Postepay: carte postepay differenti. I pro e contro. Cosa cambia, condizioni e funzioni

Ecco come orientarsi e i costi di gestione delle tante carte Postepay pensate per gli utenti italiani, oltre ai nuovi servizi Postepay Sound e PostepayCrowd.

Postepay: carte postepay differenti. I p

Tante carte Postapay nel 2017



AGGIORNAMENTO: Tra le diverse tipologie di Postepay che sono nate nel corso degli anni segnaliamo Postepay Twin che permette di usare due carte per inviare e ricevere denaro in tutto il mondo. Postepay Corporate è invece utile per l'azienda per controllare le spese aziendali. Postepay Impresa, invece è ideale per fare acquisti in Italia, all'estero e sul web.

È vero, la carta Postepay è tra le più diffuse in Italia per via dei costi ridotti e per l'ampia flessibilità di utilizzo. In realtà esistono tante e differenti Postepay e probabilmente quella classica non è sempre la più adatta. Ci sono naturalmente alcune costanti dalle quali non si scappa. Qualunque sia la scelta, le carte ricaricabili permettono di fare acquisti online e nei negozi fisici sulla base del circuito di appartenenza, prelevare denaro in Italia e all'estero, tenere sotto controllo i movimenti via web e possono essere con o senza Iban. Viene data la possibilità di chiedere il rinnovo fino a 18 mesi dopo la scadenza.

Postepay: funzioni, condizioni, pro e contro delle differenti carte

La possibilità di scelta di carte Postepay si arricchisce anno dopo anno. Provando a passare in rassegna le caratteristiche principali, la Postepay Standard consente di effettuare acquisti in Italia, all'estero e sui siti Internet convenzionati Visa, oltre a permettere di prelevare contante presso gli sportelli ATM Postamat e bancari ed è privo di costi di gestione. Per la sua attivazione è sufficiente una spesa iniziale di 5 euro. Poi c'è Postepay Evolution che, essendo dotata di Iban, consente di farsi accreditare lo stipendio direttamente sulla carta così come di inviare bonifici, domiciliare le utenze e pagare bollettini. Il costo del canone annuo è di 10 euro.

Sono sempre utilizzabili in Italia e all'estero anche Postepay NewGift e MyPostepay, entrambe con circuito Mastercard e di conseguenza possono avere un campo di utilizzo e di accettazione maggiore o comunque diversificato. Postepay Twin permette di usare due carte (da qui la denominazione Twin) per inviare e ricevere denaro in tutto il mondo. Postepay Corporate è invece utile per l'azienda per controllare le spese aziendali. Infine, ecco Postepay Impresa, per fare acquisti in Italia, all'estero e sul web; Postepay Virtual, ricaricabile sia dall'azienda sia dal titolare; IoStudio Postepay con cui attestare il proprio status di studente in Italia e all'estero.

In sintesi, le carte Postepay attivabili sono

  1. Postepay Standard: 5 euro per il rilascio
  2. Postepay Evolution con canone annuo di 10 euro
  3. Postepay NewGift: 7 euro per il rilascio
  4. MyPostepay: 10 euro per il rilascio
  5. Postepay Twin: 8 euro per il rilascio
  6. Postepay Corporate: 2,5 euro per il rilascio a carico dell'azienda
  7. Postepay Impresa: 5 euro per il rilascio a carico dell'azienda
  8. Postepay Virtual: 5 euro per il rilascio a carico dell'azienda
  9. IoStudio Postepay

E poi Postepay Sound e PostepayCrowd

A chiudere il cerchio delle novità e delle carte Postepay 2017 ci sono Postepay Sound e PostepayCrowd. La prima delle due è un servizio pensato per la musica ovvero una corsia preferenziale per accedere ad alcune agevolazioni, come l'acquisto di biglietti per i concerti. PostepayCrowd è invece il servizio che supporta il crowdfunding. Tra l'altro, tra i progetti inseriti nella sezione PostepayCrowd che raggiungeranno il budget attraverso la campagna di crowdfunding, saranno selezionati i migliori 10 da presentare in occasione del PostepayCrowd Academy.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il