Assegni Famigliari 2017 INPS: per chi, durata, importo. Come funzionano

Ogni anno, compreso questo del 2017, l'Inps rende noti i limiti di reddito in riferimento al nucleo familiare e ai beneficiari

Assegni Famigliari 2017 INPS: per chi, d

Assegni familiari: come fare domanda



AGGIORNAMENTO: Ogni anno l'Inps rende noti i limiti di reddito in riferimento al nucleo familiare e ai beneficiari. Oltrepassata una prima fascia di reddito è prevista la riduzione della somma fino alla completa cessazione. Il diritto all'assegno decorre dal primo giorno del periodo di paga o di pagamento della prestazione previdenziale, per la quale è prevista l'erogazione accessoria degli assegni per il nucleo familiare.

Occorre prestare attenzione quando si parla di assegni familiari nel 2017. Esistono infatti due tipi di contributo con nomi molto simili ma prestazioni differenti tra destinatari, importo, durata a funzionamento. Da una parte ci sono quelli diretti al nucleo familiare che sono rivolti ai dipendenti privati. Dall'altra gli assegni familiari per agricoltori e lavoratori autonomi. In estrema sintesi, i primi, gli assegni al nucleo familiare, vanno richiesti al proprio datore di lavoro con il modello Anf/Dip (SR16). In alternativa si può presentare la domanda all'Inps. E per farlo c'è tempo fino a 5 anni dalla cessazione del rapporto di lavoro.

Assegni al nucleo familiare e familiari 2017: per chi, differenze e come funzionano

Gli assegni al nucleo sono destinati a lavoratori dipendenti, lavoratori dipendenti agricoli, lavoratori domestici, lavoratori iscritti alla gestione separata, titolari di pensioni e titolari di prestazioni previdenziali, mentre gli assegni familiari hanno platea di destinatari più ristretta i cui rientrano i soli coltivatori diretti e i titolari delle pensioni a carico delle gestioni speciali dei lavoratori autonomi come artigiani, commercianti, coltivatori diretti. Il nucleo familiare dai coniugi, con esclusione di quello legalmente ed effettivamente separato, e dai figli, anche equiparati, minorenni o senza limiti di età qualora si trovino nell'assoluta e permanente impossibilità di dedicarsi a un proficuo lavoro.

Sono inclusi anche i fratelli, le sorelle e i nipoti del richiedente nel caso in cui essi siano orfani di entrambi i genitori e non abbiano conseguito la pensione ai superstiti e sempre se siano minorenni ovvero maggiorenni qualora si trovino nell'assoluta e permanente impossibilità di dedicarsi ad un proficuo lavoro.

Assegni familiari: come fare domanda, importo e durata

Per quanto riguarda i soli assegni al nucleo familiare, possono essere richiesti al proprio datore di lavoro, nel caso in cui il richiedente svolga attività lavorativa dipendente, utilizzando il modello Anf/Dip (SR16). In tal caso, il datore di lavoro deve corrispondere l'assegno per il periodo di lavoro prestato alle proprie dipendenze, anche se la richiesta è stata inoltrata dopo la risoluzione del rapporto nel termine prescrizionale di 5 anni. In alternativa

  1. si può fare domanda all'Inps, che rimane un'opzione valida sia per gli assegni al nucleo familiare e sia per gli assegni familiari:
  2. attraverso il portale dell'Istituto se si è muniti di Pin, con il servizio di Invio online di domande di prestazioni a sostegno del reddito;
  3. tramite Contact Center attraverso il numero 803164 da rete fissa o il numero 06.164164 da rete mobile;
  4. oppure chiedendo assistenza a un patronato di fiducia.

Ogni anno l'Inps rende noti i limiti di reddito in riferimento al nucleo familiare e ai beneficiari. Oltrepassata una prima fascia di reddito è prevista la riduzione della somma degli assegni familiari fino alla completa cessazione. Il diritto all'assegno decorre dal primo giorno del periodo di paga o di pagamento della prestazione previdenziale, per la quale è prevista l'erogazione accessoria degli assegni per il nucleo familiare. Non possono essere erogati complessivamente più di 6 assegni giornalieri per ciascuna settimana e 26 per ogni mese.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il