Pensioni ultime notizie su quota 100, quota 41, mini pensioni da Piccinini, Sacconi, Monti

Le recenti posizioni di Monti, Piccinini e Sacconi sulle recenti novità per le pensioni e ultime notizie su necessità di ulteriori modifiche

Pensioni ultime notizie su quota 100, qu

pensioni novità ultime affermazioni Mario Monti



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:01): E la stessa Piccinini che conosce, non solo per il suo ruolo, le novità per le pensioni, pone una serie di affermazioni fortemente negative sia per quanto riguarda le novità per le pensioni stesse attuali che il sistema intero realizzato da Monti e sul quale come abbiamo visto lui stesso chiede ora correttivi per le la prima volta nelle ultime notizie e ultimissime.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:05): Sullo stesso tono sono le affermazioni di Sacconi che non sono certamente inedite da parte sua che le ha più volte ripetute nelle ultime notizie e ultimissime e ora oltre ad attaccare il sistema attuale, punta l'indice e mostra forti perplessità sulla bontà delle novità per le pensioni che si stanno portando avanti

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:01) Continuano ancora le critiche sia per il sistema attuale che per le novità per le pensioni che si stanno andando a definire come le mini pensioni e quota 41 considerandole davvero a forte rischio di mancato successo. E per la prima volta nelle affermazioni lo stesso Monti esprime nelle ultime notizie e ultimissime che il sistema creato in tutta fretta attuale delle pensioni non lo rifarebbe più e sono da sistemare urgentemente diversi errori, problemi, aspetti.

Che le attuali norme pensionistiche debbano essere modificate e rese più ‘morbide’ non è ormai una novità così come ben chiare sono le critiche piovute alle ultime novità per le pensioni di mini pensione e quota 41 da parte di esponenti di schieramenti politici e forze sociali che, come confermano le ultime notizie, continuano a rilanciare sulla necessità di attuazione di novità per le pensioni ben più importanti, strutturali e universali, ponendo un serio stop alle novità per le pensioni sempre sperimentali e sempre non per tutti che ogni volta vengono approvate come fossero un contentino da dare a chi chiede da anni ormai cambiamenti.

Le ultime affermazioni dell’ex premier Monti e ripercussioni su novità per le pensioni

Dopo le affermazioni del ministro dell’Occupazione che ha dato vita alle tanto criticate attuali norme previdenziali, per la prima volta parla di pensioni anche l’ex premier, oggi senatore a vita, Mario Monti, premier ai tempi in cui le norme attuali entrarono in vigore, nel 2012. Esattamente come già fatto dell’ex ministro dell’Occupazione, anche Monti ha chiaramente affermato che le attuali norme delle pensioni sono state in tre settimane, e in maniera rigida, per permettere all’Italia di rimanere in piedi in una situazione di difficoltà economica estrema, come quella che stava attraversando, perché il rischio, altrimenti, sarebbe stato quello di saltare come accaduto alla Grecia. Ma lo stesso Monti non ha esitato ad ammettere che si è trattato di un grande errore e che non rifarebbe una normativa così. Nonostante abbia portato allo Stato diversi miliardi di euro di risparmi, con una stima di ben 30 miliardi fino al 2025, e sia stata votata dal 70% dei parlamentari, Monti ammette che oggi merita di essere rivista e di essere resa più sostenibile. Questo è un ulteriori passo che potrebbe portare, finalmente, ad una profonda revisione delle attuali norme pensionistiche, ripensando a novità per le pensioni di quota 100 o di quota 41 per tutti.

Le ultime posizioni della Piccini e conseguenze per novità per le pensioni

Pronta ad una profonda revisione delle attuali pensionistiche anche la presidente dei patronati, Morena Piccinini, fortemente critica nei confronti delle regole previdenziali oggi in vigore, nonostante i buoni propostiti di risparmio, ma anche nei confronti delle attuali novità per le pensioni di mini pensione e quota 41, troppo limitate, troppo ristrette e non strutturali. Secondo la Piccinini, servono modifiche legislative in grado di rendere il sistema previdenziale più sostenibile e di sostenere, e non limitare, i diritti di tutti i lavoratori. E ha anche rilanciato, insieme al Comitato ristretto per le pensioni, la richiesta di correzione della recente circolare dell'Istituto di Previdenza in merito alla possibilità di pensione a 64 anni da estendere anche alle donne quindicenni.
 
Le recenti affermazioni di Maurizio Sacconi e conseguenze per novità per le pensioni

E’ tornato a criticare fortemente le recenti novità per le pensioni di mini pensione e quota 41 l’ex ministro Maurizio Sacconi, che le ha nuovamente definite ‘dannose’, ribadendo, ancora una volta, come confermano le ultime e ultimissime notizie, l’urgenza di migliorare le regole pensionistiche, per rendere il sistema previdenziale più sostenibile, per dare nuovo slancio all’occupazione giovanile, per attuare novità per le pensioni più importanti come quota 41 per tutti senza penalità e modifiche del meccanismo delle speranze di vita.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il