BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie quota 100, mini pensioni, quota 41 scelta più rilevante delle stesse elezioni in arrivo

La decisione più importante delle elezioni attesa a giorni: ultime notizie su prospettive e conseguenze per novità per le pensioni


pensioni ultime notizie prossime elezioni

pensioni novità decisione importante prima elezioni



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 11:12): L'Italia risponderà alla Comunità e renderà pubblica la lettera. Prima ancora della chiamata alla urne, è proprio questo l'appuntamento da seguire suggerito dalle ultime e ultimissime notizie. Stanno arrivando rassicurazioni sulla non disponibilità ad attuare una manovra depressiva che potrebbe avere effetti negativi anche per le prospettive delle novità per le pensioni.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:01): Ancora una volta l'Italia si trova strettamente legata alle regole comunitarie, rispetto alle quali la scelta prevalente dovrebbe essere quella di un parziale accoglimento. Resta ora da capire come queste ultime e ultimissime notizie si tradurranno in fatti concreti, tenendo sempre presente come le novità per le pensioni continuino a essere uno dei capitoli più sensibili.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:05):  Tutti o quasi appaiono concentrati sulle elezioni, ma sia a livello teorico che pratico, la decisione che vi potrebbe essere di rifiutare le richieste comunitarie potrebbe portare a molte conseguenze anche sulle novità per le pensioni, andando ben oltre alle elezioni, anzi rendendole, nel peggiore dei casi nelle ultime notizie e ultimissime, quasi inutili per decisioni economiche almeno nel medio-termine.

L’ombra del commissariamento sul nostro Paese potrebbe essere una decisione ben più importante delle prossime elezioni in arrivo: le ultime notizie, infatti, prospettano la possibilità di una procedura di controllo che potrebbe essere applicata al nostro Paese con il rischio di bloccare tutta la politica economica, già in una situazione abbastanza difficile. E in questo contesto, non bisogna dimenticare che ci sarebbero in ballo 19,5 miliardi di clausole di salvaguardia lasciate in eredità al prossimo esecutivo.

Il rischio di commissariamento sull’Italia

Il prossimo primo febbraio l’Italia si prepara a dare una riposta alla Comunità alla richiesta di una manovra correttiva da 3,4 miliardi di euro e se dovesse decidere di aprire una nuova procedura di infrazione nei confronti del nostro Paese, non si prospetterebbe certamente una situazione positiva per noi: se, infatti, la speranza è quella di avere ulteriore budget da poter investire per la definizione di importanti provvedimenti utili per rilanciare la crescita economica e l’intenzione è quella di procedere con interventi, come le novità per le pensioni, una procedura di controllo sul nostro Paese bloccherebbe tutto e, anzi, contribuirebbe solo ad irrigidire le condizioni di attuazione dei provvedimenti che si vorrebbero, con un impatto fortemente negativo sulle novità per le pensioni, perchè porterebbe un ulteriore irrigidimento previdenziale e novità per le pensioni peggiorative, che andrebbero ad aggiungersi alle ultime novità per le pensioni di mini pensione e quota 41 inserite nel nuovo testo unico che già non rappresentano vere e proprie novità per le pensioni positive per tutti ma piuttosto misure indennitarie.

Il commissariamento dell’Italia porterebbe, infatti, alla fine dell’operazione di Qe sostenuta dal presidente della Bce per sostenere l’economia e la sua potenziale ripresa, comprese le novità per le pensioni più importanti delle attuali mini pensione e quota 41 inserite nel nuovo testo unico. Si tratterebbe di novità per le pensioni utili anche ai fini di un rilancio economico generale, considerando che permetterebbero di attivare il turn over lavorativo tra lavoratori più anziani e i più giovani oggi fuori dal mercato occupazionale. E si tratterebbe di

  1. novità per le pensioni di quota 100;
  2. novità per le pensioni di quota 41 per tutti indipendentemente dall’età anagrafica e senza penalità;
  3. assegno universale per tutti coloro perdono il lavoro in tarda età e sono ancora lontani dalla pensione.

Provvedimento dalla Comunità e prospettive delle elezioni

Il provvedimento atteso dalla Comunità è molto importante per il nostro Paese che si avvia anche alle prossime elezioni soprattutto all’indomani della sentenza dell’Alta Corte. Stando alle ultime notizie, la partita elettorale si giocherà sul campo delle novità per le pensioni, tra chi rilancerà sulla novità per le pensioni di quota 100 e novità per le pensioni di quota 41 per tutti senza penalità, e chi punterà sull’assegno universale per tutti e sul taglio, o la totale cancellazione, delle pensioni più ricche degli alti esponenti istituzionali. Molto, però, dipenderà anche da eventuali alleanze e grandi coalizioni che si decideranno in vista del voto e che potrebbero favorire l’introduzione di novità per le pensioni, cosa che, per esempio, non sarebbe certa con una grande coalizione di centro sinistra e centro destra, che in teoria, come accade negli altri Paesi, potrebbe essere importante per le novità per le pensioni, ma in pratica le grandi coalizioni in Italia non hanno fatto mai nulla di positivo per le novità per le pensioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il