Spesometro 2017: proroga richiesta scadenza invio 10 Aprile. Problemi oggi mercoledì non risolti, Agenzia Entrate chiarimenti

In attesa della proroga, l'Agenzia delle entrate fornisce nuovi chiarimenti sui casi particolari legati allo spesometro 2017.

Spesometro 2017: proroga richiesta scade

Spesometro 2017, istruzioni ed esoneri



AGGIORNAMENTO: Nessuna novità oggi mercoled 5 Aprile per la proroga dello spesometro 2017 per la richiesta di reinvio rispetto alla data del 10 Aprile, del primo invio della scadenza. Al momento nulla, ma le richieste si fanno più pressanti per i motivi scritti sotto. Aggiornamenti in tempo reale li daremo non appena avremo più notizie e novità

AGGIORNAMENTO: Per quanto riguarda lo spesometro 2017 il dibattito continua ad essere aperto su una potenziale proroga delle scadenze per le operazioni rilevanti ai fini Iva. La poca chiarezza che ha caratterizzato la questione fino a questo momento, infatti, sembra aprire la strada a uno slittamento dei tempi. 

Con l'avvicinarsi delle scadenze relative allo spesometro 2017 ovvero le operazioni rilevanti ai fini Iva, aumentano le richieste di proroga al pari dei chiarimenti dell'Agenzia delle entrate. Si tratta di uno scenario che, al pari dello scorso anno, si rinnova di nuovo e forse per l'ultima volta. Chiuso questo capitolo cambiano infatti le norme che lo regolano. E così, in attesa di capire se lo slittamento dei tempi si concretizzerà, le date da segnare sul calendario sono quelle del 10 aprile 2017 per i contribuenti che liquidano l'Iva a cadenza mensile e del 20 aprile 2017 per chi la liquida su base trimestrale. Si cerca di capire se ci sono margini di manovra per aprire il confronto con l'Agenzia delle entrate per la concessione di qualche giorno supplementare per assolvere a quest'obbligo.

Spesometro 2017 tra proroga e nuovi casi particolari

Cercando allora di capire quali possano essere i margini di manovra per intervenire sulla proroga, l'Agenzia delle entrate fornisce nuovi chiarimenti sui casi particolari legati allo spesometro 2017, ed esattamente quelle relative a

  1. Autotrasportatori
  2. Corrispettivi Snai
  3. Cessioni gratuite oggetto di autofattura
  4. Fatture ricevute da contribuenti che adottano il regime fiscale di vantaggio

Entrando nel dettaglio, per gli autotrasportatori iscritti al relativo albo che possono annotare le fatture emesse entro il trimestre solare successivo a quello di loro emissione, l'obbligo di inserimento nella comunicazione scatta al momento in cui sono registrate. In merito ai corrispettivi Snai, sono considerati rilevanti e pertanto oggetto di comunicazione tutte le seguenti tipologie: corrispettivi scaturenti dagli estratti conto quindicinali Snai al gestore degli apparecchi da intrattenimento; fatture emesse dal pubblico esercizio dove sono collocati gli apparecchi nei confronti del gestore degli stessi; corrispettivi derivanti da singole giocate al Lotto da parte di soggetti privati.

Le cessioni gratuite di beni oggetto di autofatturazione rientranti nell'attività propria dell'impresa cedente sono da comunicare con l'indicazione della partita Iva del cedente. Infine, per quanto riguarda le fatture ricevute da contribuenti che adottano il regime fiscale di vantaggio, l'operazione, pur non recando addebito di imposta, è da considerare comunque rilevante e quindi soggetta a registrazione ai fini Iva ed è pertanto da comprendere nella comunicazione.

E sempre a proposito dello spesometro, confermata anche quest'anno l'esclusione dagli obblighi della comunicazione all'Anagrafe tributaria delle operazioni rilevanti ai fini dell'imposta sul valore aggiunto sia per le amministrazioni pubbliche sia per quelle autonome. Questa previsione va nella scia della semplificazione degli adempimenti di natura tributaria. In particolare, l'obiettivo è di proseguire sulla strada aperta con l'adozione della fatturazione elettronica e con l'introduzione dello split payment, così da proseguire nello sfoltimento e nella riduzione delle incombenze che gravano sugli enti pubblici.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il