11111 Concorso Polizia di Stato 2017: novità della settimana e oggi lunedì 6 Febbraio

Ancora attesa la pubblicazione del nuovo bando di concorso per entrare nella Polizia di Stato: requisiti necessari e prove da sostenere

11111 Concorso Polizia di Stato 2017: no

regole requisiti nuovo concorso polizia 2017



AGGIORNAMENTO: Chi supererà la prova scritta dovrà sostenere le prove fisiche che non prevedono più il requisito dell’altezza minima. Se il candidato sarà idoneo lo step successivo sarà quello dei test psico-attitudinali. Terminate e superate con successo le prove riportate, i candidati seguiranno sei mesi di formazione e coloro che supereranno i sei mesi di formazione saranno ammessi ai successi sei mesi come Agenti in prova. 

AGGIORNAMENTO: La prova scritta prevede la compilazione di un questionario da svolgere in un'ora, con ottanta domande a risposte sintetiche o multiple su:

  1. argomenti di cultura generale e sulle materie previste nei programmi delle scuole medie dell’obbligo;
  2. quesiti volti ad accertare la conoscenza della lingua straniera indicata dal candidato al momento della compilazione del bando;
  3. quesiti volti ad accertare le conoscenze informatiche del candidato.

Si attende ancora la pubblicazione ufficiale del nuovo bando di concorso per entrare nella Polizia di Stato. E la novità di quest'anno 2017 è che tale concorso sarà aperto anche ai civili. A seguito di tale novità i posti banditi sono aumentati di 1.000 unità portando cosi il totale dei posti a 1459. L’apertura del concorso per la Polizia di Stato anche ai civili deriva dall’art. 10 del Decreto legislativo 28 gennaio 2014, n. 8, che prevede, a partire dal 2016, concorsi pubblici non più riservati alle persone che hanno svolto servizio nelle Forze armate e che ha previsto per gli anni 2016-2017 concorsi con il 50% dei posti disponibili destinati ai cittadini civili, percentuale che salirà al 75% nel 2018. Dal primo gennaio 2016 al 31 dicembre 2018, dunque, parte dei posti disponibili per il ruolo di agenti ed assistenti della Polizia di Stato sarà destinata ai civili.

Requisiti di partecipazione al prossimo Concorso di Polizia 2017

In ogni caso, sia per civili che per militari, i requisiti di partecipazione al nuovo concorso per la Polizia di Stato 2017 prevedono:

  1. avere la cittadinanza italiana;
  2. godimento dei diritti politici;
  3. avere possesso del diploma di scuola secondaria di primo grado o equipollente.
  4. aver compiuto il 18esimo anno di età e non aver compiuto il 30esimo anno di età;
  5. idoneità fisica, psichica ed attitudinale al servizio di polizia;
  6. non essere stati espulsi dalle Forze Armate o da Corpi militarmente organizzati o destituiti da pubblici uffici, né dispensati dall’impiego per persistente insufficiente rendimento;
  7. non avere riportato condanne per delitti non colposi e non essere stati sottoposti a misure di prevenzione o di sicurezza;
  8. essere in possesso delle qualità morali e di condotta previste dall’art. 35, comma 6, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165.

Come si svolgerà il nuovo Concorso di Polizia 2017

Il Concorso di Polizia 2017 prevede tre prove:

  1. una prova scritta d’esame (questionario, articolato in domande a risposta a scelta multipla);
  2. prove di efficienza fisica;
  3. accertamenti psico-fisici e attitudinali.

La prova scritta prevede la compilazione di un questionario da svolgere in 60 minuti, con 80 domande a risposte sintetiche o multiple su:
argomenti di cultura generale e sulle materie previste nei programmi delle scuole medie dell’obbligo;
quesiti volti ad accertare la conoscenza della lingua straniera indicata dal candidato al momento della compilazione del bando;
quesiti volti ad accertare le conoscenze informatiche del candidato.
Chi supererà la prova scritta secondo i punteggi stabiliti, dovrà sostenere le prove fisiche, che non prevedono più il requisito dell’altezza minima; e se risulterà idoneo il candidato passerà al test psico-attitudinali.

Terminate e superate con successo le prove riportate, i candidati seguiranno sei mesi di formazione e coloro che supereranno i sei mesi di formazione saranno ammessi ai successi sei mesi come Agenti in prova. Al termine di questi ulteriori sei mesi di prova, i vincitori del concorso saranno nominati allievi agenti della Polizia di Stato e, al termine dell’attività formativa, saranno assegnati in sedi di servizio diverse dalla provincia di origine e da quella di residenza.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il