BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Ape Social, Quota 41, Ape Volontaria: invalidi, disabili, requisiti, calcolo, regole ufficiali in tre atti delineate

I tre atti attesi per la definizione delle novità per le pensioni attuali e ulteriori e ultime notizie su prossimi passaggi


Pensioni ultime notizie tre atti

pensioni novità ape tre atti alternativi 2017



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:42): Le prossime tappe sono delineate: prima la definizione dei decreti della presidenza del Consiglio dei ministri a completamento delle novità per le pensioni. Quindi il decreto omnibus con possibili ritocchi su Ape Social, Quota 41, Ape Volontaria. E infine, come ricordato dalle le ultime e ultimissime notizie, la ripresa del confronto sul decreto Sviluppo, da troppo tempo congelato e messo da parte.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:45): Forse per la fretta di agire o anche per gli spazi economici ridotti in cui la maggioranza si è trovata ad agire, ma ecco chele correzioni e gli aggiustamenti alle novità per le pensioni sono all'ordine del giorno. Questa volta, come rilevato dalle da ultime e ultimissime notizie, le attenzioni sono puntate una dopo l'altra su Ape Social, Quota 41 e Ape Volontaria.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:45): Vi potrebbero essere tre atti differenti nelle ultime notizie e ultimissime per le pensioni che riguarderebbe le novità per le pensioni dell'Ape Social, Quota 41 e Ape Volontaria. Alcuni si potrebbero anche intrecciare per prendere decisioni diverse su queste novità per le pensioni stesse ma di carattere differente

Nell’attesa che finalmente si arrivi alla definizione di novità per le pensioni universali per tutti, si continua a discutere delle regole ufficiali che ancora si attendono per l’entrata in vigore definitiva delle recenti novità per le pensioni di ape, volontaria, social e quota 41, ed eventuali cambiamenti e miglioramenti che potrebbero arrivare con i prossimi passaggi in programma. Tre, in particolare, gli atti attesi:

  1. attuazione dei Dpcm, le cui trattative, secondo le ultime notizie, sembrano stiano andando per il meglio e che dovrebbero arrivare tra la metà di febbraio, secondo le ultime notizie, e il primo marzo;
  2. discussioni del decreto omnibus, che dovrebbe prevedere eventuali miglioramenti proprio per le novità per le pensioni di min i pensione e quota 41;
  3. ripresa delle discussioni del Dl Sviluppo.

Le attese di novità per le pensioni ufficiali con i Dpcm

L’attesa più importante per eventuali novità per le pensioni 2017 riguarda l’attuazione dei Dpcm, i decreti che dovranno arrivare entro metà febbraio, stando alle ultime notizie, ma in realtà programmati per il primo marzo del 2017 e che dovrebbero essere tre in particolare:

  1. uno relativo agli accordi con l’associazione degli istituti di credito che dovranno contenere le entità dei tassi di interesse sulla mini pensione volontaria;
  2. uno relativo alle eventuali condizioni per le polizze assicurative;  
  3. uno relativo ai possibili criteri che potrebbero definire eventuali priorità per l’accesso all’ape, ape social senza oneri e quota 41, visto che non trattandosi di vere e proprie novità per le pensioni ma piuttosto di indennità non è obbligatorio che la domanda venga accolta.

Le novità per le pensioni attese con il decreto omnibus

Ulteriori novità per le pensioni potrebbero arrivare con il decreto omnibus specificatamente per le pensioni che potrebbe racchiudere, stando alle ultime notizie, una nuova occasione di rilancio di ulteriori miglioramenti e novità per le pensioni. Potrebbero, infatti, rientrarvi i miglioramenti delle ultime novità per le pensioni di mini pensione e quota 41 presentate qualche mese fa dal Comitato ristretto per le pensioni. Le richieste riguardano:

  1. le richieste di ampliamento della lista delle attività da considerare faticose i cui lavoratori potranno beneficare dell’ape social senza costi;
  2. la richiesta di riduzione da 36 a 35 anni degli anni contributivi necessari per la mini pensione senza oneri di chi svolge occupazioni faticose e della cancellazione del requisito dei sei anni consecutivi di svolgimento di tale occupazione per gli impiegati del settore delle costruzioni;
  3. una richiesta di aumento dei tempi di malattia e non occupazione, con la richiesta di riduzione della percentuale di invalidità dal 75% al 60% per la mini pensione senza oneri e la quota 41 e di estensione del criterio di invalidità anche sul lavoro.

Le novità per le pensioni eventualmente attese con il Milleproroghe

Il decreto omnibus per le pensioni potrebbe essere messo a punto solo in caso di ritadi o problemi nella ripresa delle discussioni del Milleproroghe, anche se stando alle ultime notizie, ad oggi sembra che problemi non dovrebberoi essercene. E in tal caso, sarebbe il Milleproroghe a comprendere quei miglioramenti correttivi delle novità per le pensioni di ape social e quota 41 inserite nel testo unico.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il