Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 100, quota 41 urgenti per rilancio pensioni-produttivià

Cala la produttività in Italia e sono sempre più urgenti novità per le pensioni: ultime notizie, dati e necessità di cambiamenti dell’attuale sistema

Pensioni ultime notizie mini pensioni, q

pensioni novità aumento urgente produttività calo



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:30):  C'è, dunque, un connubio tra rilancio delle pensioni e produttività che dai dati nelle ultime notizie e ultimissime è pesantemente e in modo preoccupante in forte, fortissimo calo nel nostro Paese. Ed lo è stesso connubio che collega le novità per le pensioni ad essere importanti e fondamentali per l'intero rilancio economico.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:30): Ulteriori dati mostrano il calo della produttività in Italia e tra le cause vi si trova anche l'eccessiva rigidità del mercato che porta alla mancata innovazione e all'utilizzo di nuove tecnologie causate anche dallo scarso impiego dei giovani la cui occupazione è bloccata nelle ultime notizie e ultimissime da una "popolazione" attiva sul mercato sempre più "vecchia", loro malgrado perchè vorrebbero la maggior parte ovviamente smettere. E anche da qui nascono le motivazioni per novità per le pensioni urgenti e rilevanti.

Il grande problema della produttività in forte calo, attestato dalle ultime notizie, dovrebbe imporre una importante riflessione sulle reali necessità del nostro Paese e delle misure che servirebbero per rilanciare la crescita economica italiana e ridurre quel debito pubblico che continua ad aumentare: stando alle ultime e ultimissime notizie rese note già dall’Ocse il debito pubblico italiano in aumenta blocca i provvedimenti importanti e costosi che, invece, servirebbero per rilanciare crescita e sviluppo, comprese quelle novità per le pensioni che contribuiscono a rilanciare occupazione, soprattutto giovanile, e quindi produttività.

Produttività in calo e urgenza di novità per le pensioni
 

Il calo della produttività, come spiegano le ultime notizie, è anche il risultato della rigidità dell’attuale sistema pensionistico, a più riprese indicato come causa dello stallo dell’occupazione, perché ha allungato l’età pensionabile per tutti, costringendo i lavoratori più anziani a rimanere a lavoro e lasciando fuori i più giovani, che sono i più esperti conoscitori delle ultime tecnologie grazie alle quali si può dare spinta alla produttività. Gli ultimi dati sull’andamento della produttività per l’Italia sono emblematici e importanti: nel confronto internazionale: considerando la soglia 100, l’Italia è ferma a quota 94,5, mentre la Spagna arriva a 102,1 e la Germania, a fine 2016, è arrivata a 109,2.

La divergenza tra le economie è palese e tutto dipende dalla differenza di livelli di produttività perché, come ben si comprende, la bassa produttività  riduce il potenziale di crescita e insieme alla produttività a frenare l’economia, stando alle ultime e ultimissime notizie, la giustizia lenta, la pubblica amministrazione poco efficiente e scarsa innovazione e specializzazione. Per cercare di risolvere il problema produttività l’attuale esecutivo è impegnato con il nuovo Industria 4.0 che, stando alle ultime notizie, si propone di dare nuova spinta a ricerca e innovazione per migliorare il mondo del mercato occupazionale. Gli impegni ci sono, dunque, ma la via migliore per dare nuova spinta a occupazione e produttività, come spiegato diverse volte, sarebbe quella di revisione delle attuali norme previdenziali con novità per le pensioni importanti e profonde.

Novità per le pensioni importante per rilancio della produttività

L’approvazione di novità per le pensioni che siano profonde e positive per tutti, andando oltre le attuali novità per le pensioni di mini pensione e quota 41, contribuirebbero a risolvere tanti errori e problemi causati dall’entrata in vigore delle attuali regole pensionistiche, ponendo, dunque, fine a determinate condizioni sociali di grande disagi, e d’altro canto permetterebbero, come detto, di rilanciare l’occupazione giovanile e, di conseguenza, l’economia in generale. Ma quali sarebbero le novità per le pensioni davvero importanti? Le novità per le pensioni che potrebbero effettivamente avere conseguenze positive sono:

  1. novità per le pensioni di quota 100;
  2. novità per le pensioni di quota 41 per tutti;
  3. revisione totale delle attuali regole previdenziali anche con modifiche del sistema delle speranze di vita.

Si tratta, infatti, di novità per le pensioni che permettono ai lavoratori più anziani di andare in pensione prima rispetto all’attuale soglia pensionistica, agevolando dunque l’uscita dal lavoro per coloro che raggiunta una certa età sono stanchi e impossibilitati a lasciare il lavoro all’età attualmente prevista, contestuale assunzione dei lavoratori più giovani che darebbero nuova spinta a produttività e, dunque, economia in generale, creando un nuovo circolo economico di crescita.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il