Elezioni in Danimarca: vince il centro-destra con una campagna elettorale basta anche su Internet

Molto innovativo è stato il modo con cui il leader Anders Fogh Rasmussen ha condotto la sua campagna elettorale utiizzando numerosi strumenti su Internet



Il premier Anders Fogh Rasmussen, che nel 2001 aveva ottenuto a soli 48 anni il primo successo elettorale alla guida del governo ha dichiarato raggiante che “tutto indica che il governo può continuare nella sua opera”.
 
Rasmussen aveva indetto le elezioni anticipate convinto di stravincere con una Danimarca mai così ricca, con la disoccupazione ai minimi storici (3,3%) e una crescita sostenuta (3,5%).

La gestione del governo, però, si prefigura tutt’altro che semplice. Come in molti paesi europei i problemi più attuali riguardano l’immigrazione, il fisco e la sicurezza sociale.

Ed è proprio sull’immigrazione che Rasmussen dovrà compiere l’impresa, ritenuta da alcuni molto difficile, di mettere d’accordo gli ultra-nazionalisti xenofobi del partito del popolo danese, guidati da Pia Kjaersgaard, Nuova Alleanza, il nuovo partito fondato dal siriano-palestinese Naser Khader fuoriuscito dai radicali per fondare il suo nuovo partito, che si fa carico delle esigenze degli immigrati.

Molto innovativo è stato il modo con cui il leader liberale ha condotto la sua campagna elettorale, creando un suo blog, un profilo su Myspace e un wall dove ha creato più di tremila contatti soprattutto con giovani internauti a cui, alla vigilia delle elezioni, ha poi dato appuntamento per fare jogging nel porto di Copenaghen.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il