Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 41, quota 100 subito elezioni ufficiali le motivazioni da Alta Corte

Rese note le attese motivazioni da parte dell’Alta Corte sul sistema di voto: ultime notizie su prospettive politiche e conseguenze per novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie mini pensioni, q

pensioni novità elezioni subito motivazioni alta corte



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:40): E nelle prossime riunioni già a partire da brevissimo sia interne dei singoli schieramenti che quelle che sono in programma nelle ultime notizie e ultimissime istituzionale dal Gruppo che si occupa proprio dei sistemi per le elezioni si potrà capire cosa verrà deciso con chiare conseguenze per le novità per le pensioni.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:05): E' una decisione che lascia spazio a diverse interpretazioni perchè permeterebbe di procedere con elezioni subito con tutte le conseguenze per le novità per le pensioni, ma viste probabilmente le ultime notizie e ultimissime, delle attuali tendenze dei vari schiaramenti si propenda per una analisi che vuole dare spazio agli stessi schieramenti lo spazio per coniugare al meglio i sistemi di voto tra le due aule.

Tra gli appuntamenti che erano stati messi in programma per la settimana anche quello relativo alle attese motivazioni da parte dell’Alta Corte sulla sentenza relativa al sistema di voto, espressa lo scorso 25 gennaio. Ma le ultime notizie confermano l’arrivo, prima rispetto a quanto previsto, delle motivazioni ufficiali dell’Alta Corte. Si tratta di motivazioni che erano particolarmente attese dagli schieramenti politici per decidere se e quando andare ad elezioni prima, considerando che, secondo la stessa sentenza dell’Alta Corte, il sistema di voto definito potrebbe essere applicato a subito. Non è tuttavia omogeneo per Montecitorio e Palazzo Madama. Ci si chiede, dunque, cosa potrebbe accadere ora?

Le motivazioni dell’Alta Corte sul sistema di voto: cosa prevedono

Stando a quanto riportano le ultime e ultimissime notizie sulle motivazioni dell’Alta Corte, il sistema di voto dovrebbe garantire maggioranze omogenee tra Montecitorio e Palazzo Madama, che ha anche spiegato come non sia ‘irragionevole’ parlare di un premio di maggioranza assegnato alla lista che al primo turno ottiene il 40 %, perché permette di attribuire la maggioranza assoluta dei seggi alla lista che abbia conseguito una determinata maggioranza relativa. Via libera dall’Alta Corte anche alla soglia di sbarramento del 3%; no al ballottaggio e via libera ai capilista bloccati in liste brevi. Secondo l’Alta Corte, il sistema di voto così definito, nonostante la bocciatura del ballottaggio, risulterebbe ‘idoneo’ a garantire il rinnovo di Montecitorio. Ciò significa che si potrebbe anche andare ad elezioni subito, se, però, si avesse la certezza di riuscire a raggiungere una maggioranza tale da garantire la governabilità, altrimenti andare al voto prima potrebbe non avere alcun senso.

Situazione degli schieramenti politici, questione elezioni e conseguenze per novità per le pensioni

Il presupposto del voto anticipato dovrebbe essere, dunque, quello di riuscire a garantire la governabilità che, come confermano le ultime notizie, non sembra essere ad oggi un risultato raggiungibile, considerando la situazione politica dei diversi schieramenti. Sono, infatti, diverse le tensioni e gli scontri che dovrebbero prima essere risolti all’interno di ogni schieramento politico, da M5S, alle prese con lo scandalo romano che sta coinvolgendo la sindaca; al centro sinistra, dove spirano venti di scissione; alla Lega, che vorrebbe indire le primarie del centrodestra, spaccata al suo stesso interno e decisa a non voler stringere alcuna alleanza con Forza Italia. Eppure se si dovessero appianare le tensioni, andare ad elezioni subito potrebbe essere fattibile, a giugno magari, e rappresentare l’occasione ideale di rilancio delle novità per le pensioni.

Considerando l’importanza del tema per i cittadini, tutti gli schieramenti politici, per conquistare fiducia, consensi ed elettori, certamente, come spesso ribadito, rilancerebbero su quelle novità per le pensioni che rappresenterebbero una effettiva modifica delle attuali norme pensionistiche e una nuova spinta al rilancio dell’occupazione giovanile. Andando, infatti, oltre le attuali novità per le pensioni di mini pensione e quota 41, troppo limitate ancora e sperimentali, proponendo ulteriori novità per le pensioni di quota 100 o quota 41 per tutti, senza dimenticare l’assegno universale come misure sociale fondamentale, si potrebbero ottenere diversi vantaggi:

  1. rilancio dell’occupazione giovanile;
  2. nuova spinta a produttività e consumi;
  3. nuovo rilancio dell’economia in generale.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il