Pensioni ultime notizie senza prospettive pensioni con commissariamento Ue mini pensioni, quota 41, quota 100

Sempre più evidenti ora i fallimenti dei 1000 giorni del precedente esecutivo: ultime notizie su situazioni attuali e importanza novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie senza prospettiv

pensioni novità risultati fallimento mille giorni



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 15:30): Da un certo punto di vista e non è facile nè dirlo nè scriverlo sarebbe meglio sospendere le mini pensioni con oneri e senza oneri e quota 41 così come senza dubbio la crescita delle pensioni inferiori per recuperare circa 2 miliardi se PARADOSSALMENTE non si dovessero trovare altre fondi. In questo modo, comunque, si bloccherebbero le novità per le pensioni attuali che interessano soprattutto le prime al massimo, per il poco budget, 70mila persone per riprogettare tutte le novità per le pensioni stesse con sistemi e metodi molto più efficaci come quello delle aspettative di vita evitando un blocco totale derivati dalla minaccie di commissariamento nelle ultime notizie e ultimissime sempre più conrete proprio per queste novità sulle pensioni molto più interessanti e giuste rispetto a quelle finora portate avanti e che in molti già considerano un flop.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 9:15): E oltre agli errori una ulteriore mazzata può arrivare dalla procedura di infrazione dell'Ue non tanto e non solo per i problemi riguardanti le mini pensioni con oneri e senza oneri o quota 41 che potrebbero essere ancora bloccate per far cassa e congelate, nonostante nella lettera alla Comunità di ieri non se ne faccia cenno, come si temeva. Ma gli ulteriori gravi problemi arrivano per il futuro con il congelamento potenziale causata dalla procedura di infrazione Ue su tutte le scelte economiche, novità per le pensioni comprese, che l'Italia vorrebbe o potrebbe fare. E questo perchè sempre dale ultime notizie e ultimissime l'Ue sarebbe decisa a prendere questa decisione proprio per le mancate risposte reali e concrete, ma troppo vaghe date iei dall'esecutivo italiano

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 8:10): Ma non c'è solo il problema del fallimento e,dunque, in pratica di quasi tre anni persi, ma che questo nulla di fatto su tutti o quasi gli argomenti e nodi principali ha portato a non avere più budget per fare altro cambiando strategia più che per sistemare gli errori che sarebbe, comunque, più inutile che altro. Si sono sperperati anche del denaro che non si aveva di fatto e questo ha provocato, ad esempio, i 19 miliardi che dovremo coprire nella prossima manovra che rappresentano in pratica una manovra intera o se fosse davvero amplia metà della manovra stessa (ma sarà difficile) riverberandosi sulle novità per le pensioni potenziali ma anche su tutto il resto che si dice che si vorrebbe fare nelle ultime notizie e ultimissime.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:01): E c'è da dire che, purtroppo, il fallimento per le novità per le pensioni, ma che, poi, abbiamo visto si riverbera su tutto il resto dall'occupazione alla produttività sta continuando e le srategie attuali nelle ultime notizie e ultimissime non sembano promettere nulla di buono anche in prospettiva con questo escutivo

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 10:44): Qualunque sia la data del voto, in primavera o il prossimo anno, è già possibile stilare un primo bilancio dei mille giorni di attività della maggioranza e, soprattutto sotto il profilo delle novità per le pensioni, non è positivo. La svolta non c'è stata e le ultime e ultimissime notizie raccontano dell'indispensabilità di completare alcuni provvedimenti se non di correggerli.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:30): Probabilmente non ha più senso impostare la propria azione su provvedimenti lampo. Che siano cento o mille i giorni, in realtà sembra più logico valutare l'efficacia e l'azione di una maggioranza, anche e soprattutto in relazione alle novità per le pensioni nell'arco di un legislatura. Il rischio, come da ultime e ultimissime notizie, che la fretta sia cattiva consigliera e conduca a errori da correggere.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:45): Alcuni esponenti della maggioranza non hanno usato mezzi termini nel dire di un totale fallimento dei mille giorni del precedente esecutivo nelle ultime notizie e ultimissime. E noi stessi abbiamo voluto cercare di fare una analisi quanto più oggettiva partendo dalle novità per le pensioni ma proseguendo anche se altri argomenti correlati come occupazione e indigenza per capire, con anche i dati oggettivi delle statistiche delle ultime notizie e ultimissime, quanto ci sia di vero.

Ovunque si guardi oggi nel nostro Paese, impossibile non rendersi conto dei clamorosi errori commessi dal precedente esecutivo, in 1000 giorni, e che stanno portando risultati decisamente negativi. Si tratta di dati già noti che, però, con il passare del tempo tendono a peggiorare e le ultime notizie sulla condizione di vita della maggior parte degli italiani ne sono una conferma.

I fallimenti in merito alle novità per le pensioni

Partendo dalla questione pensioni, fino all'anno scorso non si è fatto niente, arrivando poi, con lo scorso iter economico, ad approvare una staffetta che non ha portato a nulla: come era stato ipotizzato e preannunciato, non si sono avuti i risultati sperati né tanto meno questo meccanismo ha contribuito a rilanciare l’occupazione giovanile. E si tratta di un errore che potrebbe ripetersi con le ultime novità per le pensioni inserite nel nuovo testo unico di mini pensione e quota 41, che rischiano di rivelarsi inutili, inefficaci e un ennesimo spreco di denaro. Si tratta, infatti, di misure che:

  1. non vengono considerate vere e proprie novità per le pensioni, ma misure indennitarie, visto che non sono per tutti;
  2. possono essere richieste, stando alle ultime notizie, solo da rica 70mila persone , tra l’altro in costante diminuzione considerando i tanti paletti posti;
  3. che favoriscono unicamente gli istituti di credito.

Come già spiegato, queste novità di mini pensione e quota 41 potrebbero portare ad un aumento delle diseguaglianze sociali già esistenti, visto che si rivolgono solo a pochi e che, per quanto riguarda la mini pensione volontaria, prevedono penalità che non tutti accetterebbero. Si tratta, però, delle uniche novità per le pensioni possibili considerando il budget ristretto a disposizione, e anche questa decisione dipende da scelte sbagliare del precedente esecutivo.

Investimenti in misure occupazionali piuttosto che in novità per le pensioni

La nuova norma per l’occupazione introdotta dal precedente esecutivo aveva l’obiettivo di rilanciare l’occupazione, soprattutto giovanile, ma dopo i primi mesi di boom e assunzioni stabili, è stato tutto discendente. Con il passare del tempo, infatti, sono tornate a calare le assunzioni a tempo indeterminato e, anzi, è aumentato l’uso dei voucher per il pagamento di prestazioni di lavoro occasionali, contribuendo ad accrescere la precarietà giovanile e gli ultimi numeri lo dimostrano:

  1. sono sempre più i ragazzi che tornano a casa dai genitori perché non riescono a sostenere le spese di mantenimento di una casa con il loro solo stipendio, o che comunque chiedono aiuti economici ai genitori;
  2. la metà delle famiglie italiane (il 43,8%) non riesce ad arrivare a fine mese con il solo stipendio e spesso per farlo sono costrette ad attingere ai propri risparmi;
  3. sono sempre meno le persone che riescono ancora a mettere da parte risparmi;
  4. contrariamente a ciò che ci si aspettava cala l’occupazione giovanile e aumenta quella tra gli over 50.

E’ chiaro, dunque, come la strategia politica di investire miliardi di euro (sono stati ben 24 per la norma per l’occupazione) non sia stata la migliore, con gli stessi soldi si sarebbero potute introdurre novità per le pensioni importanti per tutti come quota 100 (che richiede circa 7 miliardi di euro) o quota 41 per tutti (che richiede circa 5 miliardi di euro), sempre rimandate perché troppo costose, insieme anche all’assegno universale (che richiederebbe secondo le stime 10 miliardi di euro). Con queste misure si sarebbero potute soddisfare le richieste di tutti, assicurando a tutti una possibilità di prepensionamento e un sostegno sociale. Ma nulla è stato fatto in tal senso in ben 100 giorni. E ad oggi mancano sia novità per le pensioni importanti sia l’assegno universale.

Ulteriori fallimenti dei 1000 giorni del precedente esecutivo

Le mancate novità per le pensioni e misure sociali al posto di norme occupazionali insoddisfacenti e che hanno solo comportato un grosso spreco di soldi sono solo i fallimenti più eclatanti del precedente esecutivo che abbiamo riportato, perché volendo allargare lo sguardo potremmo far riferimento anche a tantissimi altri obiettivi non centrati come:

  1. la riduzione del debito pubblico;
  2. i 19,5 miliardi di euro di clausole di salvaguardia che l’ex esecutivo ha lasciato in eredità al nuovo, o al prossimo che verrà dopo le elezioni;
  3. errori nella gestione della crisi bancaria del nostro Paese;
  4. errori nella riforma della P.A., bocciata in parte dall’Alta Corte.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il