Pensioni ultime notizie Ape Social, Quota 41, Ape Volontaria sistemi ulteriori in arrivo accanto per uscire prima e già vigenti

Metodi già in vigore di uscita prima e novità per le pensioni in arrivo tra ape altri metodi. Quali sono e cosa prevedono

Pensioni ultime notizie Ape Social, Quot

pensioni novità ape sistemi vigenti debutto 2017



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 14:50): Per quanto riguarda l'ampliamento per i 64 anni con un miglioramento delle circolare dell'INPS che già portava miglioramenti il Ddl era atteso in quanto più volte detto nelle ultime notizie e ultimissime, così come quello per chi cura persone le persone disabili che sta eguendo un lungo iter anche più genereale delle sole novità per le pensioni, mentre la riaperture per i quindicenni è stata più una sorpresa e appare il più complesso perchè da sempre bocciato. Ma il suo ritorno, se dovesse continuare l'iter, sarebbe un segnale già di una ricerca di consenso sempre più forte per elezioni vicine.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:45): Gli ulteriori sistemi per le novità per le pensioni che sono arrivati anche a sorpresa in aula, senza dimenticare quello presente nel Dl sulla Libera Concorrenze, riguardano nelle ultime notizie e ultimissime l'ampliamento delle categorie dei 64 anni, i quindicenni, le possibili soluzioni per disabili e parenti che li curano e li assistano come i portatori di handicap. 

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:30): Non c'è solo l'Ape Social, l'Ape Volontaria e la quota per uscire prima, ma esistono una serie di metodi già vigenti per uscire prima a cui si affiancono ulteriori novità per le pensioni che non solo rimaste in una sorta di limbro del confronto, ma che nelle ultime notizie e ultimissime stanno arrivando in Aula. Poi, sappiamo tutti gli ostacoli...

Tra sistemi già in vigore per andare in pensione prima e metodi in arrivo, sono diverse le possibilità di uscita prima che quest’anno si potranno scegliere, anche se, come confermano le ultime notizie, non si tratterà di sistemi validi per tutti, soprattutto in riferimento alle ultime novità per le pensioni di Ape socia, volontaria e quota 41, che prevedono diversi paletti.

Metodi per uscire prima vigenti

Nell’attesa dell’entrata in vigore ufficiale dell’Ape, nelle sue diverse varianti, esistono già sistemi che permettono ad alcuni lavoratori di andare in pensione prima e sono:

  1. totalizzazione, cumulo e ricongiunzione (anche quest’ultima da quest’anno gratuita);
  2. part-time, che permette al lavoratore di passare da impiego full time a part time, con riduzione di orario di lavoro e stipendio ma con contributi regolarmente pagati fino al raggiungimento della normale pensione;
  3. opzione donna, per l’uscita prima delle lavoratrici statali (a 57 anni di età) e delle lavoratrici private e libere professioniste (a 58 anni di età) con 35 anni di contributi e pensione ridotta fino al 30% interamente calcolata con sistema contributivo.
  4. Ape social, volontaria e quota 41 in arrivo: requisiti per uscita prima

Ape volontaria, social e quota 41 da quest’anno consentiranno ai lavoratori di andare in pensione prima dei 66 anni e sette mesi oggi richiesti, si tratta di una possibilità che, come confermano le ultime notizie, vale per i nati dal 1951, che possono chiedere l’anticipo di uscita dalla propria occupazione fino a 63 anni e con 20 anni di contributi, accettando una penalità sulla pensione finale per la restituzione dell’anticipo percepito agli istituti di credito, che vi applicheranno anche dei tassi, e che dovrà avvenire in 20 anni. Ancora incerta l’entità dei tassi di interesse che verranno calcolati ma che, stando alle ultime notizie, dovrebbero essere compresi tra il 4,5 e il 4,7%, a meno di aumenti dell’ultimo minuto. A questo anticipo si legherà la stipulazione di una polizza assicurativa di copertura in caso di premorienza del lavoratore pensionato.

Questi costi si azzerano per l’Ape social, cui è collegata la quota 41, destinata però solo alle persone considerate svantaggiate. Rientrano in queste categorie di persone e possono richiedere ape social e quota 41:

  1. coloro che sono rimasti senza occupazione, abbiano esaurito tutti i sussidi di disoccupazione da almeno tre mesi e abbiano maturati 30 anni di contributi;
  2. coloro che sono malati gravi e che abbiano maturato 30 anni di contributi;
  3. coloro che sono invalidi, con una percentuale superiore al 74 % e abbiano maturato 30 anni di contributi;
  4. coloro che sono impiegati in occupazioni faticose, solo in alcune professioni, e che abbiano maturato almeno 36 anni di contributi, di cui almeno 6 continuativi.

Le professioni considerate faticose i cui impiegati possono richiedere ape social e quota 41 sono le seguenti:

  1. infermiere ed ostetriche;
  2. facchini;
  3. addetti all'assistenza personale di persone non autosufficienti;
  4. maestre d’asilo nido ed educatori di asilo;
  5. lavoratori edili;
  6. addetti alla lavorazione dell’amianto;
  7. macchinisti e personale viaggiante ferroviario;
  8. autisti di mezzi pesanti e camion;
  9. lavoratori addetti all’estrazione e alla lavorazione dell’amianto;
  10. conduttori di gru, di macchinari mobili per la perforazione nelle costruzioni;
  11. conciatori di pelli e di pellicce.

Requisiti per la pensione con Opzione Donna

Requisiti decisamente diversi sono quelli richiesti dal meccanismo dell’opzione donna: non in pensione prima a 63 anni al massimo, ma a

  1. 57 anni di età con 35 anni di contributi per le lavoratrici statali;
  2. 58 anni di età e 35 anni di contributi per le lavoratrici private e autonome;
  3. con calcolo della pensione finale esclusivamente con sistema contributivo, accettando penalità fino ad un massimo del 30% dell’importo.

Altri metodi per uscire prima in arrivo

Insieme all’ape, tra gli altri metodi per andare in pensione prima in arrivo ci sono quelli relativi a:

  1. coloro che hanno 64 anni, per cui si attende un’ulteriore circolare Inps;
  2. le quindicenni;
  3. i Dipendenti pubblici

Metodi per uscire prima per 64enni e quindicenni

Possono al momento andare in pensione a 64 anni, secondo quanto stabilito dal decreto 201/2011, tutti i lavoratori dipendenti del settore privato con 36 anni di contributi; o con 61 anni di età con 35 di contributi, che diventano 60 anni di età e 20 anni di contributi per le donne, da maturare entro il 31 dicembre 2012, indipendentemente dal fatto che al 28 dicembre 2011 risultassero regolarmente impiegati con regole contratto da dipendente privato, condizione richiesta fino a qualche tempo fa. La condizione che però ancora sussiste e per la quale si attende una circolare di cancellazione dall’Inps e quella che esclude dal calcolo contributivo ai fini del raggiungimento della pensione finale di questi lavoratori i contributi volontari, figurativi maturati al di fuori del rapporto di lavoro dipendente del settore privato, e di riscatto non correlato ad attività lavorativa. Grazie ad un Ddl presentato dal Comitato ristretto si attende la possibilità di estensione dell’uscita prima a 64 anni anche alle quindicenni nate entro il 1952.

Metodo per uscire prima per dipendenti pubblici

Qualche giorno fa, una circolare dell'Istituto di Previdenza, come riportano le ultime notizie, avrebbe stabilito che i dipendenti pubblici che abbiano iniziato a lavorare a gennaio 1996, con periodi contributivi precedenti derivanti da lavoro dipendente o autonomo nel settore privato, possono maturare la pensione con sistema contributivo se hanno raggiunto dopo il primo gennaio 2012 i requisiti di pensionamento oggi richiesti, a patto che abbia raggiunto:

  1. 66 anni e 7 mesi quest’anno e 20 anni di contributi con l'importo della pensione superiore a 1,5 volte l'assegno sociale;
  2. 63 anni e 7 mesi di età dal 2017 e 20 anni di contributi con l'importo della pensione superiore ad 2,8 volte l'assegno sociale;
  3. 70 anni di età e 7 mesi dal 2017 e almeno 5 anni di contribuzione effettiva;
  4. 41 anni di contributi per le pensione anticipata.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il