Pensioni ultime notizie su quota 100, quota 41, mini pensioni da Gotor, Giorgetti, Crimi

Le ultime posizioni di Crimi, Giorgetti e Gotor su ultime notizie attese dalla Consulta e possibili ripercussioni sulle novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie su quota 100, qu

Pensioni novità ultime affermazioni Vito Crimi



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 10:52): Sembra che stia diventando più numeroso il fronte del no a elezioni subito. Non tutti i partiti politici sarebbero già pronti ad andare al voto già in primavera. Ragioni politiche e programmatiche, comprese le novità per le pensioni, suggeriscono di procedere con gradualità. E poi ci sono le ultime e ultimissime notizie sulla volontà di armonizzare la legge elettorale per Camera e Senato.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:01): Il fattore tempo è quello decisivo sulle novità per le pensioni. Il momento chiave, come è saltato fuori dalle ultime e ultimissime notizie, è quello delle elezioni. E a oggi, è teoricamente possibile andare alle urne già nella prossima primavera. Sarà decisiva la volontà delle forze politiche, ma come stiamo vedendo non c'è una perfetta comunanza di intenti.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:01): E adesso le posizioni degli esponenti politici, anche e soprattutto in riferimento alle novità per le pensioni, vanno filtrate alla luce delle ultime e ultimissime notizie arrivate dall'Alta Corte e la sentenza sulla legge elettorale. Nel caso di voto in tempi brevi, programmi e piattaforme di rilancio delle novità per le pensioni, andranno rivisti per tenere conto dei temi ristretti.

Tra possibili nuove alleanze tra i diversi schieramenti e i punti da cui ripartire per riconquistare elettori e fiducia dei cittadini, si attende con ansia la sentenza di oggi della Consulta sul sistema di voto. Si tratta di un pronunciamento molto importante che avrà certe conseguenze sulle prossime elezioni e soprattutto sul tempo in cui verranno indette.

Le ultime affermazioni di Vito Crimi e conseguenze per novità per le pensioni

Netta a posizione del pentastellato Vito Crimi sull'attesa sentenza della Consulta sul sistema di voto e possibili elezioni anticipate: secondo Crimi, infatti, come riportano le ultime notizie, la cancellazione totale del sistema di voto in discussione potrebbero permetterà di andare al voto subito, con un nuovo meccanismo che, secondo il M5S, potrebbe anche essere proporzionale. E' questa infatti l'idea che i pentastellati da sempre rilanciano, un ritorno al proporzionale. Crimi spiega che il proporzionale proposto dal M5S si baserebbe su piccoli collegi, che rappresenterebbero concretamente l'Italia, dando possibilità ad un singolo schieramento di ottenere anche la maggioranza assoluta. E' stato lo stesso Crimi a spiegare che in ogni caso il M5S non sarà disposto a fare alcuna alleanza. E si tratta di dichiarazioni che non collimano molto con le ultime notizie di questi giorni che hanno parlato di una possibile alleanza tra M5S e Lega. E si tratterebbe di una alleanza che potrebbe avere importanti e decisamente positive conseguenze per le novità per le pensioni, considerando che entrambi gli schieramenti sostengono importanti novità per le pensioni come

•    novità per le pensioni di quota 41 per tutti senza penalità;
•    abbassamento dell'età pensionabile per tutti;
•    tagli delle ricche pensioni degli altri esponenti politici;
•    introduzione dell'assegno universale.

Si tratta, tuttavia, di novità per le pensioni che lo stesso M5S, stando alle ultime e ultimissime notizie, sarebbe ben in grado di portare avanti da solo, visto che da sempre rappresentano dei capisaldi del programma dei penta stellati. Le novità per le pensioni di uscita prima e l’introduzione dell’assegno universale per riconquistare, dunque, consensi e fiducia da parte dei cittadini. Stando alle ultime notizie trapelate da fonti anonima, i giudici dell’Alta Corte sarebbero piuttosto divisi, ma circola l’indiscrezione secondo cui potremmo aspettarci anche un proporzionale. Ma non resta che attendere la fine della giornata per capire quale sarà effettivamente la decisione finale.

Ultime notizie su posizioni di Giorgetti e conseguenze per novità per le pensioni

Favorevole al proporzionale anche la Lega e le ultime affermazioni di Giancarlo Giorgetti, lo dimostrano: qualsiasi sia la sentenza di oggi della Consulta, l’importante è che sia auto applicativa permettendo di andare al voto subito. E con elezioni subito è possibile che si rilanci in maniera importante sulle novità per le pensioni, mentre senza voto potrebbero arrivare novità per le pensioni ma solo minori e non importanti come quelle che ci si potrebbe aspettare con elezioni subito. E una possibile alleanza, come emerso dalle ultime notizie, con il M5S spingerebbe ancor più verso profonde novità per le pensioni. Ma le grandi alleanze non sempre si rivelano positive.

Le ultime posizioni di Gotor e conseguenze per novità per le pensioni

E si tratta della stessa incertezza che aleggia su una nuova possibile intesa tra centro destra e centrosinistra: le grandi coalizioni, infatti, potrebbero avere impatto positivo sulle novità per le pensioni, anche se poi, praticamente, le stesse grandi coalizioni, in passato non hanno mai fatto nulla di concreto per novità per le pensioni. Prima, però, di pensare ad una nuova larga intesa, bisognerebbe risolvere le tensioni e gli scontri interni agli stessi schieramenti. Il centrosinistra appare ancora molto diviso tra fedelissimi dell’ex premier e opposizione interna e gli ultimi timori della stessa opposizione, come riportano le ultime notizie, e le conferme da parte di Miguel Gotor, tra i bersaniani convinti, è che il sottosegretario arrivi a voler il voto subito anche con il sistema che sarà deciso dalla Consulta, a prescindere da quale sia e, considerando che da fonti anonime trapela la possibilità che la Consulta non toccherà la parte sui capolista bloccati, è possibile che l’ex premier fa dividerà i capilista. In ogni caso, punto da cui dovrebbero ripartire tanto l’ex premier quanto la nuova forza di sinistra a lui alternativa, sarebbero quelle novità per le pensioni tanto care ai cittadini.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il