BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Rinnovo contratti statali, polizia, carabinieri, docenti, forze dell'ordine: pagelle cittadini per i premi Decreto Madia

Importanti novità in arrivo sulle regole per i dipendenti pubblici, ma sul rinnovo i tempi non sono ancora maturi.


Arrivano le pagelle per gli statali

Nuove riunioni sui dipendenti pubblici



Sullo sfondo rimangono sempre le questioni del rinnovo del contratto degli statali, docenti inclusi, e lo stanziamento del bonus di 80 euro alle forze dell'ordine. Ma la macchina dei cambiamenti della pubblica amministrazione passa anche da altri passaggi chiave, come le pagelle dei cittadini sull'operato del burocrate, a cui legare anche i premi. Molte informazioni preliminari stanno già circolando, anche se le informazioni ufficiali saranno rese note solo con il decreto Madia contenente lo scioglimento di molti delicati nomi. Stando alle ultime notizie, se ne saprà di più già nella prossima settimana, anche se nel decreto non troverà spazio la risoluzione della questione dell'aumento dello stipendio degli statali.

Arrivano le pagelle per gli statali

Questa delle pagelle per gli statali è un'operazione di rilievo nella riscrittura delle regole in fatto di pubblico impiego. Una rivoluzione per 3,2 milioni di lavoratori, ma anche per i cittadini la cui vita ruota intorno alla macchina pubblica. Cittadini che, sulla base delle ultime notizie legate alla riforma targata Madia, avranno voce in capitolo nel giudizio sulla qualità dei servizi. L'obiettivo è scrivere la parola fine alla distribuzione a pioggia dei premi. Il provvedimento sarà condiviso con le Regioni e all'inizio della prossima settimana ci sarà anche un confronto con i le forze sociali che per il momento manifestano malumori. Le principali sigle chiedono la piena attuazione dell'accordo del 30 novembre.

Nuove riunioni sui dipendenti pubblici

Una riunione informale con le confederazioni era già stata calendarizzata in questa settimana ma i tempi non sono ancora maturi. Per l'approdo in Consiglio dei ministri manca invece ancora una settimana. Intanto però il nuovo volto della pubblica amministrazione italiana inizia ad avere un profilo sempre più preciso, anche per quanto riguarda la valutazione delle performance. Qualcosa nel meccanismo non ha finora funzionato. Adesso si parte dal servizio reso al cittadino, che in quanto tale o in quanto utente potrà segnalare criticità o eccellenze. Lo potrà fare bussando alla porta degli Organismi indipendenti di valutazione. Fino ad ora gli Oiv sono rimasti abbastanza sconosciuti.

La bozza del decreto cambia il loro ruolo, assegnando poteri ai valutatori, come pareri vincolanti, bollinature, e rafforzando la loro indipendenza, non potranno essere giudici nei loro stessi uffici. I tassi di gradimento saranno inoltre resi pubblici attraverso i siti web delle amministrazioni. Il voto del cittadino sarà sul servizio, sul lavoro della squadra messa in campo dall'amministrazione. E ai fini del riconoscimento del merito e dei premi particolare rilevanza dovrebbe proprio ricadere sulla prestazioni di gruppo. Le regole sull'assegnazione dei bonus saranno stabilite dai contratti, rispettando però il principio che dare di più a chi lo merita e viceversa. Sempre ai contratti è rimandata la messa a punto della giusta formula per penalizzare le assenze anomale. A proposito di sanzioni, il decreto abbatte i divieti che ingessano il procedimento disciplinare, permettendo di scongelare l'azione senza attendere la sentenza passata in giudicato.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il