Pensioni ultime notizie su quota 100, quota 41, mini pensioni da Tripedi, Gnecchi, Giacobbe

Le recenti posizioni di Giacobbe, Gnecchi e Tripiedi su novità per le pensioni attuali e necessarie e ultime notizie su prossimi impegni e intenzioni

Pensioni ultime notizie su quota 100, qu

pensioni novità ultime affermazioni Maria Luisa Gnecchi



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 10:22): E non è solo l'opposizione ufficiale, ma anche alcuni esponenti interni e e della stessamaggioranza con la Giacobbe che in dievrse delle sue affermazioni nelle ultime notizie e ultimissime spiegano con una sxorta di delusione che ben poco si è fatto e molto si deve fare ancora per le novità per le pensioni e pure lei è sembrata poco convinta della bontà delle novità per le le pensioni stesse in itinere.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 14:27): Sta allora emergendo una non coincidente valutazioni sulle novità per le pensioni e sui provvedimenti cui cui lavorare a stretto giro. E a sorprendere è come questa spaccatura si registri proprio all'interno del Comitato ristretto pensioni, quello che anche sulla base delle ultime e ultimissime notizie è ancora il più attivo sulle stesse novità per le pensioni.

Pensioni ultime notizie e ultime, pensioni novità, ultimissime notizie (AGGIORNAMENTO 19:01): Tripiedi, ad esempio, membro dello stesso Comitato per le novità per le pensioni ha criticato fortamente l'operato dello stesso e in generale delle novità per le pensioni dicendo che non si è riusciti a portare a casa nessun risultato concreto e quello ottenuto novità per le pensioni abbastanza inutili come dall'altra parte molti critici affermano nelle ultime notizie e ultimissime

Pensioni ultime notizie e ultime, pensioni novità, ultimissime notizie (AGGIORNAMENTO 21:30): Sono interessanti le affermazioni nelle ultime notizie e ultimissime che arrivano da differenti esponenti che si occupano delle novità per le pensioni. Vi è chi cerca di sistemare il sistemabile, cosapevole, probabilmente della tante limitazioni così come chi le denuncia.

Il Comitato ristretto per le pensioni torna prepotentemente a rilanciare ulteriori modifiche alle attuali novità per le pensioni di mini pensione e quota 41 ma non solo: sono diversi gli ulteriori cambiamenti richiesti per modificare quella attuali norme pensionistiche ancora troppo rigide e troppo penalizzanti soprattutto per alcune categorie di lavoratori. Nonostante si cerchi, seppur senza ottimi risultati, di modificare le regole previdenziali attuali, si continua a farlo in maniera sperimentare e ristretto, e non si tratta di modifiche positive per tutti e capaci di raggiungere l’obietti di un rilancio occupazionale, soprattutto per i giovani. E per invertire questa tendenza, i membri del Comitato ristretto per le pensioni continuano a lavorare ed impegnarsi.

Le ultime affermazioni di Giacobbe e conseguenze per novità per le pensioni

Tra i membri del Comitato ristretto per le pensioni particolarmente attiva nel dibattito politico l’onorevole Anna Giacobbe, che ha affermato in questi ultimi giorni, stando a quanto riportano le ultime e ultimissime notizie, la necessità di occuparsi delle emergenze sociali, da occupazione, a novità per le pensioni, cercando di rilanciare concretamente strumenti di politiche attive e il concetto di un equo compenso per le prestazioni lavorative svolte, con particolare attenzione alle novità per le pensioni necessarie proprio nell’ottica di un rilancio occupazionale, ma non solo. La Giacobbe ha, infatti, anche sottolineato la necessità di colmare quelle disparità di trattamenti pensionistici (così come salariali) che esistono ancora tra uomini e donne con cambiamenti urgenti del sistema previdenziale. La stessa Giacobbe ha parlato della importanza di una ripresa delle discussioni sulle novità per le pensioni, da portare avanti con le forze sociali, per un secondo momento di forte impegno sulla questione previdenziale.

Le ultime posizioni della Gnecchi e conseguenze per novità per le pensioni

Particolarmente attiva nel dibattito previdenziale, un altro membro del Comitato ristretto per le pensioni, l’onorevole Maria Luisa Gnecchi, attivissima, come riportano le ultime notizie, e impegnatissima nella soluzione delle questioni pensionistiche riguardanti i 64enni e le quindicenni, per cui sono state presentate nuove richiesti di novità per le pensioni per permettere un ampliamento della platea dei beneficiari della possibilità di uscita prima a 64 anni. Ma si tratta anche di una personalità che in maniera molto decisa sta portando avanti quelle richieste di miglioramenti delle attuali novità per le pensioni di mini pensione e quota 41, già presentate dal Comitato ristretto qualche mese fa e che riguardano:
aumento dei tempi di non occupazione e malattia per accesso a mini pensione sociale e quota 41;
riduzione degli anni contributivi, da 36 a 35, per la mini pensione sociale di impiegati di occupazioni faticose;
cancellazione del vincolo dei 6 anni continuativi di svolgimento dell’occupazione faticose per chiedere mini pensione senza oneri e quota 41;
riduzione della percentuale di invalidità dal 75 al 60% per la richiesta di mini pensione senza oneri e quota 41.

Le ultime posizioni di Tripiedi e conseguenze per novità per le pensioni

Fortemente critico, da sempre, nei confronti delle attuali novità per le pensioni di mini pensione e quota 41, l’onorevole Tripiedi del M5S. Stando a quanto chiaramente affermato da Tripiedi, la novità per le pensioni di quota 41 decisa dall'esecutivo lede i diritti dei lavoratori che sono entrati nel mondo occupazionale sin da giovanissimi, perchè ne limita le possibilità di accesso alla pensione anticipata, non ponendoli tutti sullo stesso livello. E si tratta di una novità per le pensioni che, dunque, contribuisce solo a creare diseguaglianza sociale piuttosto che risolverla. Lo stesso Tripiedi, sulla scia di quanto da sempre rilancio dal suo stesso Movimento, rilancia sulla necessità di una quota 41 per tutti e senza alcuna penalità, e accusa l’esecutivo di aver trascurato la questione dei lavoratori che hanno iniziato a lavorare da giovanissimi, preferendo investire decine di miliardi di euro piuttosto che per loro sostegno in altri provvedimenti sempre considerati prioritari rispetto alle novità per le pensioni. Ma le ultime notizie dimostrano come sia arrivato il momento di cambiare questa tendenza e iniziare a dare priorità alle novità per le pensioni.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il