BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie Ape Social, Quota 41, Ape Volontaria diverse attese a metà febbraio

Le attese di metà febbraio per novità per le pensioni e prospettive politiche: ultime notizie su possibili scenari e cosa aspettarsi


 pensioni ultime notizie ape febbraio

pensioni novità ape altre modifiche febbraio 2017



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 14:03): Certo queste decisioni potrebbero anche slittare sfruttando al massimo i termini ultimi, se i tecnici aspettassero di vedere se saranno accettate o meno le novità per le pensioni inserite sempre per l'Ape Social, Ape Volontaria, Quota 41 per rendere meno vincolanti le condizioni. E ne sono state confermate molte di richieste dallo stesso Comitato per novità delle pensioni. E vi sono anche le richieste nelle ultime notizie e ultimissime delle forze sociali di partecipare attivamente alla stesura stessa dei DCPM.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:05): Le decisioni di metà febbraio più strettamente collegate alle novità per le pensioni dell'Ape Social, Quota 41 e Ape Volontaria sono quelle dell'arrivo dei DCPM che dovrebbero metetre nero su bianco tutte le regole, condizioni, requisiti e vincoli con alcune modifiche e i calcoli esatti con i tassi di interesse esatti e gli oneri e il funzionamento delle polizze vita, sempre che la trattative si concludano che smebravano ben avviate nelle ultime notizie e ultimissime.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:33): A metà febbraio ci dovrebbero essere una serie importante di decisioni sia strettamente collegate alle novità per le pensioni e altre che le potrebbero condizionare soprattutto per il favore come appare evidente nelle ultime notizie e ultimissime

I prossimi giorni potrebbero rivelarsi decisamente importante per le novità per le pensioni e non solo per quanto riguarda le novità per le pensioni di ape social, quota 41 e ape volontaria ma anche per tutte quelle altre modifiche, essere inerenti e non, attese. Restano confermate le ultime notizie che riguardano le condizioni di accesso ad ape volontaria, ape social e quota 41, novità per le pensioni che varranno, rispettivamente, per:

  1. coloro che hanno compiuto 63 anni di età e 20 anni di contributi e accettino decurtazioni sulla pensione finale;
  2. coloro che sono rimasti senza occupazione da lungo tempo, con 63 anni di età e 30 anni di contributi e che da tre mesi almeno abbiano esaurito tutti i sussidi di disoccupazione;
  3. invalidi e malati gravi, con 63 anni di età, 30 anni di contributi e che, per quanto riguarda gli invalidi, abbiano una percentuale di invalidità superiore al 74%, cioè dal 75% in poi, e vale anche per parenti prossimi che assistano il congiunto disabile da almeno sei mesi prima della richiesta dell’ape social;
  4. coloro che sono impiegati in occupazioni faticose, con 63 anni di età, 36 anni di contributi, di cui almeno 6 consecutivo, e che siano impiegati in specifiche attività considerate faticose.

Proprio nei prossimi giorni si attendono i dpcm attuativi di queste novità per le pensioni che, dopo le regole in essi contenuti, riguardanti tassi di interesse che dovranno calcolate sull’ape, condizioni delle polizze assicurative ed eventuali criteri che ne dovranno stabilire la priorità di accesso per alcuni, potrebbero arricchirsi di ulteriori modifiche.

Attesa la discussione del Milleproroghe e possibili conseguenze per novità per le pensioni

Sempre in questi giorni di febbraio si discuterà delle misure del Milleproroghe con la possibilità di ulteriori correzioni per le condizioni delle novità per le pensioni di Ape Social, Quota 41 e Ape Volontaria, oltre ai miglioramenti delle stesse novità per le pensioni già presentati dal Comitato Ristretto. Se, infatti, il comitato ristretto già a dicembre aveva presentato miglioramenti per un aumento dei tempi di non occupazione e assistenza ai malati per la richiesta di ape sociale e quota 41; la riduzione degli anni contributivi da 36 a 35 per la richiesta di ape social da parte degli impiegati in occupazioni faticose; e la cancellazione del requisito vincolante dei 6 anni continuativi di svolgimento di attività faticosa; richieste che potrebbero essere rimesse in discussione proprio con il Milleproroghe, le ulteriori novità dovrebbero riguardare le possibilità di:

  1. cumulo dei contributi da calcolare anche per il raggiungimento dei requisiti pensionistici contributivi richiesti dal sistema del contributivo femminile;
  2. allargamento del criterio di invalidità anche sul lavoro, e non solo civile, per la richiesta di ape social e quota 41;
  3. riduzione della percentuale di invalidità per ape social e quota 41 dal 75%, percentuale attualmente fissata, al 60%, attraverso un meccanismo di calcolo in base alle nuove tabelle Inail sui cui sarebbero già a lavoro i tecnici.

Le attese di metà febbraio per novità per le pensioni e non solo

Il mese di febbraio, comunque, sarà importante non solo per Dpcm e Milleproroghe con relative eventuali novità per le pensioni tanto attese, ma anche per l'attesa circolare Inps che potrebbe estendere ancora la possibilità di uscita dal lavoro a chi ha 64 anni, come anche per capire come si evolverà la situazione politica di Italia. All’indomani delle motivazioni che l’Alta Corte renderà note, tra qualche giorno, sul suo pronunciamento sul sistema di voto, si potrebbe infatti decidere quando andare al voto, se subito ad aprile, a giugno o, come alcuni auspicano per mantenere l’attuale stabilità politica interna, alla naturale scadenza dell’attuale legislatura il prossimo 2018. Ma si attende anche la risposta comunitaria sull’apertura di una nuova procedura di infrazione nei confronti del nostro Paese, decisione che se dovesse essere confermata renderebbe inutile andare al voto prima ma,soprattutto, non prospetterebbe nulla di buono per quelle novità per le pensioni che continuerebbero ad essere bloccate a causa di ulteriori condizioni peggiorative che verrebbero imposte al nostro Paese ma anche delle poche disponibilità economiche, se non nulle, che verrebbero date per agire in tal senso.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il