BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Partita Iva 2017: le novità già in vigore attuali e in arrivo su malattie, disoccupazione, congedo

Ecco le novità effettive e quelle che arriveranno per le partite Iva 2017, sia in regime forfettario e sia ordinario.


Partita Iva 2017: le novità introdotte

Le novità attese per le partite Iva 2017



AGGIORNAMENTO: Le nuove Partite Iva, quelle che apriranno nel 2017, potranno dedurre integralmente i costi sostenuti per partecipare a master, corsi di formazione, o di aggiornamento professionale, nonché le quote di iscrizione a convegni e congressi entro un limite annuo di diecimila euro. 

AGGIORNAMENTO: I costi sostenuti per partecipare a master, corsi di formazione, o di aggiornamento professionale, nonché le quote di iscrizione a convegni e congressi saranno totalmente deducibili entro il limite annuo dei diecimila euro. Come totalmente detraibili saranno anche gli importi pagati per i servizi personalizzati di certificazione delle competenze, orientamento, ricerca e sostegno all'autoimprenditorialità questa volta entro il limite di cinquemila euro in un anno.

Quando si parla di partite Iva 2017 occorre procedere su due binari paralleli. Da una aprte ci sono le novità già introdotte e dall'altra quelle promesse, soprattutto sui versanti disoccupazione, malattie e congedo, rispetto a cui si attende il via libera al cosiddetto Statuto dei lavoratori autonomi. Il tutto mentre è stata confermata la sola partita Iva a regime forfettario tra quelle agevolate con limiti attivabili nel 2017

Partita Iva 2017: le novità introdotte

Per le partita Iva senza cassa che versano i contributi alla gestione separata Inps, dal quest'anno l'aliquota previdenziale scende dal 27,72% al 25,72%. Il regime fiscale di favore per i lavoratori dipendenti altamente qualificati o specializzati che trasferiscono la propria residenza in Italia viene esteso ai lavoratori autonomi con partita Iva. La quota di reddito imponibile scende dal 70% al 50%. Agevolazione aperta anche a lavoratori di stati extra Unione europea, purché non black list. Per le società di persone in contabilità ordinaria e le imprese individuali viene introdotta la nuova imposta sul reddito con aliquota al 24%, pari all'aliquota Ires. Per i soggetti in contabilità semplificata viene data la possibilità di adottare il regime di cassa. Occorre infine ricordare la marcia indietro sulle note di variazione Iva in caso di procedure concorsuali del debitore: il cedente o prestatore può emettere la note di credito nei confronti del cessionario o committente solo alla fine della procedura e non all'apertura.

E le novità per le partite Iva 2017 che verranno

Per quanto riguarda disoccupazione, malattie e congedo per le partite Iva 2017, lo Statuto dei lavoratori autonomi prevede il via libera a un trattamento economico per i congedi parentali per gli iscritti alla gestione separata dell'Inps. Lavoratrici e lavoratori potranno usufruirne per un periodo massimo pari a 6 mesi, entro i primi tre anni di vita del bambino. Le indennità sono erogate anche nei casi di adozione, o affidamento preadottivo. Problemi di salute e futura maternità, qualora si operi in via continuativa per un committente, non comportano l'estinzione del rapporto di lavoro, la cui esecuzione, su richiesta del lavoratore, rimane sospesa, senza diritto al corrispettivo, per un periodo non superiore a massimo di 150 giorni per anno solare, qualora non venga meno l'interesse del committente.

Integralmente deducibili entro il limite annuo di 10.000 euro, i costi sostenuti per partecipare a master, corsi di formazione, o di aggiornamento professionale, nonché le quote di iscrizione a convegni e congressi. Del tutto detraibili, entro il limite annuo di 5.000 euro, gli importi pagati per i servizi personalizzati di certificazione delle competenze, orientamento, ricerca e sostegno all'autoimprenditorialità, mirate a sbocchi occupazionali effettivamente esistenti. Servizi di orientamento, riqualificazione e ricollocazione dovranno essere offerti ai lavoratori autonomi, poiché i Centri per l'impiego dovranno dotarsi di uno sportello dedicati per assisterli.

Disoccupati 2017: assegno, indennità, agevolazioni. Debutta il nuovo assegno di disoccupazione nel 2017, vediamo quali sono le caratteristiche, a chi è rivolto e come funziona

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il