Bonus Mamma Domani 2017, maternità e donne incinta a chi spetta, come funziona, requisiti, quando e come si può fare domanda INPS

Arriva il Bonus Mamma 2017, assegno da 800 euro versato in un'unica soluzione al settimo mese di gravidanza.

Bonus Mamma Domani 2017, maternità

Fare domanda per Bonus Mamma Domani 2017



AGGIORNAMENTO: Il Bonus Mamma Domani 2017 non va confuso con il bonus bebè per ogni figlio nato o adottato tra il primo gennaio 2015 ed il 31 dicembre 2017. In questo caso, i requisiti richiesti sono la cittadinanza italiana o di uno Stato dell'Unione Europea, la residenza in Italia, la convivenza con il figlio, Isee del nucleo familiare di appartenenza del richiedente non superiore a venticinquemila euro annui.

Si chiama Premio alla nascita, ma è più noto con il nome di Bonus Mamma domani 2017. È contenuto nella legge di Bilancio del governo Gentiloni e prevede l'erogazione una tantum, a partire dal primo gennaio, di un assegno da 800 euro versato in un'unica soluzione al settimo mese di gravidanza. Il beneficio viene riconosciuto indipendentemente dal reddito familiare, quindi senza la necessità di verificare l'indicatore Isee. Sulle modalità di richiesta del nuovo beneficio ci sono ancora delle incertezze.

Bonus Mamma Domani 2017: a chi spetta e rapporto con l'Isee

Il Bonus Mamma Domani 2017 è dunque svincolato dal calcolo dell'Isee. Non va confuso con l'assegno di materntià, riconosciuto sulla base della condizione lavorativa della madre. Quest'ultima deve avere accantonato almeno 3 mesi di contribuzione Inps nel periodo compreso tra i 18 e i 9 mesi antecedenti al parto o all'adozione, mentre quello riconosciuto dai Comuni è riconosciuto in base all'Isee anche alle madri casalinghe o disoccupate che non beneficino già di prestazioni pari al valore dell'assegno.

Come fare domanda INPS per Bonus Mamma Domani 2017

Dopo l'approvazione definitiva della legge di Bilancio, serve un provvedimento attuativo che impartisca le istruzioni operative per sbloccare la prestazione. In ogni caso, le modalità di invio della domanda saranno analoghe a quelle già previste per il Bonus Bebè, quindi

  1. l'invio telematico tramite il pin, dispositivo dell'Inps
  2. tramite Centri di assistenza fiscali e Patronati.

Assegno di maternità: calcolo e caratteristiche

L'importo dell'assegno di maternità è rivalutato ogni anno sulla base della variazione dell'indice dei prezzi al consumo calcolato dall'Istat. La domanda deve essere presentata alla sede Inps di competenza entro sei mesi dopo la nascita del bambino o dall'effettivo ingresso del minore in famiglia nel caso di adozione o affidamento. L'assegno spetta per ogni figlio nato o adottato alle donne che non beneficiano di alcun trattamento economico per la maternità - indennità o altri trattamenti economici a carico dei datori di lavoro privati o pubblici -, o che beneficiano di un trattamento economico di importo inferiore rispetto all'importo dell'assegno. In questo caso l'assegno spetta per la quota differenziale.

La domanda va presentata al Comune di residenza della madre entro sei mesi dalla nascita del figlio. In caso di adozione o affidamento preadottivo il termine di sei mesi decorre dalla data di ingresso del minore nella famiglia anagrafica della donna che lo riceve in adozione o in affidamento. L'assegno viene poi concesso con un provvedimento dello stesso Comune ed è pagato dall'Inps, in un'unica soluzione, entro 45 giorni dalla data di ricevimento dei dati trasmessi.

Allo stesso tempo, il Bonus Mamma Domani 2017 non va confuso con il bonus bebè per ogni figlio nato o adottato tra il primo gennaio 2015 ed il 31 dicembre 2017. In questo caso, i requisiti richiesti sono la cittadinanza italiana oppure di uno Stato dell'Unione Europea, la residenza in Italia, la convivenza con il figlio, Isee del nucleo familiare di appartenenza del richiedente non superiore a 25.000 euro annui. L'Isee di riferimento è quello minorenni del bambino per il quale si richiede l'assegno.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il