui scegliere, come anche le assicurazioni, sono quelle che avranno firmati gli accordi, giacchè non tutte le faranno. Banche e assicurazioni avranno, comunque, facoltà di rifiutare la domanda. Si tratta di un finale dovuto dal fatto che, come spesso già spiegato, l’ape più che essere considerare una vera e propria novità per le pensioni, è stata considerata una misura indennitaria, per cui non è obbligatorio che la domanda venga accettata. Se la banca e l'assicurazione danno il via libera, si procederà con l’erogazione della pensione nei tempi prestabiliti. La pensione sarà erogata con cadenza mensile entro 30 giorni dall’invio della domanda. Una volta raggiunta la normale pensione, l’Inps, in automatico, avvierà il piano di rimborso, applicando sulla pensione finale una decurtazione compresa tra il 4,5% e il 5%. Le decurtazioni saranno detraibili dalle imposte al 50%.    

Dubbi relativi a procedura per domanda per Ape

Vi sono, tuttavia, diversi dubbi relativi alla procedura di inoltro domanda che dovrebbero essere chiariti, innanzitutto, se per la procedura online di invio della domanda attraverso il sito Inps bisognerà richiedere, come per la maggior parte dei servizi Inps al cittadini, il Sistema di identificazione digitale (nel caso in cui se ne foste sprovvisti), o se si potrà seguire la procedura online anche senza Sistema di identificazione digitale, per semplificare il tutto. Ci si chiede, inoltre, se il cittadino alla banca (e assicurazione) dovrà inoltrare solo la richiesta di accesso all’ape o anche tutti i relativi documenti che ne accertino i requisiti, insieme alla certificazione Inps, chiaramente.

Tempi di invio della domanda Inps per l’Ape

Per quanto riguarda i tempi di invio, la domanda di richiesta dell’ape, stando alle ultime notizie, potrà essere inviata tra la fine di aprile e l’inizio del mese di maggio, cioè entro i tempi già stabiliti. Ma, stando alle ultime notizie, questi tempi potrebbero subire un ritardo non a causa, però, di eventuali rinvii dei Dpcm, le cui trattative, secondo quanto riportano le ultime notizie, starebbero seguendo i tempi stabiliti e si starebbero portando avanti nel migliore dei modi, ma per eventuali problemi di organizzazione interna dello stesso Inps e delle banche. Dalle ultime notizie, tuttavia, non sembrano emergere particolari problemi di tempi, anche perchè le trattative con le banche sembra stiano andando piuttosto bene.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il