Statali, docenti, dipedendenti pubblici 2017: contratti rinnovo, aumento stipendi con Ue a forte rischio

Sull'aumento degli stipendi degli statali la maggioranza potrebbe tenere conto delle richieste di correzione della Comunità.

Statali, docenti, dipedendenti pubblici

Aumento dello stipendio degli statali



AGGIORNAMENTO: L'ultima legge di Bilancio ha introdotto un fondo da utilizzare per elargire un maxi stanziamento utile a finanziare l'aumento degli stipendi degli statali, nuove assunzioni, l'attribuzione di risorse al personale dei Corpi di polizia, del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e delle Forze armate. Prevista l'istituzione anche di un altro Fondo destinato all'aumento dell'organico dell'autonomia. 

Quali sono i reali motivi per cui continua a tardare l'accordo sul rinnovo dei contratti dei dipendenti pubblici? Nonostante il cambio alla guida del Paese, nulla è cambiato nel Ministero per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione e di conseguenze il percorso sarebbe dovuto scorrere in maniera fluida. Tuttavia, a distanza di circa due mesi, la situazione è di fatto ingessata e, nonostante gli annunci e i buoni propositi, tra cui l'ultimo ministeriale sull'auspicio di un incontro con le forze sociali già in questa settimana, non si registrano passi in avanti. A quanto pare, a preoccupare è la richiesta di aggiustamento della manovra avanzata dalla Comunità che potrebbe richiedere interventi per 3,4 miliardi di euro.

Se c'è da tagliare, quello con il rinnovo del contratto del pubblico impiego, nonostante la sentenza dell'Alta Corte che comunque non detta i tempi, è uno dei comparti maggiormente indiziati. E così l'appuntamento con l'aumento dello stipendio degli statali potrebbe slittare nel 2018 e prevedere un dimezzamento delle risorse in questo 2017, pari a 85 euro in media.

Rinnovo del contratto dei dipendenti pubblici: cosa prevede la manovra

La questione del rinnovo del contratto dei dipendenti pubblici va letta alla luce del fondo per il pubblico impiego creato con la l'ultima legge di Bilancio. In pratica si tratta di un maxi stanziamento per finanziare l'aumento degli stipendi degli statali, nuove assunzioni presso le amministrazioni dello Stato, l'attribuzione di risorse al personale dei Corpi di polizia, del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e delle Forze armate. In aggiunta è prevista l'istituzione di un Fondo destinato all'aumento dell'organico dell'autonomia. Volendo entrare nel dettaglio, è stata stanziata la somma di 1,92 miliardi di euro per il 2017 e di 2,63 miliardi di euro a decorrere dal 2018.

E qui entrano in gioco due fattori. Il promo è che la dotazione del Fondo è da distribuire con decreto della presidenza del Consiglio dei ministri che potrebbe appunto tenere conto delle richieste della Comunità.

Aumento dello stipendio degli statali: cosa prevede l'intesa con le forze sociali

Tenendo fermo il budget fissato con la legge di Bilancio, che rappresenta dunque la base del ragionamento sulle prospettive sia nel breve e sia nel lungo periodo, l'intesa con le forze sociali sull'aumento dello stipendio degli statali prevede un surplus medio di 85 euro che non fa cumulo con gli 80 euro del bonus mensile destinato anche ai dipendenti pubblici con reddito tra 8.000 e 24.000 euro e parzialmente fino a 26.000 euro. L'accordo con il Ministero per la Funzione Pubblica e le forze sociali passa anche dall'assicurazione sulle risorse che cresceranno con la contrattazione decentrata e il welfare contrattuale e dei quella sui rinnovi dei contratti della pubblica amministrazione in scadenza e superamento del precariato. E ancora: la maggioranza si è impegnata a sbloccare la contrattazione e a cambiare le norme attuali sulla valutazione, superando le tre fasce.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il
Puoi Approfondire