Pensioni ultime notizie su quota 100, mini pensioni, quota 41 da Grillo, Salvini, Renzi

Le ultime posizioni di Renzi, Grillo e Salvini su possibili convergenze politiche conseguenze per le novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie su quota 100, mi

pensioni novità ultime affermazioni Beppe Grillo



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 8:46): Dall'altra parte c'è da sottolineare che le primarie sia nel centro-sinistra che nel centro-destra come sembrano sempre più probabili nelle ultime notizie e ultimissime, potrebbero portare ad uno slittamento del voto subito. Da una parte, chiaramente, questo rappresenta un potenziale "contro" a novità per le pensioni importanti fatte il prima possibile, ma dall'altra parte, come detto, sono fondamentali per la governabilità e, quindi, per qualsiasi decisione da prendere, novità per le pensioni incluse.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:01): Una alleanza fondamentale per trovare un sistema per le elezioni perchè senza un accordo per non solo unificare i due sistemi nelle due Aule ma anche cercare di riuscire a dare un giusto premio di maggioranza e non solo al 40% che consenta a chi vince di prendere davvero decisioni, le stesse elezioni darebbero più problemi che altro e sarebbe inutili per le novità per le pensioni. E sono inutili i proclami per arrivare al 40% da soli o con coaliazioni fatti dai vari schiaramenti ( e sono stati fatti al momento da tutti) perchè tutti i sondaggi convergono che tale cifra è irragiungibile.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:30): Una inedita alleanza tra i principali leader di maggioranza e opposizione, ma nello stesso tempo gli stessi problemi per tutti e tre nelle ultime notizie e ultimissime sia interni che esterni. Anche perchè la strana alleanza varrabbe solo per elezioni subito e null'altro in più anche se a parole alcuni esponenti degli stessi schiaramenti hanno affemato per diveso tempo una convergenza anche sulle novità per pensioni mai, poi, di fatto avvenuta come quota 100 è l'emblema.

E’ inaspettata la convergenza tra ex premier Renzi, leader de Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo, e leader della Lega, Matteo Salvini, sul voto: tutti e tre, infatti, sono d’accordo sull’andare al voto subito, nonostante i problemi interni che tutti e tre hanno nei loro stessi schieramenti.

Le ultime posizioni di Renzi e conseguenze per novità per le pensioni

Il segretario del Centrosinistra Renzi, che in apparenza converge con Grillo e Salvini per andare ad elezioni subito, si trova in realtà a dover fronteggiare una situazione interna piuttosto caotica, con parte dello schieramento che minaccia la scissione, tra chi chiedere le primarie e chi di andare al congresso. Ma Renzi va avanti per la sua strada e, proprio sostenuto da M5S e Fratelli di Italia, è riuscito ad ottenere la calenadarizzazione del sistema di voto in Aula per il prossimo 27 febbraio. Inoltre, stando alle ultime notizie, lo stesso Partito Democratico di Renzi sarebbe anche pronto a sostenere la proposta del M5S di estensione del sistema di voto definito dall'Alta Corte a Palazzo Madama, senza ballottaggio ma con premio di lista. Se questo sistema fosse approvato da tutti, potrebbe iniziare ad aprile il processo di scioglimento delle Aule per andare al voto a giugno. E questa data avrebbe l'inaspettato, nonchè inedito, sostegno di Partito Democratico, Movimento 5 Stelle e Lega. Ma si tratta di una questione messa in ombra dalla minacciata scissione interna dello stesso centrosinistra. E in vista di nuove elezioni, Renzi sembra aver già avviato la sua campagna elettorale:

  1. nessun aumento dell’Iva;
  2. taglio dell’Irpef;
  3. novità per le pensioni.

In quest’ultimo caso, però, si potrebbe ripartire da quel piano di cambiamenti pensionistici peggiorativi, come revisione delle pensioni di invalidità, di guerra, baby pensioni, già annunciate due anni fa, sostenute dalla sua squadra, oggi facente parte della nuova segreteria, dal commissario per la revisione della spesa pubblica, all’ex consigliere economico di Palazzo Chigi, per recuperare soldi necessari per la successiva attuazione di novità per le pensioni positive per tutti.

Le ultime posizioni di Grillo e conseguenze per novità per le pensioni

Anche il leader del M5S Grillo rilancia sul voto subito, ma lo fa sin dal momento della caduta del precedente esecutivo. Dopo aver proposto, come riportano le ultime notizie, di usare lo stesso sistema di voto deciso dall’Alta Corte per Montecitorio anche per Palazzo Madama, Grillo andrebbe ad elezioni anticipate, ma con qualche ‘problemino’ interno da risolvere, legato soprattutto alle vicende romani e alle ultime notizie che stanno interessando la sindaca della Capitale. Eppure l’occasione del nuovo voto sarebbe l’ideale per un rilancio di quelle novità per le pensioni da sempre professate dal M5S e che certamente permetterebbero di riconquistare consensi e voti da parte dei cittadini e che riguardano:

  1. novità per le pensioni di quota 41 senza oneri;
  2. età pensionabile per tutti a 60 anni;
  3. introduzione dell’assegno universale per tutti;
  4. cancellazione delle ricche pensioni agli alti esponenti politici.

Le ultime posizioni di Salvini e conseguenze per novità per le pensioni

Così come Renzi e Grillo, anche Salvini chiede il voto subito, ma anche Salvini è alle prese con un caso politico interno al suo stesso schieramento, sia per quanto riguarda la posizione di contrarietà che tanti del suo schieramento gli stanno dimostrando, sia per quanto riguarda eventuali alleanze, ipotesi che, per esempio, al momento non esisterebbe con Forza Italia, tanto che lo stesso Salvini ha già chiesto le primarie del centrodestra. All’orizzonte anche l’ipotesi di un’alleanza con il M5S che, però, stando alle ultime notizie, è sospesa tra conferme e smentite. E nonostante si continuino a chiedere le elezioni subito, alla luce delle ultime notizie, non sembrano esserci prospettive positivi per la formazione di una nuova maggioranza. Di certo c’è che in vista di nuove elezioni, anche la Lega di Salvini punterebbe particolarmente su una profonda revisione delle attuali norme pensionistiche, che in realtà vorrebbe del tutto cancellare, con rilancio di novità per le pensioni di quota 41 per tutti e novità per le pensioni di quota 100.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il