BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Assegni familiari, Bonus Isee, Assegni sociali 2017: a chi spettano, differenze requisiti, importo, durata, come fare domanda INPS

Requisiti e modalità di richiesta di assegni familiari e sociali 2017 e tutti i bonus e le agevolazioni legate all’Isee: regole da conoscere


Assegni famigliari bnus Isee 2017 novità

Regole domande assegni familiari sociali Bonus Isee



AGGIORNAMENTO: Per l'assegno sociale limite reddito è pari a 5.824 euro l'anno, cioè 11.649,82 se coniugato, e domanda per averlo deve essere inviata in via telematica all'Inps o tramite caf, patronati e intermediari dell’Istituto. Una volta inviata la domanda e verificati i requisiti dall’Inps, l’assegno sociale sarà erogato dallo stesso Istituto di Previdenza a partire dal primo giorno del mese successivo a quello in cui viene presentata la domanda.

Tra assegni familiari 2017, assegno sociale in sostituzione della pensione sociale e tutti i bonus legati al valore Isee, il 2017 sembra prospettarsi un anno ricco di grandi possibilità di sconti fiscali per alcune categorie di persone. Si tratta, infatti, di prestazioni assistenziali e sociali che non varranno per tutti ma esclusivamente per coloro che sono costretti a vivere in condizioni di indigenza.

Assegni familiari 2017: chi può richiederli e come fare domanda

Chi vive in condizioni economiche di grande difficoltà può richiedere l’assegno familiare, sostegno al reddito che può essere richiesto da particolari categorie di persone e che spetta per ogni familiare vivente a carico. Possono, in particolare, richiedere l’assegno familiare:

  1. coloni;
  2. coltivatori diretti;
  3. mezzadri;
  4. titolari di pensioni a carico delle gestioni speciali dei lavoratori autonomi, come artigiani, o commercianti.

Per ottenere l’assegno familiare, il nucleo del richiedente deve essere composto da:

  1. richiedente, lavoratore dipendente o titolare di prestazioni previdenziali;
  2. coniuge, non separato;
  3. figli o equiparati, come figli adottivi, affiliati, naturali legalmente riconosciuti o giudizialmente dichiarati, figli nati da precedente matrimonio, nipoti minorenni a carico del nonno o bisnonno conviventi o non conviventi;
  4. figli legittimi o legittimati con meno di 18 anni;
  5. figli maggiorenni inabili senza limiti di età non coniugati;
  6. figli studenti o apprendisti dai 18 ai 21 anni compiuti,  appartenenti a famiglie numerose con almeno 4 figli di età inferiore ai 26 anni;
  7. fratelli e sorelle;
  8. nipoti del richiedente, minori o maggiorenni inabili, orfani di entrambi i genitori che non abbiano il diritto alla pensione per i superstiti e non siano coniugati.

Domanda per avere l’assegno familiare: come fare e importi previsti

La domanda per la richiesta dell’assegno familiare 2017 deve essere presentata all’Inps o direttamente accedendo al sito Inps, inserendo il proprio Pin ed entrando nel servizio di ‘Invio OnLine di Domande di prestazioni a Sostegno del reddito’; o rivolgendosi ad un caf o ad un patronato e presentando domanda online attraverso il servizio da essi offerti. Per quanto riguarda i limiti di reddito mensili da considerare per il 2017 sono di 706,82 euro per il coniuge, per un genitore, per ciascun figlio o alto familiare; e di 1236,94  per due genitori ed equiparati, e altri familiari. Gli importi aggiornati previsti dagli assegni familiari 2017 sono:

  1. 1,21 euro mensili per i piccoli coltivatori diretti per genitori ed equiparati;
  2. 8,18 euro mensili per coltivatori diretti, coloni, mezzadri per figli ed equiparati;
  3. 10,21 euro mensili per pensionati iscritti alle gestioni speciali per i lavoratori autonomi

Assegni sociali 2017: chi può richiederli e come fare domanda

L'assegno sociale 2017, che sostituisce la pensione sociale, è una prestazione erogata dall’Inps a tutti coloro che maturati i requisiti pensionistici non hanno versato i contributi previdenziali o lo hanno fatto in maniera insufficiente. L’assegno sociale viene erogato se:

  1. il richiedente ha un determinato reddito che varia a seconda che sia sposato o meno e che, ogni anno a gennaio, l'Inps provvede a comunicare pubblicamente, e in base ai requisiti anagrafici;
  2. non prevede trattenute Irpef;
  3. viene concesso sempre in via provvisoria fino a quando l'istituto non verifica annualmente il possesso dei requisiti reddituali e di effettiva residenza del cittadino richiedente;
  4. non è reversibile a favori degli eredi in caso di decesso del titolare;
  5. si perde nel caso in cui si lasci l'Italia per sempre o si sospende nel caso di soggiorno all'estero di durata superiore ai 30 giorni.

L'assegno sociale 2017 spetta:

  1. a tutti i cittadini italiani, comunitari ed extracomunitari in possesso di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo, da almeno 10 anni;
  2. a coloro che hanno compiuto 65 anni e 7 mesi;
  3. a tutti i cittadini sprovvisti di reddito, che cioè hanno redditi di importo inferiore ai limiti stabiliti dalla legge.

Per l'assegno sociale limite reddito è pari a 5.824 euro l'anno, cioè 11.649,82 se coniugato, e domanda per averlo deve essere inviata in via telematica all'Inps o tramite caf, patronati e intermediari dell’Istituto. Una volta inviata la domanda e verificati i requisiti dall’Inps, l’assegno sociale sarà erogato dallo stesso Istituto di Previdenza a partire dal primo giorno del mese successivo a quello in cui viene presentata la domanda.

Bonus Isee 2017: quali sono le detrazioni e le agevolazioni previste

Insieme agli assegni familiari, sono diversi i bonus e le agevolazioni fiscali legate al valore Isee dei nuclei familiari. Ma quali sono i bonus Isee 2017? I bonus legati al basso valore Isee sono diversi e comprendono assegni familiari, come già detto, ma anche

  1. assegno di maternità 2017, la cui domanda va presentata in via telematica all'Inps entro 6 mesi dalla nascita del bambino o in caso di adozione o affidamento, dalla data di ingresso del minore in famiglia;
  2. bonus bebè 2017;
  3. bonus asilo nido 2017;
  4. bonus acquisti famiglie;
  5. borse di studio e riduzioni delle tasse universitarie e del diritto allo studio;
  6. bonus sull’acquisto di libri;
  7. servizi socio-sanitari presso l'abitazione e domicilio;
  8. sconti sulle bollette di telefono, luce, gas, acqua con il bonus luce e gas 2017;
  9. sconti sul Canone Rai 2017;
  10. nuovo Sia reddito inclusione sociale 2017;
  11. carta acquisti 2017 per cittadini sopra i 65 anni e bimbi sotto i 3 anni.
  12. detrazioni sulle spese d’affitto di un immobile adibito ad abitazione principale.

ISEE 2017: calcolo e compilazione passo passo. Il modello ISEE è un ottimo strumento per ottenere benefici ed esonerei nei pagamenti per alcuni servizi pubblici come la mensa scolastica, il ticket, autotrasporti, università... ecco come compilarlo e quali documenti presentare per le detrazioni

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il