Pensioni ultime notizie nomi nuovi con dimissioni Renzi e Berlusconi, Di Maio rilancio mini pensioni, quota 100, quota 41

In vista del prossimo voto si discute di possibili alleanze e coalizioni: le ultime notizie da Berlusconi, Di Maio, Renzi e conseguenze per novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie nomi nuovi con d

pensioni novità movimenti Berlusconi Di Maio Renzi



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 15:45): Tra l'altro è da ricordare, per onere di cronaca, quello che abbiamo scritto alcuni paragrafi sotto, per quanto riguarda le novità per le pensioni che avrebbe fatto Renzi annunciate nel suo cronoprogramma di cui una parte nelle ultime notizie e ultimissime è stata proprio da lui ripresa ufficialmente come scrivevamo. E quello che lascia pensare che potrebbero riprendere anche le novità per le pensioni è la scelta di Nannicini come suo braccio destro nella segreteria e responsabile per la stesura del programma. Un Nanninici, esperto di occupazione e pensioni, che voleva all'inizio ben altre novità per le pensioni rispetto alle mini pensioni e quota 41. Certo, poi, si è dovuto sottrarre alle richieste dello stesso Renzi, molto probabilmente. E questo non fa che mettere qualche ombra o, forse, tante ombre sulle novità per le pensioni e in generale sul programma di un futuro Renzi, sempre cercando di parlare apoliticamente e oggettivamente. ( e infatti abbiamo cercato di dire il pro e il contro di un eventuale posizione di Renzi sulle novità per le pensioni)

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 15:45): Come si vede, dunque, pur appartenendo allo stesso schieramento e pur quasi tutti capendo le necessità e l'importanza delle novità per le pensioni non è la stessa cosa chi potrebbe salire al posto di Renzi sempre che, comunque, riesca a batterlo nel Congresso dove sicuramente si ricandirebbero come segreterio. I nomi più importanti per le novità per le pensioni incisive potrebbero essere, comunque, Bianca Berlinguer, Emiliano e Rossi, ma gli ultimi due pur avendo forte sostegno sono più possibili come segretari (che, comunque detterebbero la linea, che come nuovi premier) almeno nelle ultime notizie e ultimissime. Difficile anche la posizione della Berlinguer fra le varie correnti, ma il suo volto nuovo potrebbe darle un vantaggio non da poco.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 14:10): Se le dimissioni fossero confermate è interessante capire quali potrebbero essere i rivali all'interno della maggioranza sia nella stess coalizione per il Congresso che, poi, per il leader in eventuali, molto possibili, primarie aperte a tutto il centro-sinistra. Anche perchè dai potenziali concorrenti alla segreteria, ma soprattutto come posisbili Premier si potrebbero capire le intenzioni per le novità per le pensioni.
Chi sostiene ora Renzi potrebbe pensare ad un cambio se ci fosse una rottura con Orlando, attuale minsitro della giustizia, che non si è mai nascosto dell'urgenza delle novità per le pensioni, ma non ha maipreso posizioni nette. Candidati di Bersani potrebbero essere Bianca Berlinguer e Letta, magari uno segreterio e uno leader per il voto. La prima avrebbe intenzioni molto più nette per le novità per le pensioni. Così come le avrebbe potenzialmente Emiliano e Rossi, governatori sul territorio, che hanno sempre appoggiato fortemente la revisione partendo e aprendo da quota 100 e facendo anche delle sperimentazioni sui territori. Candidato di D'Alema potrebbe essere, appunto Emiliano.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 12:33): E le dimissioni di Renzi potrebbero arrivare a breve, brevissimo anche se c'è molta confusione su quanto potrebbe accadere lunedì nella riunione della maggioranza, ma potrebbe essere un movimento a sorpresa dell'attuale segreterio per scompigliare le carte e andare subito al Congresso per ceracre, comunque, di avere la quadra prima possibile e dopo il Congresso stesso, se necessario fare le primarie e poi il voto a Giugno. E' una delle possibilità che arrivano dalle ultime indiscrezioni, mai tenpi sonod avvro stretti e si rischia di fare tutto troppo e male, con i tutti i pericoli derivanti anche per le novità per le pensioni che spiegavamo sotto.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 10:14): Certo la convergenza al momento nelle ultime notizie e ultimissime, appare verso il rinvio delle elezioni subito con i tanti annunci fatti solo qualche settimana fa che appaiono difficili da essere concretizzati. E il problema principale per tutti è sistemare l'interno delle proprie forze sia di Renzi che si vede costretto a Congresso e primarie anche quasi dai più stretti collaboratori, Berlusconi che spera in un alleanza con Renzi e aspetta Strasburgo e poi Di Maio che nonostante la propria volontà deve scontrarsi con problemi interni di leadership, l'alleanza non voluta ma che realisticamente serve per vincere e il problema Raggi a Roma che si ripercuote sul consenso. Dunque, i movimenti al momento sono più di ritirata e di riorganizzazione interna che quelli che solo qualche giorno fa si registravano con rilanci addirittura sui programmi novità per le pensioni comprese.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 13:44): Lo stesso Renzi che ora si trova a dover decidere se cercare di forzare la mano e andare subito al voto o fare il Congresso prima o le primarie e o entrambe ha cercato nelle ultime notizie e ultimissime di iniziare a tratteggiare qualche possibile programma per il voto, sottolineando nel suo nuovo blog la prioprità del taglio delle imposte. Lo stesso taglio che doveva esserci in questo ultimo periodo di esecutivo nel suo crono-programma insieme ad un rilancio per le novità per le pensioni vero. Poi sappiamo che l'esecutivo è caduto. Ma Renzi sembra voler riprendere da dove voleva continuare, quindi taglio imposte, questo ufficiale ad ora, e poi novità per le pensioni, questo elemento ufficioso ancora al momento, ma confermato dalla presenza di Nannicini con un ruolo di braccio nella sua nuova segreteria.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 8:06):  E' utile ricordare l'idea dei pentastellati per le novità per le pensioni che va oltre all'assegno universale. La prima è quella di una pensione per tutti al massimo a 62 anni, con anche un tetto massimo definito di importo ancora da definire e cancellazione totale delle pensioni per gli esponenti pubblici. E poi anche sempre per le pensioni più alte, anche qui da definire la fascia, per un imposta sopra un certo importo che dovrebbe essere una tantum di solidarietà per rilanciare tutto il sistema delle pensioni. E', comunque, un programma di massima che come affermato nelle ultime notizie e ultimissime deve essere ancora rivisto nei singoli punti defininendo anche i singoli numeri

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:30): E' lo stesso leader potenziale dei pentastellati ad avere fatto nelle ultime notizie e ultimissime una delle ultime affermazioni sulle novità per le pensioni criticando aspramente quelle attuali e la strategia intera per l'occupazione accusando che gli errori stessi per le novità per le pensioni sono ricaduti anche in parte sull'occupazione e rilanciando la revisione dell'intero sistema e l'inserimento dell'assegno universale.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:17):  Non c'è ancora la certezza di andare al voto e neppure che gli schieramenti e gli stessi leader lo vogliono davvero tanto è vero che nelle ultime notizie e ultimissime continuano ad esserci conferme e smentite. Ma nello stesso tempo tutti e tre non perdono occasioni per sondare il terreno con diverse affermazioni e alcune riguardano anche i programmi oltre che le coalizioni e vi sono tra gli argomenti toccati anche le novità per le pensioni.

Il panorama politico di questi ultimissimi giorni è stato definito soprattutto dalle ultime notizie comunitarie, mentre a livello interno si continua a discutere di elezioni, nell’attesa che arrivino le motivazioni dell’Alta Corte sulla sentenza di gennaio sul sistema di voto, e di possibili coalizioni e grandi alleanze in vista del voto. Con il passare del tempo, le difficoltà si moltiplicano e se all’interno della maggioranza vi sono parecchie divisioni e spirano venti di grandi scissioni, anche negli altri schieramenti politici ci si sta organizzando per cercare soluzioni politiche migliori decisamente prima del voto, in modo da arrivarvi, a giugno, o l’anno prossimo, nel miglior modo possibile.

Le ultime affermazioni del Cavalier Berlusconi e conseguenze per novità per le pensioni

Il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, non si sarebbe dimostrato particolarmente aperto ad una eventuale con la Lega, da cui, tra l’altro, sarebbe arrivata una richiesta di primarie per il centrodestra proprio dal suo leader, affermando prima di essere pronto ad una nuova eventuale grande coalizione con il centrosinistra, in una sorta di nuovo Nazareno 2, poi facendo un passo indietro. Tra Berlusconi e il segretario del centrosinistra non ci sarebbero stati ancora contatti, stando alle ultime notizie. La certezza è quella che, indipendentemente dalla sentenza di Strasburgo che deciderà (o meno) sulla candidabilità dell'ex premier, Berlusconi si è detto pronto a tornare in campo per le prossime elezioni. Berlusconi stesso avrebbe, infatti, dichiarato di essere pronto a guidare Forza Italia anche se c'è il rischio di non poter entrare a parte del Parlamento. E la sua partecipazione alle prossime elezioni, esattamente come accadrà negli altri schieramenti politici, porterà ad un importante rilancio delle novità per le pensioni, partendo da un aumento delle pensioni più basse a mille euro. Una novità per le pensioni che lo stesso Berlusconi ha sempre rilanciato come priorità.

Le ultime posizioni di Luigi Di Maio e conseguenze per novità per le pensioni

Le ultime notizie parlano di diverse grandi alleanze e coalizioni e per quanto riguarda il Movimento 5 Stelle, si è parlato di una possibile coalizione con la Lega, chiacchierata ma decisamente improbabile che, però, con particolare attenzione alle novità per le pensioni, potrebbe rappresentare un’ottima mossa. Nelle intenzione del M5S, come del resto spiegato da Luigi di Maio, quella di andare subito al voto con un sistema di voto per Palazzo Madama esattamente come quello per Montecitorio stabilito dal pronunciamento dell’Alta Corte. Luigi Di Maio, secondo le ultime notizie, avrebbe chiaramente spiegato che solo il M5S oggi potrebbe ambire al 40% e che nulla di quanto stanno riportando, inventando o presupponendo sugli illeciti del Movimento, riferendosi in particolare alla situazione romana, potrà indebolire il Movimento, unica alternativa reale al centrosinistra.

Il M5S, come la Lega, andrebbe subito al voto nonostante i problemi interni e cavallo di battaglia sarebbero certamente le novità per le pensioni. Il M5S da sempre punta infatti su:

  1. età pensionabile per tutti a 60 anni;
  2. introduzione della novità per le pensioni di quota 41 per tutti indipendentemente dall’età anagrafica e senza alcuna penalità;
  3. assegno universale per tutti coloro che sono senza occupazione e ancora lontani dai requisiti pensionistici attualmente richiesti;
  4. revisione delle elevate pensioni agli alti esponenti politici.

Le ultime posizioni del segretario Renzi e conseguenze per novità per le pensioni

Dopo annunci di ritiri dalla scena politica ai tempi della carica di premier e di successivi dietrofront, dopo aver costituito una nuova segreteria del centrosinistra in vista delle prossime elezioni e con uomini fidatissimi, come l’ex consigliere economico di Palazzo Chigi e il commissario per la revisione della spesa pubblica, dopo aver annunciato di essere pronto a candidarsi come premier e chiesto il voto anticipato a giugno, le ultime notizie tornano ancora una volta a smentire una posizione di Matteo Renzi: stando a quanto riportano le ultime e ultimissime notizie, infatti, Renzi avrebbe detto di che le prossime elezioni non potrebbero rappresentare per lui una nuova occasione per diventare premier. Potrebbe, infatti, non candidarsi più. e ha aperto la strada ad altri due nomi, quello dell'attuale premier e quello dell'attuale ministro dei Trasporti. Pur parlando di questa eventualità, resta comunque dell'idea di voler andare al voto a giugno. Renzi spiega di non voler che nessuno pensi che la sua volontà di andare ad elezioni anticipate sia per una voglia di rivincita all'indomani della sconfitta alla consultazione popolare dello scorso dicembre, nè tanto meno sarebbe disposto a nuove alleanze che, a questo punto, dovrebbero quasi essere imposte.
Eppure, Renzi, sul suo nuovo blog, qualche giorno fa sembrava aver già avviato la sua campagna elettorale, con annunci di

  1. nessun aumento dell’Iva;
  2. taglio dell’Irpef;
  3. novità per le pensioni.

E in quest’ultimo caso, considerando anche la scelta dei membri della nuova segreteria, tutto farebbe presupporre l’intenzione di riprendere quei cambiamenti peggiorativi, come revisione delle pensioni di invalidità, di guerra, baby pensioni, e di alcune detrazioni e agevolazioni alle famiglie, da cui ricavare soldi da impiegare in un secondo momento per l’attuazione di successive novità per le pensioni positive per tutti, che andrebbero decisamente oltre le attuali mini pensione e quota 41.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il