Spesometro 2017: proroga scadenza possibile. Problemi tanti da risolvere ancora come dubbi da chiarire

Le sviste o i ritardi dell'Agenzia delle entrate in relazione allo Spesometro 2017 riguardano alcuni aspetti ben precisi.

Spesometro 2017: proroga scadenza possib

Spesometro 2017: i dubbi da chiarire



AGGIORNAMENTO: L’Agenzia delle Entrate ha già attivato nel proprio sito internet una sezione specifica che consentirà di iniziare con le operazioni di organizzazione dei dati. Tra meno di un mese bisogna spedire l’ultimo spesometro annuale. Le scadenze sono del dieci aprile per i contribuenti mensili e del venti per quelli trimestrali. Esistono ancora alcuni dubbi da chiarire però.

Si sta prospettando il caos sullo Spesometro 2017 ovvero l'obbligo di comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini Iva. E, anticipiamolo subito, si comincia già a parlare di proroga. Le date da segnare sul calendario sono quelle del 10 aprile 2017 per i contribuenti che liquidano l'Iva a cadenza mensile e del 20 aprile 2017 per chi la liquida trimestralmente. Ma c'è anche quella del 16 settembre per la comunicazione dei dati delle fatture emesse e di quelle ricevute e registrate nel 2017 sia nel caso di trasmissione per obbligo sia per opzione. Insomma, per il primo appuntamento i tempi sono ormai prossimi, ma a quanto pare l'Agenzia delle entrate non è ancora pronta. Almeno sulla base di quanto appare sul sito dell'Agenzia delle entrate.

Spesometro 2017: i dubbi da chiarire

Le sviste o i ritardi dell'Agenzia delle entrate in relazione allo Spesometro 2017 riguardano alcuni aspetti ben precisi. Ad esempio, in alcuni quadri del modello è presente lo spazio per inserire i dati delle operazioni con soggetti non residenti nonostante la lista dei Paesi della black list sia stata soppressa sin dalle comunicazioni relative allo scorso periodo di imposta. E che dire dell'esonero delle agenzie di viaggio per importi inferiori ai 3.000 euro in vigore lo scorso anno ma per cui manca la proroga essendo una misura di carattere non strutturale? Ma che qualcosa stia cambiando è dimostrato dall'allestimento della nuova sezione Fatture e corrispettivi nel portale dell'Agenzia delle entrate che, come illustrato, offre servizi per:

  1. censire e attivare i dispositivi, ottenere i certificati da inserire, per la memorizzazione e trasmissione telematica sicura dei dati dei corrispettivi;
  2. generare, trasmettere e conservare le fatture elettroniche verso la pubblica amministrazione e i clienti privati;
  3. memorizzare e trasmettere i dati dei corrispettivi;
  4. trasmettere i dati delle fatture all'Agenzia delle entrate.

Cambiamenti in vista con lo Spesometro 2017

C'è già il semaforo verde all'invio della comunicazione all'Agenzia delle entrate delle operazioni dello Spesometro 2017 relativo a primo semestre entro il 18 settembre. In realtà, come premesso, l'ultimo giorno utile è individuato nel 16 settembre, ma essendo un sabato slitta al lunedì successivo. Per quanto riguarda il secondo semestre, l'appuntamento è al 28 febbraio 2018. La trasmissione delle liquidazioni periodiche Iva rimane comunque su base trimestrale con scadenze individuate il 31 maggio 2017, il 18 settembre 2017, il 30 novembre 2017 e il 28 febbraio 2018. La comunicazione relativa allo Spesometro 2017 può essere effettuata inviando i dati in forma analitica o in forma aggregata. L'opzione è vincolante per l'intero contenuto della comunicazione, anche in caso di invio sostitutivo. Ma occorre fare presente che la forma aggregata non è permessa per la comunicazione relativa ad acquisti da operatori economici sammarinesi, acquisti e cessioni da e nei confronti dei produttori agricoli, acquisti di beni e di prestazioni di servizi legate al turismo.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il