Legge 104/92 permessi, agevolazioni, pensioni anticipate 2017 per familiari. Regole ufficiali, requisiti

Sono tante le agevolazioni previste dalla legge 104/92 ma si devono presentare tante domande quanti sono i figli disabili gravi.

Legge 104/92 permessi, agevolazioni, pen

Legge 104/92: le regole sui permessi



Per aver diritto ai permessi sulla base della legge 104/92 e successive integrazioni, ovvero quella che disciplina il riconoscimento dell'handicap o della disabilità, occorre la domanda per via telematica alla sede Inps, accompagnata dal certificato rilasciato dalla competente commissione Asl con cui viene riconosciuto lo stato di gravità relativo all'handicap proprio o del familiare che si assiste. Le norme non si limitano a fissare le agevolazioni, ma puntano all'integrazione della persona ovvero a facilitare la partecipazione alla vita collettiva.

Legge 104/92: le regole sui permessi

La decorrenza dei permessi sulla base della legge 104/92 può avvenire dal giorno successivo alla presentazione della domanda. Il termine di scadenza dipende da quanto indicato nel verbale di riconoscimento. Se è indicato non è soggetto a rivedibilità, i permessi non hanno scadenza. Al contrario, se è indicata la data di revisione occorre fare riferimento a questo giorno. Per poter fruire dei permessi occorre dare comunicazione alla propria azienda presentando richiesta scritta indicando la modalità di fruizione dei permessi insieme alla documentazione presentata all'Inps. I lavoratori affetti da un handicap in situazione di gravità hanno diritto a specifici permessi. Più precisamente possono godere di due ore al giorno o di tre giorni al mese 3, utilizzabili a giornate intere oppure frazionabili in ore, non cumulabili in più mesi anche se non utilizzati.

Permessi per assistere figli e familiari con handicap

Tra i diritti fissati dalla legge 104/92 e validi per il 2017 c'è quello per il lavoratore di usufruire di permessi se assiste un figlio, minore o maggiorenne, o il coniuge o altri familiari con un handicap in situazione di gravità, purché non si tratti di disabili ricoverati a tempo pieno. I permessi sono retribuiti e sono coperti da contribuzione pensionistica figurativa utile per la pensioni anticipata 2017. Possono essere collegati a ferie, altri permessi o aspettative. Le norme prevedono permessi diveri in base all'età del figlio assistito:

  1. per i figli fino a 3 anni di età, il genitore ha diritto al prolungamento del congedo parentale con una indennità pari al 30% della retribuzione oppure 3 giorni di permesso al mese frazionabili anche ad ore con un minimo di 30 minuti e multipli di 15 minuti oppure 2 ore di permesso giornaliere retribuite;
  2. per i figli oltre 3 anni e fino a 12 anni di età, il genitore ha diritto a prolungamento del congedo parentale11 con una indennità pari al 30% della retribuzione oppure 3 giorni di permesso al mese frazionabili anche a ore con un minimo di 30 minuti e multipli di 15 minuti;
  3. per i figli oltre 12 anni e fino a 18 anni di età, il genitore ha diritto a 3 giorni di permesso al mese frazionabili anche ad ore con un minimo di 30 minuti e multipli di 15 minuti.

Si devono presentare tante domande quanti sono i figli disabili gravi. Questo perché se nella famiglia ci sono più disabili gravi con più di tre anni d'età, il genitore lavoratore che dà assistenza può cumulare tanti permessi quanti sono i figli disabili, sempre nel limite massimo di tre giorni per soggetto.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il