Pensioni ultime notizie quota 100, quota 41, mini pensioni decreti attuativi e seconda fase pensioni da incontri Governo-Sindacati

Attesi decreti attuativi per attuali novità per le pensioni e avvio seconda fase per ulteriori: ultime notizie attese da prossimi incontri tra sindacati e governo

Pensioni ultime notizie quota 100, quota

pensioni novità incontri sindacati governo decreti seconda fase



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 23:30): Saranno due le macro decisioni che dovranno prendere negli incontri che inizieranno domani lunedì e poi giovedì per le novità per le pensioni tra Sindacati e Governo Gentiloni. Nel primo ci saranno decisioni legate ai decreti attuativi su mini pensioni con oneri e senza oneri e quota 41 che potrebbero essere quelle ufficiali che si ritroveranno anche nei drecti ufficiali anche se non c'è nelle ultime notizie e ultimissime ancora nessuna certezza.
 

I prossimi incontri di lunedì 20 marzo e giovedì 23 marzo tra sindacati e governo si preannunciano piuttosto importanti per la definizione ufficiale degli ultimi dettagli relativi a mini pensione e quota 41 che dovranno essere inseriti nei decreti attuativi e l’avvio della seconda fase di lavoro sulle ulteriori novità per le pensioni che potrebbero essere inserite nel nuovo documento di programmazione economica, documento che pone le basi per i provvedimenti che dovranno esser poi inseriti nella prossima manovra, ma al momento pronto alla sua prima stesura, quindi suscettibile di numerosi cambiamenti fino alla versione definitiva.

Ciò significa che le novità per le pensioni che potrebbero essere al momento inserite nel documento potrebbero poi anche essere cambiate o anche saltare del tutto. Molto, ormai lo sappiamo bene, dipenderà dal budget disponibile e al momento le ultime notizie in merito alla disponibilità di soldi da impiegare per successive novità per le pensioni non sono proprio positive. E proprio questa mancanza sta creando divergenza tra le novità per le pensioni da analizzare in un secondo momento.

L’incontro di lunedì 20 marzo tra sindacati e governo e cosa aspettarsi per novità per le pensioni

Dal’incontro di lunedì, come detto, dovrebbero arrivare comunicazioni ufficiali relative ai chiarimenti attesi sulle regole ufficiali di funzionamento delle ultime novità per le pensioni di mini pensione e quota 41 da inserire nei rispettivi decreti attuativi. In particolare, i dettagli attesi, che tra l’altro avrebbero dovuto già essere resi noti in un incontro sempre tra governo e sindacati della scorsa settimana ma poi appunto rimandato a lunedì proprio perché non si era riusciti a definire novità, riguardano:

  1. definizione dei tassi di interesse che dovranno essere calcolati sulla mini pensione da restituire agli istituti di credito;
  2. condizioni delle polizze assicurative da stipulare obbligatoriamente;
  3. definizione dei criteri ufficiali di priorità di accesso a mini pensione senza oneri e quota 41;
  4. eventuale allargamento delle categorie di lavoratori che potranno richiedere mini pensione senza oneri e quota 41 ad essa collegata;
  5. possibile revisione di alcuni requisiti necessari per la richiesta di mini pensione e quota 41:
  6. tempi ufficiali di entrata in vigore di mini pensione con e senza oneri e quota 41.

Stando alle ultime notizie, infatti, le ultime novità per le pensioni dovrebbero entrare in vigore a partire dal prossimo primo maggio ma non è ancora chiaro se il primo maggio sarà proprio il momento in cui si potrà già andare in pensione prima o se sarà la data a partire dalla quale si potranno iniziare ad inviare le domande di richiesta di accesso a mini pensione e quota 41. Per capire i tempi ufficiali, è dunque, necessario che i decreti attuativi arrivino entro la fine del mese altrimenti rischia di slittare l’entrata in vigore delle ultime novità per le pensioni di mini pensione e quota 41 così come rischia di slittare l’avvio delle discussioni della seconda fase di analisi di ulteriori novità per le pensioni. E tutto potrebbe nuovamente arrivare a bloccarsi.

L’incontro di giovedì 23 marzo tra sindacati e governo e cosa aspettarsi per novità per le pensioni

All’indomani dell’incontro di lunedì sulle ultime novità per le pensioni di mini pensione e quota 41, giovedì 23 marzo si terrà un nuovo incontro tra sindacati e governo che sarà incentrato questa volta su nuove modifiche pensionistiche, con avvio delle discussioni sulla seconda fase di analisi di ulteriori novità per le pensioni che dovranno essere più importanti delle attuali mini pensioni e quota 41 e che, budget permettendo, potrebbero essere inserite nel nuovo documento di programmazione economica, che pone le basi per le misure da inserire successivamente nella prossima manovra. Bisognerà, dunque, far bene i conti prima di annunciare qualsiasi novità per le pensioni che se non dovesse ancora una volta essere attuata potrebbe creare non poco malcontento e polemiche. Al momento, tuttavia, non sembrerebbe esserci particolare convergenza sulle effettive ulteriori novità per le pensioni da portare avanti. Le ipotesi riguardano:

  1. novità per le pensioni di quota 100;
  2. novità per le pensioni di quota 41 per tutti e senza oneri;
  3. novità per le pensioni con revisione delle speranze di vita;
  4. novità per le pensioni per rilanciare previdenza complementare e integrativa;
  5. novità per le pensioni a costo zero per le singole casse di categoria.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il
Puoi Approfondire